Home Notizie recenti L’eolico offshore arriverà nelle acque australiane, fintanto che apriamo la strada a...

L’eolico offshore arriverà nelle acque australiane, fintanto che apriamo la strada a questo nuovo settore

139
0

I parchi eolici offshore sono diventati un’importante fonte di elettricità in Europa. Credito: Shutterstock

L’eolico offshore gioca un ruolo importante nel passaggio dell’Europa alle energie rinnovabili.

Le eccellenti risorse offshore dell’Australia ora sembrano contribuire alla nostra transizione energetica. La scorsa settimana, il governo del Victoria ha annunciato obiettivi ambiziosi per la capacità eolica offshore di 2 gigawatt (GW) entro il 2032, 4 GW entro il 2035 e 9 GW entro il 2040.

Se tutto questo sarà costruito, produrrà da qualche parte nella regione di 40 terawattora (TWh) di energia, vicino a tutta l’elettricità utilizzata tramite il NEM nel secondo stato più popoloso dell’Australia.

L’eolico offshore offre un’altra eccellente opzione rinnovabile mentre decarbonizziamo l’elettricità. Ma è necessario fare di più per trasformare questi piani in enormi turbine al largo delle nostre coste. Dobbiamo snellire le normative, introdurre più obiettivi, finanziare la ricerca e iniziare a costruire una catena di approvvigionamento.

Gli obiettivi politici sono fondamentali

L’innovativo annuncio del Victoria arriva dopo il sostegno del governo federale alla transizione energetica dell’Australia attraverso l’Offshore Electricity Infrastructure Act 2021. Fornisce un ampio quadro per consentire lo sviluppo delle energie rinnovabili offshore in Australia e offre maggiore certezza ai finanziatori dell’eolico offshore.

Dove dovrebbe essere costruito l’eolico offshore? Le località chiave sono al largo della costa del Gippsland, così come le coste delle regioni di Hunter e Illawarra e al largo del nord-ovest della Tasmania, secondo la bozza del Piano del sistema integrato 2022 emesso dall’operatore del mercato energetico australiano. Almeno 12 progetti sono nelle prime fasi di sviluppo.

Quindi di cosa abbiamo bisogno per rendere tutto questo una realtà? Nel nostro recente documento di lavoro, abbiamo chiesto a esperti dell’industria, del governo e della comunità di ricerca quali politiche ritengono necessarie per rendere operativo il vento offshore. Abbiamo intervistato esperti in tutta la regione, dal nord-est asiatico, dall’Asia meridionale e dal sud-est asiatico, nonché dall’Australia.

Abbiamo riscontrato che gli esperti hanno condiviso un forte sostegno per l’uso di obiettivi politici. Come mai? Perché gli obiettivi delle politiche aiutano a fornire la certezza di una pipeline in corso per gli sviluppatori di parchi eolici. Altri governi statali potrebbero seguire il Victoria e utilizzare obiettivi per avviare l’industria eolica offshore.

Gli obiettivi da soli non saranno sufficienti. I nostri esperti hanno individuato una regolamentazione semplificata come importante. Alcune nazioni europee si sono mosse per coordinare i processi di localizzazione, consultazione e sviluppo del progetto in mare aperto. Il Giappone sta ora cercando di adottare questo approccio.

Al momento, gli sviluppatori che cercano di costruire l’eolico offshore in Australia dovranno navigare tra diverse agenzie a causa delle responsabilità statali e federali separate. Il coordinamento contribuirà a fornire una maggiore certezza normativa, unita a un’attenta consultazione con le comunità locali.

L'eolico offshore arriverà nelle acque australiane, purché apriamo la strada a questo nuovo settore

Supporto di esperti per politiche per accelerare lo sviluppo eolico offshore, separato da turbine montate sul fondo del mare e turbine galleggianti legate.

La tecnologia delle turbine galleggianti deve svilupparsi ulteriormente

La maggior parte delle turbine offshore del mondo poggia su fondamenta fisse in acque profonde meno di 60 metri.

Alcune delle migliori risorse eoliche offshore dell’Australia si trovano in acque più profonde. Ciò significa che dovremo utilizzare turbine galleggianti, che si trovano su piattaforme di superficie collegate via cavo al fondo del mare.

Questa tecnologia non è sviluppata come le turbine a fondazione fissa. Man mano che questa tecnologia matura e diventa più economica, aprirà più aree.

