Home Notizie recenti L’UE afferma che il credito d’imposta statunitense sui veicoli elettrici potrebbe infrangere...

L’UE afferma che il credito d’imposta statunitense sui veicoli elettrici potrebbe infrangere le regole dell’OMC

75
0

La Chevrolet SS EV del 2024 viene presentata a Warren, Michigan, martedì 12 luglio 2022. 11, 2022 che un nuovo piano di credito d’imposta statunitense volto a incoraggiare gli americani ad acquistare veicoli elettrici discriminerebbe i produttori europei e violerebbe le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio. Credito: AP Photo/Paul Sancya, file

Giovedì l’Unione Europea ha espresso preoccupazione per il fatto che un nuovo piano di credito d’imposta statunitense volto a incoraggiare gli americani ad acquistare veicoli elettrici discriminerebbe i produttori europei e infrangerebbe le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio.

In base all’Inflation Reduction Act in via di approvazione finale nel Congresso degli Stati Uniti, potrebbe essere concesso un credito d’imposta fino a $ 7.500 per ridurre il costo di un veicolo elettrico. Per qualificarsi, il disegno di legge richiede che i veicoli elettrici contengano una batteria costruita in Nord America con minerali estratti o riciclati nel continente.

“L’Unione europea è profondamente preoccupata per questa nuova potenziale barriera commerciale transatlantica”, ha affermato la portavoce della Commissione europea Miriam Garcia Ferrer. “Pensiamo che sia discriminatorio, che sia discriminatorio nei confronti dei produttori stranieri rispetto ai produttori statunitensi”.

“Naturalmente questo significherebbe che sarebbe incompatibile con l’OMC”, ha detto. La commissione è il ramo esecutivo dell’UE e parte delle sue responsabilità è condurre il commercio con il mondo esterno per conto delle 27 nazioni del blocco.

La commissione concorda sul fatto che i crediti d’imposta sono “un importante incentivo per guidare la domanda di veicoli elettrici” e, in definitiva, per aiutare a ridurre le emissioni di gas serra. “Ma dobbiamo garantire che le misure introdotte siano eque”, ha affermato la portavoce.

L’idea alla base del requisito degli Stati Uniti è incoraggiare la produzione e l’estrazione mineraria nazionali, costruire una solida catena di approvvigionamento di batterie in Nord America e ridurre la dipendenza del settore dalle catene di approvvigionamento all’estero che potrebbero essere soggette a interruzioni.

La produzione di litio e altri minerali utilizzati per produrre batterie per veicoli elettrici è ora dominata dalla Cina. Il principale produttore mondiale di cobalto, un altro componente delle batterie dei veicoli elettrici, è la Repubblica Democratica del Congo.

Ma la commissione è profondamente preoccupata per il contenuto interno degli Stati Uniti e i requisiti di assemblaggio nel piano di credito d’imposta e afferma che ciò favorisce solo alcuni paesi ricchi di minerali, a scapito dei prodotti dell’UE esportati in America.

I regimi di sovvenzione dell’UE, ha affermato la commissione, sono disponibili sia per i produttori nazionali che per quelli esteri.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteIl segreto dietro la “malattia da nic” potrebbe aiutare a spezzare la dipendenza dal tabacco
Articolo successivoUn robot morbido flessibile con stelo per applicazioni biomediche