Turbine eoliche offshore

Credito: CC0 Dominio pubblico

I funzionari della compagnia energetica danese Ørsted hanno annunciato di aver ottenuto la prima potenza sul progetto Hornsea 2, un nuovo parco eolico al largo delle coste dell’Inghilterra nel Mare del Nord. Come parte del loro annuncio, pubblicato sulla pagina web della società, i funzionari hanno notato che una volta che il parco eolico sarà pienamente operativo, rappresenterà il più grande parco eolico del mondo.

Hornsea 2, come suggerisce il nome, è il secondo segmento di un progetto a quattro segmenti. Hornsea 1 è diventato operativo lo scorso anno ed è attualmente il più grande parco eolico offshore — con le sue 174 turbine, la fattoria ha una capacità di 1,2 GW — abbastanza per alimentare oltre un milione di case nel Regno Unito

Hornsea 2 è stata approvata per la costruzione nel 2016: presenterà 165 turbine da 8 MW realizzate da Siemens, che gli daranno una capacità di 1,32 GW. La sottostazione offshore e le stazioni reattive sono state installate e testate mentre prosegue la costruzione delle turbine. Il parco eolico sarà situato a circa 90 chilometri al largo della costa di Grims, in Inghilterra, non lontano da Leeds e Sheffield. Una volta che il parco eolico sarà pienamente operativo, fornirà energia a una sottostazione a Killingholme. Il progetto prevede la posa di cavi sotto 390 chilometri di acque oceaniche e poi 40 chilometri di terra prima di raggiungere la sottostazione. Hornsea 2 batterà anche un altro record: sarà situato più lontano dalla costa rispetto a qualsiasi altro parco eolico su larga scala.

La data di completamento del parco eolico è l’anno prossimo: le date sono state soggette a modifiche a causa di problemi legati alla pandemia. I funzionari di Ørsted affermano che una volta che Hornsea 1 e 2 saranno pienamente operativi, insieme genereranno elettricità sufficiente per alimentare circa 2,3 milioni di case. È interessante notare che le stime del numero di case che possono essere alimentate da un parco eolico così grande variano in base al paese: negli Stati Uniti, ad esempio, i numeri sono notevolmente inferiori a causa di case molto più grandi con più richieste di energia.

Sono già in corso anche piani per la costruzione di Hornsea 3 e 4: una volta che tutti e quattro saranno operativi e pienamente operativi, i funzionari di Ørsted suggeriscono che l’intero progetto farà molto per aiutare il governo del Regno Unito a raggiungere il suo obiettivo di net-zero entro il 2050.


© 2021 Science X Network

Articolo precedentePiccolo dispositivo dall’impatto titanico: come i neurochirurghi trattano uno degli aneurismi cerebrali più pericolosi
Articolo successivoCovid-19: voli annullati, i casi in aumento di Omicron danno un pugno allo stomaco di Natale