Come possiamo accelerare questo? Secondo gli esperti che abbiamo intervistato, possiamo ridurre i costi più rapidamente attraverso la ricerca e lo sviluppo sostenuti dal governo, oltre a supportare la commercializzazione di tecnologie e processi più recenti.

Il governo del Victoria prevede che le catene di approvvigionamento locali per questo lancio di energia eolica offshore emergeranno e diventeranno un vantaggio per l’economia. Ma perché tenerlo per noi? Un’efficace catena di approvvigionamento locale sarebbe ben posizionata per il più ampio mercato eolico offshore dell’Asia Pacifico, che si prevede crescerà molto rapidamente in questo decennio.

Siamo solo all’inizio dell’eolico offshore

La legislazione federale dell’anno scorso ha visto l’Australia unirsi alle nazioni della nostra regione, tra cui Giappone, Vietnam, Taiwan, Corea del Sud e Cina, nella definizione di quadri politici a sostegno della distribuzione dell’energia eolica offshore.

È insolito vedere i governi federale e statale vedere negli occhi le energie rinnovabili. Ma questo è ciò che stiamo iniziando a vedere con l’eolico offshore. La legislazione federale dell’anno scorso ha avuto effetti positivi di derivazione chiaramente visibili nella nuova visione del Victoria per il settore.

Il governo del Victoria ritiene che il suo gasdotto eolico offshore sarà una delle principali fonti di nuovi posti di lavoro, durante le fasi di sviluppo, costruzione e operazioni del progetto.

L'eolico offshore arriverà nelle acque australiane, purché apriamo la strada a questo nuovo settore

Proiezione dei costi per l’eolico offshore. Credito: CSIRO Gencost 2021

Alcuni di questi posti di lavoro saranno nelle regioni carbonifere come la Latrobe Valley, che stanno iniziando ad abbandonare le miniere di carbone e le centrali a carbone.

Come ci si potrebbe aspettare, la pianificazione, la costruzione e la gestione di parchi eolici offshore è complessa e richiede il coordinamento con altri utenti delle risorse oceaniche, la misurazione delle risorse eoliche, la valutazione del potenziale impatto ambientale, lo sviluppo delle infrastrutture portuali necessarie e la sicurezza della connessione alla rete elettrica.

Ciò significa che, sebbene la legislazione federale e gli annunci del governo statale siano i primi passi fondamentali, sono solo l’inizio della costruzione del quadro politico e delle catene di approvvigionamento per supportare un’importante industria eolica offshore in Australia.

Ne vale la pena? Assolutamente. Il fiorente mercato eolico offshore in Europa ci mostra che questa fonte di elettricità è più che in grado di competere con altre fonti di produzione di elettricità senza sussidi. L’eolico offshore potrebbe anche fornire elettricità rinnovabile per produrre idrogeno.

Quali sono i prossimi passi?

L’Australia ha già progetti eolici offshore in fase di sviluppo iniziale, con lo Star of the South al largo di Gippsland il più avanzato. Se questo dovesse andare avanti, questo progetto da 2,2 GW potrebbe fornire fino al 20% del fabbisogno di elettricità del Victoria.

Nell’Australia occidentale è stato appena proposto un parco eolico offshore da 3GW. I sostenitori del progetto suggeriscono che questo sarebbe sufficiente per generare fino a 11 TWh di energia all’anno, compensando circa sei milioni di tonnellate di CO2 emissioni ogni anno.

Secondo le proiezioni del CSIRO, i costi dovrebbero diminuire e continuare a diminuire, se lo spiegamento globale dell’eolico offshore aumenterà in linea con gli obiettivi di emissioni nette zero.

È un’ottima notizia che l’eolico offshore abbia iniziato a prendere un vero slancio. Ora è il momento di prendere in considerazione misure come lo snellimento normativo, più obiettivi politici per ridurre il rischio degli investimenti e investimenti in ricerca e sviluppo.

Se li mettiamo in atto, l’eolico offshore potrebbe diventare una parte importante della transizione energetica in Australia e aiutare le aziende australiane a competere a livello internazionale per una quota di questo nuovo mercato in espansione.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.La conversazione

Articolo precedenteConflitto in Ucraina: il Canada vieta l’importazione di prodotti petroliferi dalla Russia
Articolo successivoCrisi in Ucraina: i prezzi del GNL asiatico scendono a causa dei flussi di gas europei stabili