Zara prende una grande decisione ed entra nel mercato dell’usato

Con le sue collezioni eleganti e la sua eleganza Zara ha sedotto le fashioniste di tutto il mondo. I suoi prodotti di tendenza e prezzi accessibili le hanno garantito un posto nel cuore degli amanti dello shopping.

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Tuttavia, in il prêt-à-porterCome in altri settori, si possono osservare diversi effetti della crisi. In primo luogo, il COVID ha portato molti clienti a preferire l’acquisto online. Pertanto, piattaforme come SCHIAVO hanno conquistato molte quote di mercato. Ma allo stesso tempo, alcune persone hanno sviluppato una coscienza ecologica. In un contesto di rischi climatici e inflazione, consumare abiti nuovi diventa fuori moda. Per limitare le spese e l’impronta di carbonio, le persone non esitano ad acquistare oggetti di seconda mano. Questa evoluzione, il marchio Zara se l’aspettava

Il successo dell’usato nel 2022

Oggi, comprare nuovi vestiti sembra essere una scelta reale eticae persino politico. In effetti, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da prodotti a basso costo. H&M e Zara hanno quindi fatto del loro meglio per trarre ispirazione dai grandi stilisti, per un prezzo molto basso.

Ma La riduzione dei costi finisce sempre per incidere sulla qualità. Di conseguenza, molti clienti hanno iniziato ad evitare il fast fashion. Il motivo? Condizioni di produzione e spedizione dannose per il pianeta. Ma alcuni osservatori denunciare anche la sorte dei lavoratori che cuciono i nostri abiti in Asia. Di fronte a questa nuova critica, Zara ha dovuto reinventarsiper mantenere una base di clienti in crescita.

Zara passa all’usato e lancia la sua piattaforma https://t.co/Hfz3nd9NEB pic.twitter.com/ERlTTgprWx
– La Voix du Nord (@lavoixdunord) 26 ottobre 2022

Come Zara, altri retailer si danno all’ecologia

Negli ultimi anni, il dibattito sull’impatto ambientale dell’industria tessile è esplosa. Oggi i consumatori vogliono sapere da dove proviene un prodotto. prodotto proviene dae come è stato progettato. Alcuni non esitano più a mobilitare l’opinione pubblica in caso di problemi. In questo contesto, alcuni grandi player come H&M hanno già cercato di agire in modo più rispettoso dell’ambiente. Il gigante svedese ha proposto di produrre abiti con materiali riciclati.

Dalla sua parte, il marchio Zara sembra più ispirato all’opzione dell’usato. Per il momento, la piattaforma “Pre-Owned” sarà lanciata nel Regno Unito. Se questo modello Se il modello funziona, può essere esteso ad altri Paesi.

Il concetto rimane semplice. I clienti possono rivendere i pezzi acquistati da Zara. L’azienda consente loro di pubblicare le proprie offerte e di incontrare gli acquirenti online. Tuttavia, essi rimangono responsabili della spedizione del pacco. Questa innovazione può essere interessante per i clienti che hanno bisogno di parte vintage.
Tuttavia, questo nuovo negozio Zara rischia inoltre di duplicare piattaforme di successo come Vinted. In effetti, il mercato dell’usato offerto da Zara è limitato a articoli di marca. Questo significa molti vincoli per gli acquirenti e i venditori che utilizzeranno “Pre-Owned”. Nel contesto, questo mercato onlineQuesto mercato online, altamente vincolato, potrebbe fallire.

In ogni caso, questa scelta di Zara ci dice che sia i clienti che le aziende stanno subendo grandi cambiamenti. Lontano dai tradizionali modelli di vendita al dettaglio, il abbonamenti e si stanno diffondendo anche i servizi di noleggio. Così, dopo Netflix, anche le catene Del Arte o Decathlon propongono pacchetti all-you-can-eat o pacchetti per il noleggio.