Home Notizie recenti L’utile del 2° trimestre di Nokia supera le aspettative sulla forte domanda...

L’utile del 2° trimestre di Nokia supera le aspettative sulla forte domanda di 5G

21
0

Giovedì, il produttore di apparecchiature wireless e di rete fissa Nokia ha riportato un profitto del secondo trimestre superiore alle aspettative degli analisti sulla forte domanda di tecnologia 5G da parte degli operatori telefonici e sul miglioramento della competitività delle sue principali unità aziendali.

La società con sede a Espoo ha registrato un utile netto di 585 milioni di euro (597 milioni di dollari) per il periodo aprile-giugno rispetto ai 539 milioni di euro dell’anno precedente.

L’utile netto attribuibile agli azionisti è cresciuto del 9% a 582 milioni di euro, dai 532 milioni dell’anno precedente.

Le vendite di Nokia sono aumentate dell’11% a 5,9 miliardi di euro.

Il CEO Pekka Lundmark ha dichiarato in una dichiarazione “abbiamo ottenuto un altro quarto di solida redditività”, aggiungendo di essere particolarmente lieto di vedere le due principali unità di business di Nokia, Mobile Networks e Network Infrastructure, che funzionano bene.

Vedi anche:  Vaccino Pfizer molto meno potente nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni

“I nostri continui investimenti nella leadership tecnologica e nella competitività stanno dando risultati. Siamo fiduciosi di offrire una crescita su base annuale quest’anno”, ha affermato Lundmark in un videomessaggio pubblicato su YouTube dopo la pubblicazione del rapporto sugli utili.

Nokia è uno dei principali fornitori mondiali di 5G, l’ultima generazione di tecnologia a banda larga, insieme alla svedese Ericsson, alla cinese Huawei e alla sudcoreana Samsung.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteFord promuove ampi accordi di fornitura per raggiungere gli obiettivi dei veicoli elettrici
Articolo successivoGoogle e Lyft sono le ultime società tecnologiche a frenare le assunzioni