SPIEGAZIONE: Le nuove pillole COVID-19 facili da usare hanno un trucco

Questa immagine fornita da Pfizer nell’ottobre 2021 mostra le pillole Paxlovid COVID-19 dell’azienda. I pazienti appena infetti da COVID-19 hanno due nuove opzioni di trattamento che possono essere assunte a casa. Ma questa comodità ha un problema: le pillole devono essere assunte il prima possibile una volta che compaiono i sintomi. Credito: Pfizer tramite AP

I pazienti appena infetti da COVID-19 hanno due nuove opzioni di trattamento che possono essere assunte a casa.

Ma questa comodità ha un problema: le pillole devono essere assunte il prima possibile una volta che compaiono i sintomi.

La sfida è sottoporsi a test, ottenere una prescrizione e iniziare a prendere le pillole in un breve lasso di tempo.

La scorsa settimana i regolatori statunitensi hanno autorizzato la pillola di Pfizer, Paxlovid e il molnupiravir di Merck. Nei pazienti ad alto rischio, entrambi hanno dimostrato di ridurre le possibilità di ricovero in ospedale o di morte per COVID-19, sebbene Pfizer fosse molto più efficace.

Uno sguardo più da vicino:

CHI DEVE PRENDERE QUESTE PILLOLE?

Le pillole antivirali non sono per tutti coloro che ottengono un test positivo. Le pillole sono destinate a coloro con COVID-19 lieve o moderato che hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente. Ciò include le persone anziane e quelle con altre condizioni di salute come malattie cardiache, cancro o diabete che le rendono più vulnerabili. Entrambe le pillole sono state approvate per gli adulti mentre Paxlovid è autorizzato per i bambini dai 12 anni in su.

CHI NON DEVE PRENDERE QUESTE PILLOLE?

Il molnupiravir di Merck non è autorizzato per i bambini perché potrebbe interferire con la crescita ossea. Inoltre non è raccomandato per le donne in gravidanza a causa del potenziale di difetti alla nascita. La pillola di Pfizer non è raccomandata per i pazienti con gravi problemi ai reni o al fegato. Potrebbe anche non essere l’opzione migliore per alcuni perché potrebbe interagire con altre prescrizioni che un paziente sta assumendo. Le pillole antivirali non sono autorizzate per le persone ricoverate con COVID-19.

SPIEGAZIONE: Le nuove pillole COVID-19 facili da usare hanno un trucco

Questa foto non datata fornita da Merck & Co. mostra il loro nuovo farmaco antivirale molnupiravir. I regolatori statunitensi hanno autorizzato una seconda pillola contro il COVID-19, un farmaco antivirale di Merck che potrebbe aiutare a smussare l’ondata di infezioni guidate dalla variante dell’omicron. La Food and Drug Administration ha concesso l’uso di emergenza dei farmaci giovedì 23 dicembre 2021 per gli adulti con COVID-19 precoce che affrontano i maggiori rischi di ricovero in ospedale. Credito: Merck & Co. via AP, File

QUAL È LA FINESTRA DEL TRATTAMENTO?

Le pillole devono essere iniziate il prima possibile, entro cinque giorni dall’inizio dei sintomi. Tosse, mal di testa, febbre, perdita del gusto o dell’olfatto e dolori muscolari e muscolari sono tra i segni più comuni. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie offrono un sito Web per controllare i sintomi.

Il dottor Cameron Wolfe, specialista in malattie infettive presso il Duke University Hospital, consiglia di sottoporsi a un test non appena si manifestano sintomi di COVID-19.

“Se aspetti fino a quando non hai iniziato a rimanere senza fiato, hai già perso in larga misura la finestra in cui questi farmaci saranno utili”, ha detto Wolfe.

DOVE POSSO OTTENERE LE PILLOLE?

Avrai bisogno di una prescrizione da un medico o altro operatore sanitario autorizzato. Il governo degli Stati Uniti sta acquistando le pillole da Merck e Pfizer e le fornisce gratuitamente, ma inizialmente le scorte saranno limitate. Verranno spediti negli stati in cui saranno disponibili presso farmacie, centri sanitari comunitari e altri luoghi. Il trattamento dura cinque giorni.

Alcuni farmacisti potrebbero essere in grado di somministrare un rapido test COVID-19 e prescrivere le pillole in una sola visita. Lo fanno già in molti stati per l’influenza o il mal di gola.

SPIEGAZIONE: Le nuove pillole COVID-19 facili da usare hanno un trucco

Questa immagine fornita da Pfizer nell’ottobre 2021 mostra le pillole Paxlovid COVID-19 dell’azienda. I regolatori sanitari statunitensi mercoledì 22 dicembre 2021 hanno autorizzato la prima pillola contro il COVID-19, un farmaco Pfizer che gli americani potranno assumere a casa per prevenire gli effetti peggiori del virus. Credito: Pfizer tramite AP

LE PILLOLE FUNZIONANO PER LA VARIANTE OMICRON?

Le pillole dovrebbero essere efficaci contro l’omicron perché non prendono di mira la proteina spike dove risiedono la maggior parte delle mutazioni preoccupanti della variante. Le due pillole funzionano in modi diversi per impedire la riproduzione del virus.

CI SONO ALTRE OPZIONI PER I NUOVI PAZIENTI COVID-19?

Sì, ma non sono facili da usare come una pillola: vengono somministrati per via endovenosa o per iniezione, in genere in un ospedale o in una clinica. Tre farmaci forniscono anticorpi anti-virus, anche se i test di laboratorio suggeriscono che i due non sono efficaci contro l’omicron. Il farmaco anticorpale della casa farmaceutica britannica GlaxoSmithKline sembra funzionare e i funzionari affermano che stanno lavorando per aumentare l’offerta negli Stati Uniti. L’unico farmaco antivirale approvato negli Stati Uniti, il remdesivir, è per le persone ricoverate in ospedale con COVID-19.


© 2021 The Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteIl Venezuela supera 1 milione di barili di greggio prodotto al giorno
Articolo successivoLa Francia registra per la prima volta oltre 100.000 infezioni da virus al giorno