Home Notizie recenti Si o no? Al via a New York il voto sindacale...

Si o no? Al via a New York il voto sindacale di Amazon

190
0

I lavoratori si riuniscono dopo aver espresso il loro voto sull’eventuale sindacato, fuori da un magazzino Amazon a Staten Island il 25 marzo 2022.

Sotto cieli nebbiosi e nella calma mattutina, i lavoratori hanno aspettato pazientemente in fila fuori dal magazzino JFK8 venerdì per dire se fondare il primo sindacato statunitense di Amazon.

Le elezioni di sei giorni al magazzino di Staten Island, supervisionate da funzionari statunitensi, aprono le urne ai 5.000 lavoratori della struttura per cinque ore ogni mattina e poi di nuovo la sera per un altro round di cinque ore.

Guidata da ex e attuali lavoratori, Amazon Labour Union (ALU) si è qualificata per un voto sulla sindacalizzazione dopo aver ottenuto le firme dal 30% della forza lavoro.

Ma sarà necessario il sostegno della maggioranza se Amazon vuole avere il suo primo sindacato da quando l’azienda è stata fondata nel 1994.

La maggior parte dei lavoratori che hanno parlato con l’AFP poco dopo l’apertura delle urne venerdì non erano favorevoli alla campagna.

“La paga è più del salario minimo, abbiamo vantaggi come l’assicurazione sanitaria dal primo giorno e se ho bisogno di qualcosa, vado direttamente dal mio manager”, ha detto Georgina Aponte, che stava votando no.

Ogni mattina, Aponte, 40 anni, prende un traghetto, una metropolitana e due autobus dalla sua casa nel Bronx ad Amazon. Il viaggio dura due ore a tratta.

“Mi piace lavorare qui”, ha detto.

Altri hanno espresso simpatia per gli obiettivi del sindacato, ma scetticismo per i precedenti non dimostrati del gruppo.

“Io do loro molto merito per aver fatto quello che stanno facendo”, ha detto Vinny T., prima di aggiungere: “Penso che abbiamo più da perdere che da guadagnare”.

Il lavoro in Amazon “non è così difficile”, ha detto il 57enne, che ha già lavorato in altre società sindacalizzate.

Un volantino viene scartato mentre i lavoratori si fanno strada per esprimere il loro voto sull'opportunità o meno di aderire al sindacato, al di fuori di un magazzino Amazon

Un volantino viene scartato mentre i lavoratori si dirigono a votare sull’opportunità o meno di aderire al sindacato, fuori da un magazzino Amazon a Staten Island il 25 marzo 2022.

Testi aziendali Vota ‘NO’

Un altro lavoratore, Angel Arce, ha affermato di non essere pazzo del fatto che la scala retributiva di Amazon non aumenti i salari dopo tre anni.

Ma “non sono esperti”, ha detto Arce del sindacato.

Natalie Monarrez è venuta a votare con un cartello che diceva “Mi sono iscritto all’ALU, ho lasciato l’ALU, voto NO”.

Monarrez, che ha lavorato per Amazon per cinque anni, si è unito alla campagna nel maggio 2021 poco dopo la formazione del gruppo, ma ha rinunciato all’ALU a gennaio.

“Abbiamo assolutamente bisogno di un sindacato”, ha detto Monarrez.

“Stiamo lavorando per l’uomo più ricco del pianeta, letteralmente”, ha detto Monarrez del fondatore di Amazon Jeff Bezos, che si trova in cima alla lista dei miliardari di Forbes.

“Il minimo che possono fare è darci un salario di sussistenza e almeno affrontare questioni come molestie, discriminazione, età, mancanza di promozioni, mancanza di opportunità”, ha affermato.

Ma Monarrez ha detto che i lavoratori hanno bisogno di un “sindacato nazionale esperto”, non di un “piccolo sindacato indipendente gestito da ragazzi che non hanno esperienza”.

A una vicina fermata dell’autobus, separata dalla recinzione del magazzino, c’era Christian Smalls, il presidente dell’ALU, che era a disposizione dalle 7 del mattino.

Il leader sindacale di Amazon Christian Smalls aspetta mentre i lavoratori esprimono il loro voto sull'opportunità o meno di aderire al sindacato, fuori da un magazzino Amazon

Il leader sindacale di Amazon Christian Smalls attende mentre i lavoratori esprimono il loro voto sull’opportunità o meno di aderire al sindacato, fuori da un magazzino Amazon a Staten Island il 25 marzo 2022.

Smalls, 33 anni, è stato licenziato nel marzo 2020 dopo aver organizzato una campagna per richiedere dispositivi di protezione individuale durante l’apice del Covid-19.

Ha respinto le critiche sul suo track record.

I grandi sindacati nazionali “hanno avuto 28 anni per fare qualcosa”, ha detto.

Se i lavoratori stanno aspettando l’arrivo di un gruppo consolidato, “aspetteranno molto tempo”, ha aggiunto.

Smalls si è detto fiducioso per il voto e per una seconda elezione in un’altra struttura Amazon a Staten Island il mese prossimo.

L’azienda ha tenuto incontri con i lavoratori nel tentativo di rimanere senza sindacati.

“Ci stanno dicendo di votare no”, ha detto un giovane lavoratore maschio che ha partecipato a riunioni settimanali di 30 minuti nelle ultime tre settimane.

L’operaio, che non ha voluto dare il proprio nome, ha ricevuto anche dall’azienda sms di “No”, oltre che una chiamata dall’ALU.

“Sono stati giusti”, ha detto il lavoratore del sindacato, aggiungendo di aver votato “sì”.

Il conteggio dei voti dovrebbe iniziare il 31 marzo e potrebbe richiedere fino a diversi giorni.


© 2022 AFP

Articolo precedenteVaccinati con maggiori probabilità di morire durante l’onda omicron se hanno sparato a J&J: CDC
Articolo successivoI primi studi suggeriscono che la terapia antiretrovirale a lungo termine con inibitori della proteasi potrebbe prevenire l’infezione da COVID-19