Home Notizie recenti Un nuovo tipo di unione si sta formando nei negozi Amazon Fresh...

Un nuovo tipo di unione si sta formando nei negozi Amazon Fresh di Seattle

181
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

La spinta a sindacalizzare Amazon è arrivata a Seattle, ma non si svolgerà allo stesso modo di altre iniziative sindacali.

Invece dei magazzinieri, si concentra su quei dipendenti Amazon che servono pranzi e riforniscono scaffali di generi alimentari. Invece di una campagna organizzativa che culmina in un voto formale per determinare se la struttura si unirà, questo gruppo ha dichiarato di essere già un sindacato.

Secondo Joseph Fink, membro del sindacato e dipendente di Amazon, i lavoratori di un negozio di alimentari Amazon Fresh nella 23rd Avenue South e South Jackson Street nel distretto centrale di Seattle si stanno organizzando da mesi per formare un sindacato indipendente, Amazon Workers United.

Il sindacato è stato “creato da noi, per noi”, ha affermato Fink, e fa parte di uno sforzo per creare un ambiente di lavoro più sicuro e salutare per tutti i lavoratori di Amazon. Richiede una retribuzione più elevata e migliori condizioni di lavoro e sta diffondendo il suo messaggio ad altri negozi Amazon Fresh a Seattle. Fink ha detto che i lavoratori di tre sedi nell’area stanno pianificando di formare sindacati nei propri negozi.

Giovedì, Amazon Workers United ha accusato Amazon di rappresaglia contro i loro sforzi sindacali annunciando la chiusura di diverse librerie in tutto il paese. Amazon afferma che quelle accuse sono false e che sta chiudendo quei negozi fisici per concentrare maggiori sforzi sulla sua attività di alimentari. Non riconosce il sindacato di Amazon Fresh.

“Le persone in quel negozio sono infelici, scontente, disilluse, semplicemente stanche del modo in cui vengono trattate”, ha detto Fink. “Continueremo a organizzarci e continueremo a fare tutto ciò che è in nostro potere per spingerli e fare pressione su di loro”.

Fink, un residente del distretto centrale di 28 anni la cui carriera ha incluso il lavoro in 12 negozi di alimentari, afferma che la campagna sindacale è iniziata prima dell’apertura al pubblico del negozio Amazon Fresh ad agosto.

Mentre stavano preparando il negozio per il giorno dell’apertura, ai lavoratori è stato detto che potevano mangiare il cibo avanzato che stava per essere buttato via, come gli involtini di uova del bar caldo che Amazon Fresh in genere sostituisce ogni due ore. Ma, dice Fink, la direzione ha invertito quella politica inaspettatamente e ha disciplinato i dipendenti per un cambiamento di cui non erano a conoscenza e che non capivano.

Ciò ha dato il via a una “cultura della paura davvero intensa”, ha detto Fink. “La conversazione era già lì, le persone stavano già cercando questo tipo di risorsa e supporto. C’era molta confusione su ‘Perché non abbiamo un sindacato?'”

Da allora, Fink ha lasciato il negozio, ha lavorato in un magazzino Amazon nel Kent durante le intense festività natalizie e quest’anno è tornato ad Amazon Fresh per continuare a organizzare con i colleghi.

La spinta sindacale di Amazon Fresh si sta concretizzando mentre i sindacati di tutta la nazione e le industrie stanno facendo luce sulle richieste dei lavoratori. A Chicago, i magazzinieri di Amazon hanno organizzato uno sciopero a dicembre, chiedendo una paga più alta e migliori condizioni di lavoro. Il sindacato Teamsters si è impegnato a rendere l’organizzazione di Amazon una priorità. E i lavoratori di due magazzini a Staten Island, New York, e uno a Bessemer, in Alabama, voteranno presto per formare un sindacato.

I lavoratori di un negozio REI a New York hanno votato per la sindacalizzazione mercoledì e i lavoratori di tre negozi Starbucks hanno votato per la sindacalizzazione da dicembre.

Il negozio Amazon Fresh nel Central District ha 150 dipendenti.

Fink sostiene che il gruppo Amazon Fresh è stato un sindacato “da sempre”, ma è diventato più organizzato dopo che una sentenza del National Labor Relations Board di dicembre ha richiesto ad Amazon di pubblicare avvisi ai dipendenti sul loro diritto a unirsi al sindacato e sulla protezione dalle ritorsioni.

Dopo aver ricevuto quell’avviso, Fink è andato al lavoro prima di un turno e ha affisso volantini sindacali, segnando un avviso ufficiale per gestire che i lavoratori di quel negozio Amazon Fresh si consideravano un sindacato.

“Dobbiamo farlo ora. Avremo le elezioni a Bessemer. Hanno violato i nostri diritti. Starbucks sta spingendo. REI sta spingendo. Questo è qualcosa su cui dobbiamo spingere ora perché la conversazione sta già andando avanti”, loro hanno detto.

Dal punto di vista di Amazon, “i dipendenti possono scegliere se aderire o meno a un sindacato e non hanno scelto di farlo in questo negozio”, ha affermato la portavoce Maria Boschetti. “Il nostro obiettivo rimane quello di lavorare direttamente con il nostro team per rendere Amazon un ottimo posto dove lavorare”.

Amazon Workers United ha deciso di non seguire la tradizionale strada della sindacalizzazione, che richiede la presentazione di una petizione, con il sostegno di almeno il 30% dei dipendenti, e lo svolgimento di un’elezione, con il sostegno della maggioranza degli elettori, secondo l’NLRB.

