Home Notizie recenti Le valute digitali della banca centrale creeranno evoluzione, non rivoluzione, nei sistemi...

Le valute digitali della banca centrale creeranno evoluzione, non rivoluzione, nei sistemi di pagamento internazionali

73
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Secondo una nuova ricerca, le valute digitali della banca centrale (CBDC) possono offrire un percorso verso il miglioramento e la semplificazione del complesso ecosistema dei pagamenti internazionali e nazionali, ma è improbabile che sostituiscano i sistemi di pagamento convenzionali consolidati nel prossimo futuro.

“Al momento c’è grande entusiasmo per le criptovalute, come BitCoin, che sono decentralizzate o emesse da entità non bancarie centrali e talvolta sono paragonate al selvaggio West. A un livello molto più regolamentato, molte banche centrali stanno valutando di lanciare le proprie valute digitali della banca centrale, con Bahamas e Nigeria che lo hanno fatto”, ha affermato il dottor Chusu He della University of Bath School of Management.

“Abbiamo studiato le implicazioni delle CBDC per i pagamenti internazionali e abbiamo scoperto che possono promuovere una maggiore efficienza in molti aspetti dei pagamenti nazionali e internazionali a livello di banca centrale. Ma i nostri risultati si sono rivelati prudenti: pensiamo che nel breve termine le CBDC non interromperanno l’esistente l’infrastruttura dei pagamenti, ma piuttosto coesiste con essa”, ha affermato il Dr. He, coautore del rapporto di ricerca commissionato dallo SWIFT Institute sulle CBDC e sui pagamenti internazionali.

Secondo il Dr. He, le persone devono distinguere le CBDC all’ingrosso dalle CBDC al dettaglio, quando si prevede l’impatto delle CBDC sui pagamenti internazionali. Le CBDC all’ingrosso espandono l’accesso ai bilanci delle banche centrali principalmente dalle banche commerciali nell’ambito dei regimi di pagamento esistenti a una gamma più ampia di istituti di servizi finanziari e grandi società. I CBDC al dettaglio ampliano ulteriormente l’accessibilità offrendo le valute al pubblico in generale.

Il dottor He ha affermato che l’introduzione delle CBDC a livello all’ingrosso avrebbe il principale impatto immediato sui pagamenti internazionali, abbassando le barriere all’ingresso sia nella fornitura di regolamento in moneta della banca centrale che nell’instradamento dei pagamenti. Porterebbero maggiore concorrenza all’attività bancaria corrispondente e ridurrebbero il costo dei servizi di pagamento internazionali in tutti gli scenari di utenza, a condizione che siano interoperabili e compatibili con i sistemi di pagamento nazionali esistenti.

Il dottor He ha sottolineato che il ruolo delle CBDC al dettaglio è in situazioni più specifiche, come la riduzione dei costi di rimessa aumentando l’inclusione finanziaria, creando l’accesso a un metodo di pagamento digitale per le persone che non hanno conti bancari. La ricerca ha scoperto che le CBDC svolgerebbero un ruolo di supporto nel miglioramento dei pagamenti internazionali. Ciò potrebbe diventare più importante alla fine, se una massa critica sufficiente di utenti adotta CDBC al dettaglio per i pagamenti nazionali e scambia le proprie partecipazioni direttamente oltre confine.

Ha inoltre osservato che i miglioramenti ai sistemi di pagamento esistenti e l’adozione del quadro degli standard globali ISO20022 possono apportare molti vantaggi simili a quelli che possono essere raggiunti dalle CBDC, ad esempio, migliorando i flussi di informazioni insieme ai pagamenti e riducendo le incompatibilità tecniche tra le diverse giurisdizioni.

“Quindi la nostra opinione è che non assisteremo a una rivoluzione ma, piuttosto, a miglioramenti graduali e incrementali dei costi e della qualità del servizio dei pagamenti internazionali, basati sull’accesso alle CBDC e sull’interoperabilità tra CBDC e schemi di pagamento nazionali. Questo è molto lontano dal quadro drammatico dipinto da altri”, ha detto il dottor He.

“Gran parte delle aspettative di un cambiamento radicale si basa sul presupposto che l’innovazione digitale creerà opportunità per il semplice scambio diretto di valute digitali come lo scambio di e-mail. Sebbene ciò non sia impossibile, le criptovalute lo consentono perché hanno un mercato integrato: l’aspettativa che la creazione di una nuova forma digitale di moneta della banca centrale da sola farà lo stesso lavoro è alquanto ingenuo.I sistemi di pagamento nazionali sono relativamente indipendenti e potrebbero richiedere diverse transazioni di supporto per instradare un pagamento internazionale dal pagatore in un paese al beneficiario in l’altro paese, i CBDC non possono evitarlo completamente”, ha aggiunto.

Lo studio ha suggerito che le CBDC all’ingrosso, a medio e lungo termine, potrebbero aiutare a creare un vero mercato spot 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 7 giorni su 7 dei cambi e, a sua volta, facilitare la gestione della liquidità globale in tempo reale, con trasferimenti di fondi in tutto il mondo in valute diverse in diversi momenti della giornata.

“L’evidenza delle nostre interviste, tuttavia, è che questo sarebbe un cambiamento importante e impegnativo all’infrastruttura esistente per i cambi internazionali. Pertanto non emergerà automaticamente, anche con un accesso diffuso al CBDC all’ingrosso. Gli accordi esistenti con regolamento ritardato sono il preferenza del mercato”, ha detto il dottor He.


Articolo precedenteXbox espande il servizio di cloud gaming alle smart TV Samsung
Articolo successivoLo studio del farmaco mitocondriale antitumorale mostra ulteriori promesse cliniche