Home Notizie recenti L’uscita di Sandberg difficilmente migliorerà Facebook: informatore

L’uscita di Sandberg difficilmente migliorerà Facebook: informatore

51
0

I documenti trapelati di Frances Haugen suggerivano che i dirigenti sapevano che le loro piattaforme potevano alimentare l’incitamento all’odio e danneggiare la salute mentale dei giovani.

È improbabile che la partenza della controversa dirigente di Facebook Sheryl Sandberg possa migliorare il travagliato gigante dei social media, ha detto all’AFP l’informatrice Frances Haugen.

Haugen, un ex ingegnere di Facebook che ha fatto trapelare documenti interni l’anno scorso suggerendo che l’azienda anteponeva i profitti alla sicurezza, ha sottolineato che la sostituzione di Sandberg proveniva da un team il cui compito era aiutare l’azienda ad espandersi.

Il “team di crescita” faceva parte del problema e la decisione ha mostrato che l’azienda “non stava ascoltando il cuore delle critiche”, ha detto.

Sandberg, la numero due della casa madre di Facebook Meta, ha scioccato la Silicon Valley la scorsa settimana annunciando che si sarebbe dimessa dopo 14 anni presso l’azienda, guidando la sua ascesa da social network di nicchia a colosso dell’ad-tech.

Ma era diventata sempre più il volto pubblico di un’azienda afflitta da scandali sulla disinformazione, sulla protezione dei dati e persino sulle accuse di alimentare la violenza etnica.

I documenti trapelati di Haugen suggerivano che i dirigenti sapevano che le loro piattaforme potevano alimentare l’incitamento all’odio e danneggiare la salute mentale dei giovani.

Le rivelazioni hanno portato a enormi critiche nei confronti di Sandberg e del suo capo, Mark Zuckerberg, la cui attività, ribattezzata Meta nel 2021, include anche Instagram e WhatsApp.

“Ha fatto abbastanza?”

Haugen, parlando all’AFP questa settimana prima di parlare a un forum sulla sicurezza informatica a Lille, nel nord della Francia, ha affermato che c’è una “tensione fondamentale” sul ruolo di Sandberg.

“Ha fatto abbastanza per resistere a Mark, o per chiedere a Mark di essere un leader migliore? Non credo.”

Ha elogiato Sandberg, tuttavia, per aver istituito un team di risposta strategica nel 2018 per combattere gli sforzi per abusare della rete.

“Sheryl ha creato le parti dell’azienda che erano attivamente interessate alla sicurezza delle persone che vivono in luoghi fragili come l’Etiopia”, ha detto.

Ma ha detto che “non sembra particolarmente promettente” che Sandberg sarà sostituito da Javier Olivan, il capo del “team di crescita” di Meta.

Nell’annunciare la promozione di Olivan, Zuckerberg ha scritto su Facebook di avere “una solida esperienza nel rendere la nostra esecuzione più efficiente e rigorosa”.

Haugen gli ha augurato buona fortuna nel suo nuovo ruolo, ma ha detto che il team di crescita incarnava “molte delle cose che considero problematiche di Facebook”.

Gran parte delle critiche di Haugen derivavano da un’accusa centrale secondo cui Facebook aveva perseguito la crescita e il profitto senza preoccuparsi della sicurezza o del benessere dei suoi utenti.

Il team di crescita è stato fondamentale per questo sforzo.

“Il fatto che la persona che ha sostituito Sheryl provenga da quella parte dell’organizzazione sente che non sta davvero ascoltando il cuore dei critici”, ha detto Haugen.

Meta non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Ottimismo su Musk

Haugen non si è mai adattata all’immagine stereotipata di un whistleblower di un outsider scadente: ha sostenitori facoltosi e una campagna brillante che l’ha vista rivolgersi ai parlamenti di tutto il mondo.

Ha detto ad AFP in un’intervista lo scorso anno che aveva in programma di avviare un movimento giovanile per aiutare i giovani a farsi carico della loro vita online.

A parte Facebook, è ottimista riguardo ad altri recenti sviluppi tecnologici.

La saga dell’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk, ad esempio, ha lasciato molti commentatori a chiedersi se il magnate miliardario possa fare più male che bene all’azienda di social media.

Ma Haugen ritiene che potrebbe essere solo su qualcosa, dicendo che era “cautamente ottimista”.

“Parte del motivo per cui Facebook prende decisioni sbagliate è perché è una società quotata in borsa”, ha detto.

“Elon Musk che prende Twitter come privato offre l’opportunità di andare a fare le pulizie di casa di cui ha bisogno Twitter”.

Ed è rincuorata da una nuova legge dell’Unione Europea, nota come Digital Services Act, che obbliga i social media a regolamentare i contenuti.

Ha detto che dovrebbe aprire i giganti della tecnologia a un controllo indipendente, il che è stato “un ottimo affare”.

Nel complesso, ha affermato che le sue rivelazioni hanno avuto un impatto positivo: Facebook ha raddoppiato la spesa per la sicurezza e il personale che lavora su questioni di sicurezza afferma di avere più spazio per operare.

“Sono incredibilmente rincuorata dal modo in cui i leader di tutto il mondo ci hanno preso sul serio”, ha detto.

“Ora abbiamo conversazioni diverse su cosa dovrebbero essere i social media”.


© 2022 AFP

Articolo precedenteLa pelle del robot elastomerico biomimetico ha capacità di rilevamento tattile
Articolo successivoTra 30 anni, il tuo volo estivo in aereo potrebbe essere un po’ più costoso. Potrebbe anche essere privo di carbonio