Home Notizie recenti Ufficiale: l’impianto di chip per computer dell’Idaho rende gli Stati Uniti più...

Ufficiale: l’impianto di chip per computer dell’Idaho rende gli Stati Uniti più resilienti

24
0

Il segretario all’energia Jennifer Granholm parla a una cerimonia rivoluzionaria per l’impianto di semiconduttori da 15 miliardi di dollari pianificato da Micron a Boise, Idaho, lunedì 12 settembre 2022, e ha affermato che l’America deve iniziare a riflettere sulle parti americane e sulla manodopera americana. Granholm ha preso parte lunedì alla pionieristica per quella che entro la fine del decennio dovrebbe essere la più grande camera bianca per la produzione di chip negli Stati Uniti, coprendo 10 campi da calcio e creando 17.000 posti di lavoro americani. Credito: AP Photo/Keith Ridler

L’investimento pianificato di 15 miliardi di dollari da parte di Chipmaker Micron in una nuova fabbrica nella città natale dell’azienda, Boise, aiuterà a proteggere gli Stati Uniti dalle vulnerabilità di un mercato globalizzato dei semiconduttori, ha affermato lunedì il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm.

“È ora che l’America faccia di nuovo le cose, con parti americane e manodopera americana”, ha detto Granholm a una folla di circa 250 ospiti e lavoratori Micron invitati in un campo di terra battuta coperto da tende per un cerimoniale rivoluzionario. L’evento includeva l’avvio di un’esplosione di pulizia del terreno lontano dalla folla che emetteva fumo rosso, bianco e blu.

Gli Stati Uniti e l’Europa stanno spingendo in modo aggressivo per sviluppare capacità di produzione di chip e ridurre la dipendenza dai produttori che ora hanno sede principalmente in Asia. Le aziende di semiconduttori hanno anche cercato di diversificare le loro operazioni per evitare colli di bottiglia causati da problemi, come un disastro naturale o un blocco pandemico, in una regione specifica.

I funzionari di Micron hanno affermato che l’area della steppa dell’alto deserto a est di Boise dovrebbe avere la più grande camera bianca per la produzione di chip, o favolosa, negli Stati Uniti entro la fine del decennio, coprendo 600.000 piedi quadrati (55.000 metri quadrati) e creando 17.000 posti di lavoro. La costruzione dovrebbe iniziare nel 2023, con alcuni spazi di lavoro in camera bianca pronti entro il 2025 e in espansione graduale.

Micron è tra i maggiori produttori di chip della nazione, con siti di sviluppo prodotto in altri cinque stati e otto paesi. La ricerca e sviluppo ha sede a Boise.

Sanjay Mehrotra, presidente e amministratore delegato di Micron, ha affermato che la società è impegnata a investire nella comunità dell’Idaho, con un’enfasi sull’istruzione STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) sia nell’istruzione primaria che superiore. Ha detto che l’azienda si concentrerà sul raggiungimento delle popolazioni delle scuole rurali e sottorappresentate.

Micron “ispirerà le giovani menti a sviluppare le competenze STEM di cui hanno bisogno per avere successo nel nostro mondo basato sulla tecnologia”, ha affermato.

Negli ultimi anni, i legislatori statali repubblicani hanno causato sgomento nella comunità imprenditoriale dell’Idaho lanciando attacchi alla spesa pubblica per l’istruzione, che è riuscita nel 2021 con un taglio di 2,5 milioni di dollari alle università nonostante un avanzo di bilancio.

I funzionari di Micron alla fine dell’anno scorso hanno annunciato l’intenzione di costruire un centro di progettazione della memoria da 500 dipendenti in Georgia, in parte per sfruttare il sistema educativo di quella zona. Ciò ha suscitato scosse nel mondo degli affari e della politica dell’Idaho.

Ma all’inizio di quest’anno, i legislatori hanno approvato un aumento record di 300 milioni di dollari all’istruzione. E all’inizio di questo mese, i legislatori hanno aggiunto altri 410 milioni di dollari da un avanzo di bilancio in una sessione speciale legislativa che è stata convocata a causa dell’elevata inflazione.

“Avevamo davvero bisogno di questo (impianto di semiconduttori) negli Stati Uniti e non all’estero”, ha affermato il senatore dello stato repubblicano. Scott Grow, che ha partecipato alla cerimonia inaugurale di lunedì e ha contribuito a far approvare la legislazione vantaggiosa per Micron. “Per ottenere un grande gruppo come questo e per avere abbastanza lavoratori, dobbiamo fare tutto il possibile qui in Idaho per aiutare a fornire quel tipo di istruzione in modo che possa continuare a crescere, e non devono solo coinvolgere persone da fuori stato”.

Diversi produttori di chip lo scorso anno hanno segnalato l’interesse ad espandere le loro operazioni americane se il governo degli Stati Uniti sarà in grado di semplificare la costruzione di impianti di chip. Samsung ha dichiarato a novembre di voler costruire una fabbrica da 17 miliardi di dollari fuori Austin, in Texas, e la scorsa settimana Intel ha aperto i battenti per un nuovo impianto di chip per computer da 20 miliardi di dollari in Ohio.

L’investimento di 15 miliardi di dollari di Micron è stato reso possibile dall’approvazione del CHIPS and Science Act del mese scorso, un disegno di legge da 280 miliardi di dollari volto a rafforzare la competitività degli Stati Uniti contro la Cina ed evitare un’altra carenza di chip come quella che ha fatto deragliare l’industria automobilistica e tecnologica durante la pandemia. La legge stanzia 52 miliardi di dollari per sostenere l’industria dei semiconduttori che, a causa dei vincoli della catena di approvvigionamento legati al COVID, ha lottato per produrre i chip.

Oltre alla legge CHIPS, Micron beneficia anche di agevolazioni fiscali sulla proprietà nell’Idaho. E i legislatori all’inizio di quest’anno hanno approvato una legge, firmata dal governatore repubblicano. Brad Little, che elimina le tasse sulle vendite di apparecchiature costose che Micron dovrà acquistare per produrre i chip.

Dei 17.000 posti di lavoro previsti, 2.000 saranno impiegati direttamente da Micron e 15.000 dovrebbero provenire da altre aziende che lavorano a sostegno del nuovo stabilimento.

LaMarr Barnes, amministratore delegato di Kurita con sede a Tokyo, ha affermato che questa società farà un’offerta per aiutare a creare la fornitura di acqua ultrapura necessaria per la produzione di chip. In caso di successo, si aspetta di assumere diverse centinaia di lavoratori per la zona di Boise.

“Ci piacerebbe essere in grado di fare il lavoro per questa nuova fabbrica e, se lo facessimo, dovremmo assumere un bel po’ di personale tecnico”, ha detto.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteIl servizio robotaxi Cruise di GM si espanderà a Phoenix, Austin
Articolo successivoPeiter ‘Mudge’ Zatko: il jolly nello scontro di Musk con Twitter