Home Notizie recenti Tra le critiche per gli infortuni sul lavoro, Amazon firma un nuovo...

Tra le critiche per gli infortuni sul lavoro, Amazon firma un nuovo impegno per la sicurezza

33
0

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Di fronte alle iniziative sindacali, alle citazioni delle autorità di regolamentazione del posto di lavoro statali, alle cause legali e alla pressione degli azionisti per ridurre gli infortuni, Amazon ha firmato giovedì un nuovo impegno per la sicurezza.

Il prossimo passo nella sua partnership quinquennale da 12 milioni di dollari con il Consiglio per la sicurezza nazionale senza scopo di lucro, l’impegno è l’impegno a ridurre i rischi e gli infortuni muscoloscheletrici del 25% entro il 2025. Conosciuti anche come DMS, i disturbi muscoloscheletrici sono lesioni ergonomiche come schiena, spalla e dolore al polso che sono spesso causati da movimenti ripetitivi, posture scomode o sollevamento di carichi pesanti. Più di 15 aziende hanno aderito a MSD Pledge, tra cui Amazon, United Airlines, Cummins e John Deere.

“La sicurezza è parte integrante di tutto ciò che facciamo in Amazon”, ha detto Heather MacDougall, vicepresidente per la salute e la sicurezza sul lavoro in Amazon, giovedì alla folla al National Press Club di Washington, DC “Sappiamo che per raggiungere questo obiettivo non bastano investimenti monetari. eccellenza nella sicurezza. Ci vuole un impegno incrollabile per monitorare incessantemente i progressi e per migliorare continuamente.”

I lavoratori di Amazon e i gruppi di attivisti hanno affermato che il sistema di “quote” dell’azienda, gli standard per il numero di pacchi che un dipendente preleva, imballa, stiva o consegna in un turno, porta a un ritmo di lavoro pericoloso e spesso insostenibile. Il Dipartimento del lavoro e delle industrie dello stato di Washington ha citato per la prima volta Amazon per condizioni di lavoro non sicure nella sua struttura di Dupont, nella contea di Pierce, nel maggio 2021, collegando il ritmo del lavoro a un alto tasso di infortuni. Il dipartimento ha ora rilasciato quattro citazioni ad Amazon.

MacDougall ha detto giovedì che è stato un “malinteso” che Amazon abbia quote per la sua forza lavoro.

Amazon si è già impegnata ad andare oltre l’impegno di MSD e ridurre le lesioni muscoloscheletriche del 40% entro il 2025, ha affermato MacDougall.

Ha detto che l’azienda ha visto un aumento degli infortuni tra la sua forza lavoro l’anno scorso, aggiungendo che il salto è stato il risultato della necessità di formare rapidamente nuovi assunti per soddisfare la domanda di acquisti online durante la pandemia.

Amazon ha precedentemente affermato che il suo tasso di infortuni stava diminuendo. Quest’anno ha pubblicato un rapporto che ha confrontato i dati del 2019 e del 2020 e ha rilevato che i tassi di infortuni sono migliorati del 43%.

Un rapporto di una coalizione di sindacati, lo Strategic Organizing Center, ha analizzato i dati sugli infortuni più recenti che Amazon aveva presentato all’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro confrontando il 2020 e il 2021 e ha rilevato che i tassi di infortuni nei magazzini di Amazon sono aumentati del 20%. Un secondo rapporto ha rilevato che i tassi di infortuni per i conducenti delle consegne sono aumentati di quasi il 40%.

MacDougall ha dichiarato giovedì che Amazon ha un “volano di sicurezza” che include tre categorie: investimento, innovazione e miglioramento. Inoltre, è “di fondamentale importanza ascoltare i nostri dipendenti”, ha affermato.

“In Amazon, ci impegniamo a farlo spesso e bene”, ha affermato MacDougall. “Apprezziamo il feedback onesto e lo utilizziamo per migliorare continuamente i nostri siti di lavoro. Ogni dipendente deve avere fiducia nella sicurezza dei propri ambienti di lavoro”.

All’inizio di quest’anno, un gruppo di lavoratori in un magazzino di Staten Island ha votato per formare il primo sindacato in una struttura Amazon negli Stati Uniti. I leader dell’Amazon Labour Union hanno affermato che chiedono all’azienda salari più alti, un congedo medico migliore, più pause durante il giorno e la fine dei requisiti di produttività durante ogni turno.

In quella struttura di Staten Island, i tassi di infortuni sono aumentati del 15% dal 2020 al 2021, secondo lo Strategic Organizing Center. Il tasso di infortuni in un magazzino Amazon a Bessemer, in Alabama, dove i lavoratori sono ancora in attesa di conoscere i risultati delle elezioni sindacali, è aumentato del 43% lo scorso anno.

Il tasso di infortuni gravi nei magazzini Amazon nel 2021 è stato di 6,8 per 100 lavoratori, rispetto a un tasso di 3,3 per 100 nei magazzini non Amazon, secondo il rapporto. I dipendenti Amazon hanno avuto bisogno in media di altri 19 giorni per riprendersi.

I disturbi muscoloscheletrici possono costare ai datori di lavoro miliardi di dollari in salari, compensi e produttività persi, Lorraine Martin, presidente e CEO del National Safety Council, ha detto al gruppo riunito per sottoscrivere l’impegno giovedì.

“I DMS non scompaiono alla fine di un turno”, ha continuato, aggiungendo che le lesioni possono portare a disabilità e pensionamento anticipato o rendere difficile per i lavoratori portare a spasso il cane, scaricare la spesa o ballare a un matrimonio.

Gary Allread, direttore del programma per SRI-Ergonomics, una filiale dello Spine Research Institute della Ohio State University, ha affermato che le aziende impegnate a migliorare la sicurezza devono concentrarsi sul coinvolgimento e l’adesione dei dipendenti. “Se è solo un servizio a parole, i dipendenti lo vedranno”, ha detto.


©2022 The Seattle Times.

Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Articolo precedenteUna nuova ricerca offre consigli per l’integrazione della tecnologia di guida autonoma nei trasporti pubblici
Articolo successivoLa ricerca fa luce su una delle principali cause di attacchi di cuore legati alla gravidanza