Home Notizie recenti Rilevare espressioni umoristiche sui social media

Rilevare espressioni umoristiche sui social media

59
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

I contenuti umoristici sono alla base di gran parte del materiale che diventa “virale” online, sui social media, sui siti Web o persino nei messaggi di testo. Nonostante il ruolo importante che svolge nella vita di molte persone, ci sono scarse ricerche che si sono concentrate sull’umorismo nei social media. Un nuovo lavoro sull’International Journal of Information Technology and Management cerca di rimediare a questa situazione.

Suzanne Elayan, Martin Sykora, Thomas W. Jackson, and Ejovwoke Onojeharho of the Centre for Information Management at Loughborough University, UK, suggest that understanding humorous content and the dynamics it follows on social media could help improve applications that carry out sentiment analysis of online contento. Il team si è concentrato sulla natura eterogenea dell’umorismo sulla nota e popolare piattaforma di microblogging, Twitter. In particolare, mentre il lavoro precedente che esiste si concentra sull’umorismo in lingua inglese, il presente studio indaga il contenuto arabo. In questo contesto, il team suggerisce che “il rilevamento automatico dell’umorismo ha di per sé il potenziale per comprendere le reazioni del pubblico e dovrebbe essere esplorato in studi futuri”.

Mentre ci sono prove crescenti dal regno animale che altre specie potrebbero comprendere e reagire a situazioni comiche, la nozione di umorismo sembra ai suoi livelli più profondi come un tratto umano con molti benefici sociali, psicologici e biologici. È un tratto che ha fornito intrattenimento, coerenza sociale e liberazione all’umanità per migliaia di anni. Possiamo considerare barzellette, aneddoti, giochi di parole e giochi di parole, ironia e schadenfreude/sarcasmo/derisione come categorie di base dell’umorismo. Nell’era dei social media, ora abbiamo a portata di mano un modo per condividere una battuta con milioni, se non miliardi di persone quasi istantaneamente.

Naturalmente, il senso dell’umorismo di ognuno è diverso e ci sono alcune persone che potrebbero trovare un particolare pezzo di umorismo per essere esilarante, mentre un altro potrebbe percepire la stessa battuta come poco divertente o, peggio, altamente offensiva e sconvolgente. È la natura soggettiva e le molte incognite che circondano l’umorismo e i suoi effetti che forse hanno fatto sì che sia stata intrapresa una piccola ricerca solida che ci dà risultati solidi sull’argomento. La revisione della letteratura da parte del team indica tuttavia un modo per sviluppare strumenti che potrebbero essere in grado di estrarre sentimenti umoristici da un determinato contenuto in modo automatizzato che sarebbero utili ai ricercatori di sociologia e psicologia, nonché più in generale allo studio dei social media stessi .

“Si spera che questo documento aiuti a stabilire ulteriori attività di ricerca in questo campo entusiasmante e interessante, aiutando a guidare questo nuovo flusso di ricerca”, conclude il team.


Articolo precedenteDeep learning: una struttura per l’analisi delle immagini nelle scienze della vita
Articolo successivoVideo: come si insegna la lingua a un computer?