Home Notizie recenti Le vendite di auto negli Stati Uniti diminuiscono nel primo trimestre poiché...

Le vendite di auto negli Stati Uniti diminuiscono nel primo trimestre poiché la carenza di chip rallenta le fabbriche

55
0

I pick-up GMC sono allineati nel lotto di vendita presso la concessionaria Albrecht Auto Group, martedì 18 agosto 3, 2021, a Wakefield, Messa. Si prevedeva che le vendite di veicoli nuovi negli Stati Uniti sarebbero diminuite di circa il 15% nel primo trimestre rispetto a un anno fa, poiché la carenza globale di chip per computer ha continuato a rallentare le fabbriche a causa dell’elevata domanda dei consumatori. General Motors ha riferito venerdì che le sue vendite sono diminuite del 20% per il trimestre, mentre le vendite di Toyota sono diminuite del 15%. Credito: AP Photo/Charles Krupa, file

Le vendite di veicoli nuovi negli Stati Uniti dovrebbero diminuire di circa il 15% nel primo trimestre rispetto a un anno fa, poiché la carenza globale di chip per computer ha continuato a rallentare le fabbriche a causa dell’elevata domanda dei consumatori.

General Motors ha riferito venerdì che le sue vendite sono diminuite del 20% per il trimestre, mentre le vendite di Toyota sono diminuite del 15%. Le vendite di Stellantis sono diminuite del 14%, mentre Nissan ha perso quasi il 30%. Honda ha registrato un calo del 23% e le vendite di Hyundai sono diminuite solo del 4% da gennaio a marzo.

Molte case automobilistiche che hanno segnalato le vendite hanno fatto riferimento alla carenza di chip, iniziata alla fine dell’anno scorso e che ha continuato a frustrare il settore, rendendolo incapace di soddisfare la forte domanda dei consumatori. Molti si aspettano miglioramenti nel corso dell’anno, soprattutto nel secondo semestre.

“I miglioramenti nella catena di approvvigionamento dovrebbero aumentare le vendite di auto nel corso dell’anno, nonostante i venti contrari derivanti dall’aumento dell’inflazione e dai prezzi del carburante”, ha affermato in una nota l’economista capo di GM Elaine Buckberg.

Thomas King, presidente dei dati di JD Power, ha affermato che marzo è in genere un mese di grandi vendite per le case automobilistiche. Invece, tutte le case automobilistiche avevano solo 900.000 veicoli nei loro inventari a livello nazionale e ciò ha ridotto le vendite.

Tuttavia, la domanda dei consumatori rimane forte e gli sconti sono pochi, spingendo il prezzo medio di vendita fino a un record di $ 44.129 per il trimestre, ha affermato JD Power.

Secondo Edmunds.com, i veicoli che si dirigono verso i concessionari stanno vendendo rapidamente. I veicoli alimentati a gas sono rimasti in media solo 20 giorni rispetto ai 62 giorni di marzo dello scorso anno. Anche la domanda di veicoli elettrici è stata forte perché sono rimasti seduti solo per 21 giorni, contro i 63 di un anno fa. Gli ibridi gas-elettrici sono usciti dal lotto in media in 15 giorni, rispetto ai 48 del marzo del 2021, ha affermato Edmunds.

Alcuni concessionari riferiscono che tutti i veicoli in viaggio dalle fabbriche sono già stati venduti.

Ma il direttore esecutivo di Edmunds, Jessica Caldwell, ha affermato che è probabile che le case automobilistiche debbano affrontare nuove carenze di parti a causa dell’invasione russa dell’Ucraina oltre alla carenza di chip. “Questa combinazione di venti contrari potrebbe significare che questi problemi di inventario persisteranno per tutto il resto dell’anno”, ha affermato.

Edmunds prevede un calo delle vendite del 15% per il trimestre.

Anche i prezzi dei veicoli usati sono alti. Lo scambio medio di valore è stato di $ 9.274 a marzo, l’81% in più rispetto a un anno fa, ha affermato JD Power. Ma anche con ciò, è probabile che i pagamenti mensili abbiano raggiunto un record di $ 658, ha affermato la società.

Toyota, con 514.592 vendite da gennaio a marzo, ha superato GM con 512.846 per rimanere la casa automobilistica più venduta negli Stati Uniti. Toyota ha battuto GM nelle vendite l’anno scorso per la prima volta.

I dati di vendita di venerdì non includono Ford o Tesla, che prevedono entrambi di riportare i numeri in date successive.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteI lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro
Articolo successivoIl numero di pazienti COVID negli ospedali statunitensi raggiunge il minimo storico