Il sindacato Amazon Fresh ha adottato una tattica organizzativa diversa, formando un sindacato a sé stante, che ha affermato che avrebbe portato avanti il ​​processo più velocemente e avrebbe comunque protetto i lavoratori.

I lavoratori sarebbero protetti se Amazon si vendicasse di loro per l’attività sindacale, secondo Sarah Ryan, professoressa emerita all’Evergreen State College di Olympia che studia lavoro e relazioni industriali

Se si verificasse una rappresaglia, l’NLRB potrebbe ordinare ad Amazon di reintegrare i lavoratori se scoprisse che sono stati licenziati ingiustamente. Ma la penalità non fa molto al di là di questo, ha detto Ryan. Avrebbe richiesto ad Amazon di pagare gli stipendi dei lavoratori che avevano perso, meno tutto ciò che i lavoratori guadagnavano se nel frattempo avessero ottenuto un nuovo lavoro, e avrebbe affisso poster in cui si diceva che non lo avrebbero fatto di nuovo.

Nel mondo dei rapporti di lavoro, alcune persone la chiamano “la cura della carta da parati”.

Una strategia sindacale come quella di Amazon Workers United si basa su un forte sostegno da parte della forza lavoro e della comunità, nella speranza che spinga l’azienda a reagire e apportare modifiche in risposta alle richieste dei lavoratori, ha affermato Ryan.

“La teoria è che ti comporti come un sindacato, mostri unità, ti prendi cura l’uno dell’altro, ti rappresenti a vicenda e cerchi di ottenere concessioni anche se non hai la maggioranza elettorale dell’NLRB”, ha detto. “È pionieristico e, se funziona per loro, daranno un contributo reale”.

A marzo, il sindacato ha inviato un elenco di richieste alla direzione, tra cui un salario minimo iniziale di $ 25, una modifica alla politica di presenza dell’azienda, sedie per i cassieri, il diritto di indossare spille Black Lives Matter al lavoro e l’implementazione di più formazione per prevenire molestie sessuali sul posto di lavoro.

E ha fissato una scadenza ai suoi sforzi: se non avesse ricevuto una “risposta ragionevole” dalla direzione in 60 giorni, avrebbe colpito.

Dal momento che Amazon Workers United non assomiglia alla maggior parte dei sindacati, anche il suo sciopero, se arriva, non assomiglierà alla maggior parte degli scioperi.

Potrebbe non avere un picchetto che i lavoratori e i clienti sono incoraggiati a non attraversare e potrebbe non includere nemmeno uno sciopero. Uno sciopero di 10 minuti sarebbe considerato un successo, ha detto Fink.

Da quando si è organizzata, Amazon Workers United ha affermato che la società ha già respinto.

Fink ha sporto denuncia presso l’NLRB contro la società a febbraio, sostenendo che la direzione ha minacciato di “intensificare ulteriormente la disciplina” se avesse continuato a organizzare gli sforzi.

Fink era arrivato in anticipo a un turno per distribuire volantini e informazioni sul sindacato del negozio, prima di arrivare in tempo, secondo la denuncia. Dopo una pausa pranzo, hanno detto che la direzione si è avvicinata a loro e “mi ha disciplinato per aver condiviso le informazioni sul sindacato con i miei colleghi”. Gli è stato detto che era il loro primo avvertimento.

Il sindacato ha presentato ulteriori accuse contro Amazon all’NLRB a marzo, nonché all’Office for Civil Rights di Seattle e all’Office of Labor Standards di Seattle.

Giovedì, Amazon Workers United ha presentato una terza accusa all’NLRB, sostenendo che la decisione di Amazon di annunciare pubblicamente la chiusura di diversi punti vendita era in “ritorsione diretta alla nostra richiesta di una retribuzione migliore, un ambiente di lavoro più sicuro e la fine delle molestie sessuali, “secondo gli atti legali.

Boschetti di Amazon afferma che “le accuse nelle accuse presentate all’NLRB sono false e non vediamo l’ora di dimostrarlo attraverso questo processo”.

E le chiusure non sono un allontanamento dalla vendita al dettaglio, secondo il portavoce Betsy Harden.

Piuttosto, la chiusura delle sue librerie, negozi a 4 stelle, dove i clienti possono acquistare elettronica, giocattoli e articoli per la casa, e le sue iniziative Pop Up consentono all’azienda di concentrarsi maggiormente sulle sue opzioni di generi alimentari, tra cui Amazon Fresh, Amazon Go e Whole Foods Markets, Harden disse.

Camminando per i corridoi di Amazon Fresh nel distretto centrale, Fink, che ha lavorato nei negozi di alimentari sin dal primo lavoro in Kroger a 16 anni, ha detto che non è difficile sentire e vedere il “malcontento” dei loro colleghi.

“Penso che questo faccia parte di quel processo di [Amazon] entrare nel settore della drogheria e non sapere davvero cosa stanno facendo”, hanno detto. “Penso che avessero un punto cieco nella loro strategia”.


2022 The Seattle Times.
Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Articolo precedenteLe aperture di lavoro negli Stati Uniti hanno sfiorato il record a gennaio, aumentando le pressioni sui prezzi
Articolo successivoCrisi Russia-Ucraina: Biden accusa Putin per assalto alla stabilità globale