Home Notizie recenti Twitter vieta le pubblicità che sfidano la scienza del cambiamento climatico

Twitter vieta le pubblicità che sfidano la scienza del cambiamento climatico

175
0

Twitter vuole impedire ai negazionisti del cambiamento climatico di fare soldi con la piattaforma globale.

Twitter venerdì ha bandito gli annunci che negano la realtà del cambiamento climatico.

L’annuncio di Twitter in occasione della Giornata della Terra è arrivato mentre cerca di respingere un’offerta pubblica di acquisto indesiderata del miliardario Elon Musk, che ha affermato di pensare che le persone dovrebbero essere in grado di dire praticamente tutto ciò che vogliono sulla piattaforma.

“Le pubblicità ingannevoli su Twitter che contraddicono il consenso scientifico sui cambiamenti climatici sono vietate, in linea con la nostra politica sui contenuti inappropriati”, ha affermato Casey Junod, manager della sostenibilità globale di Twitter in un post sul blog.

“Riteniamo che il negazionismo climatico non debba essere monetizzato su Twitter e che le pubblicità ingannevoli non dovrebbero sminuire importanti conversazioni sulla crisi climatica”.

Twitter lo scorso anno ha introdotto una funzione Argomento per aiutare gli utenti a trovare conversazioni sui cambiamenti climatici e ha lanciato hub di informazioni “credibili e autorevoli” su una serie di argomenti di alto profilo, tra cui la scienza a sostegno del cambiamento climatico.

“Riconosciamo che informazioni fuorvianti sui cambiamenti climatici possono minare gli sforzi per proteggere il pianeta”, ha affermato Junod.

“Ora più che mai, un’azione per il clima significativa, da parte di tutti noi, è fondamentale”.

Per quanto allettante possa essere l’accesso alla ricchezza di Musk, Twitter non è ansioso di essere governato da un miliardario noto per aver sparato dall’anca con poca considerazione per le conseguenze.

La piattaforma di messaggistica globale uno-a-molti si sta muovendo per impedire a Musk di mettere le mani su tutte le azioni in circolazione di Twitter, segnalando che le preoccupazioni su dove condurrebbe l’azienda superano il guadagno offerto.

All’inizio di questo mese Musk, la persona più ricca del mondo e lui stesso un utente controverso e frequente di Twitter, ha fatto un’offerta non richiesta di 43 miliardi di dollari per il social network, citando una migliore libertà di parola come motivazione.

Musk sostiene un approccio diretto ai contenuti di polizia, una questione spinosa in particolare in casi di alto profilo come quello dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che è stato bandito dopo l’assalto al Campidoglio dai suoi sostenitori mentre cercavano di ribaltare le elezioni statunitensi risultato dell’anno scorso.

Ma la campagna polarizzante del CEO di Tesla ha anche suscitato preoccupazione tra gli esperti di tecnologia e libertà di parola che indicano le dichiarazioni imprevedibili di Musk e la storia dei critici di bullismo, che contraddicono i suoi obiettivi dichiarati.

Il consiglio di amministrazione di Twitter ha deciso di utilizzare una “pillola velenosa”, in base alla quale qualsiasi acquisizione di oltre il 15% delle azioni dell’azienda senza il suo OK attiverebbe un piano per inondare il mercato di azioni e quindi rendere molto più difficile l’acquisizione.


© 2022 AFP

Articolo precedenteMalaria: killer di bambini africani pronto per il vaccino
Articolo successivoStudia la genetica del cancro delle miniere per aiutare con un trattamento mirato