Home Notizie recenti Mantenere il flusso costante dei refrigeranti nelle unità HVAC

Mantenere il flusso costante dei refrigeranti nelle unità HVAC

20
0

I ricercatori dell’Oak Ridge National Laboratory hanno sviluppato un dispositivo chiamato attuatore magnetico piezoelettrico, o PEDMA, che può essere inserito nell’intestazione di uno scambiatore di calore a microcanali per mantenere il flusso dei refrigeranti uniforme e l’unità HVAC in funzione in modo efficiente. Credito: ORNL, Dipartimento USA di Energia

I ricercatori dell’Oak Ridge National Laboratory hanno dimostrato che gli scambiatori di calore a microcanali nelle unità di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria possono mantenere i refrigeranti distribuiti in modo uniforme e continuo attraverso l’inserimento di un dispositivo chiamato attuatore magnetico piezoelettrico o PEDMA.

Gli scambiatori di calore sono gusci o tubi che utilizzano tubi metallici per trasferire il calore da un luogo all’altro. Al contrario, uno scambiatore a microcanali utilizza un labirinto di percorsi più piccoli, il che lo rende leggero e a costi inferiori fornendo prestazioni superiori. Tuttavia, questi piccoli canali possono causare una cattiva distribuzione del refrigerante, aumentando la pressione sul compressore.

In uno studio, il team ha sviluppato un prototipo di inserto PEDMA costituito da parti in resina stampate in 3D e piccoli magneti permanenti.

“I magneti funzionano per modificare attivamente la geometria all’interno dello scambiatore una volta inseriti nell’apparecchiatura”, ha affermato Joseph Rendall di ORNL. “I test hanno mostrato un miglioramento significativo del flusso di refrigerante. Questo rappresenta un nuovo metodo per controllare la distribuzione del flusso negli scambiatori di calore a microcanali”.


Articolo precedenteIl ruolo della medicina comportamentale nell’affrontare le disuguaglianze sanitarie legate ai cambiamenti climatici
Articolo successivoLa previsione della razza dei pazienti può migliorare l’equità nell’erogazione dell’assistenza sanitaria, afferma una nuova analisi