Le pistole

Le pistole “intelligenti” – progettate per limitare chi può spararle – sono pronte a colpire il mercato in forte espansione degli Stati Uniti quest’anno, mirando a aumentare le morti per armi da fuoco mentre i legislatori nazionali rimangono bloccati sulle restrizioni sulle armi da fuoco.

Le pistole “intelligenti” progettate per limitare chi può sparare loro sono pronte a colpire il mercato in forte espansione delle armi da fuoco negli Stati Uniti quest’anno, mirando a aumentare le morti per armi da fuoco mentre i legislatori federali rimangono bloccati su qualsiasi nuova restrizione.

Le domande sull’affidabilità e le lotte politiche hanno assillato la tecnologia per decenni, ma i sostenitori affermano che è un’opportunità per impedire a bambini, criminali o persone che considerano autolesionismo di premere il grilletto.

Tuttavia, se le armi mortali saranno accettate dagli acquirenti, si esibiranno come previsto nella vita reale o manterranno la loro promessa di aumentare la sicurezza delle armi sono domande che potrebbero richiedere anni prima di una risposta definitiva.

“Non ho una sfera di cristallo per sapere se andrà bene in equilibrio, male in equilibrio o, in definitiva, come altre pistole intelligenti in passato, una specie di disastro”, ha affermato Adam Skaggs, chief counsel e policy director di gun gruppo di difesa del controllo Giffords.

Il sistema dell’azienda dell’imprenditore Tom Holland SmartGunz utilizza chip RFID, simili agli emettitori che molte persone usano nelle loro auto per pagare i pedaggi, installati all’interno degli anelli.

Quando i tiratori impugnano la pistola con la mano che indossa l’apposito anello, un meccanismo di sicurezza si sblocca, consentendo alla pistola di sparare.

Holland vede applicazioni nella protezione degli agenti di polizia che potrebbero farsi strappare la pistola da un sospetto; o i genitori temevano che i loro figli potessero trovare la loro arma da fuoco.

“Si tratta solo di sicurezza delle armi”, ha detto all’AFP. “Per quei consumatori che desiderano una ‘pistola più sicura’… possono accedervi se sentono di aver bisogno di una protezione letale sulla loro proprietà”.

Si aspetta che la sua pistola, che secondo lui è stata testata da alcuni poliziotti negli Stati Uniti, inizi a vendere ai civili entro aprile o maggio.

Questa foto non datata per gentile concessione di SmartGunz, LLC, mostra il presidente dell'azienda G. Thomas ("tom") Holland II in posa whi

Questa foto non datata per gentile concessione di SmartGunz, LLC, mostra il presidente dell’azienda G. Thomas (“Tom”) Holland II in posa mentre tiene il suo prodotto a Baldwin City, Kansas.

Una società armata

Qualsiasi vendita avverrebbe in un contesto senza precedenti negli Stati Uniti, dove circa il 40% degli americani adulti vive in una famiglia di proprietari di armi, secondo il Pew Research Center.

Secondo la società di consulenza Small Arms Analytics & Forecasting, le vendite di armi da fuoco hanno stabilito un record nel 2020, con quasi 23 milioni di copie vendute.

Dopo le proteste per la giustizia razziale e l’inizio della pandemia, gli Stati Uniti hanno visto nel 2020 il più grande aumento degli omicidi dall’inizio dei record nazionali nel 1960, sebbene i livelli complessivi di omicidi siano rimasti al di sotto degli anni ’90.

L’orrore ricorrente delle sparatorie di massa in America provoca intense esplosioni di attenzione, ma oltre la metà delle circa 40.000 morti annuali per armi da fuoco sono suicidi.

Ginger Chandler, co-fondatrice del produttore di armi intelligenti LodeStar Works, ha affermato che i passaggi di autenticazione dell’utente sono un cuscinetto fisico contro incidenti, suicidi e crimini e una barriera psicologica.

“In tempi di stress, qualcuno che è autorizzato prenderà l’arma da fuoco, ma deve fare quel passo (extra)”, ha detto. “Forse li fa fermare e dire ‘Ehi, voglio davvero farlo adesso?'”

La pistola da 9 mm che la sua azienda sta sviluppando, che prevede di avere sul mercato entro il 2023, può essere sbloccata in tre modi: sensore di impronte digitali, app per smartphone o una tastiera per inserire un codice.

"Accorto" le pistole, come quella che Ken Chandler sta provando a sparare in questa immagine di cortesia, sono progettate per limitare chi può sparare

Le pistole “intelligenti”, come quella che Ken Chandler sta provando a sparare in questa immagine di cortesia, sono progettate per limitare chi può spararle.

lobby dei diritti delle armi

Questi nuovi entranti arrivano dopo anni di turbolenze per le armi “intelligenti”.

Il produttore di armi da fuoco statunitense Smith & Wesson ha concordato con l’amministrazione dell’allora presidente Bill Clinton nel 2000 di attuare riforme per la riduzione della violenza armata che includessero lo sviluppo di armi intelligenti, ma l’accordo è fallito sotto il contraccolpo della potente lobby americana per i diritti delle armi.

Una legge statale del New Jersey del 2002 che avrebbe vietato le pistole senza la tecnologia di autenticazione dell’utente ha suscitato scalpore ed è stata riformulata nel 2019 per richiedere ai negozi statali di armi da fuoco di vendere pistole intelligenti una volta che saranno disponibili in commercio.

Poi è arrivato il caso della pistola intelligente sviluppata dalla società tedesca Armatix, che è stata derisa dopo che un hacker ha dimostrato nel 2017 che la tecnologia di sicurezza poteva essere sconfitta con i magneti.

Inoltre, mentre il concetto di pistola intelligente ha ricevuto il sostegno dei sostenitori del controllo delle armi, alcuni esperti sottolineano che è ancora un’arma mortale.

“L’intera discussione sulle armi intelligenti ignora il modo più comune in cui le armi vengono utilizzate per uccidere negli Stati Uniti: il suicidio da parte della persona che ha acquistato la pistola”, ha detto all’AFP Daniel Webster, direttore del Johns Hopkins Center for Gun Policy and Research. .

Eppure la tecnologia ha un fascino soprattutto perché la polarizzazione politica sembra garantire l’assenza di nuove restrizioni federali sulle armi nel prossimo futuro.

Il co-fondatore di LodeStar Gareth Glaser ha affermato che la società ha cercato di rimanere fuori dalla politica dei diritti sulle armi e che il loro prodotto cerca di evitare anche quel dibattito.

“È una soluzione alternativa”, ha detto. “Preferiremmo davvero che il governo ne restasse fuori e consentisse al consumatore di fare la scelta”.


© 2022 AFP

Articolo precedenteIl tribunale del Cile blocca l’accordo multimilionario sul litio
Articolo successivoSuit dice che Google, i capi di Facebook hanno approvato il patto di mercato