Le prove di volo dei droni in Polonia avvicinano ulteriormente la mobilità aerea urbana in tutta l'UE

Credito: FIO CRACHO, Shutterstock

Una prima serie di voli di prova con droni è stata lanciata in Polonia nell’ambito del progetto Uspace4UAM, finanziato dall’UE. Il primo di questi processi è ora in corso a Rzeszów, una città di quasi 200.000 persone.

I voli di prova sono stati effettuati da tre membri del consorzio Uspace4UAM: Dronehub, lo sviluppatore di sistemi drone-in-a-box per il monitoraggio automatizzato e la raccolta dati; fornitore di apparecchiature e sensori per droni Honeywell; e la società di tecnologia software per droni Altitude Angel. Durante la prima fase saranno effettuati circa 160 voli nell’area di Rzeszów, in 3 scenari di droni autonomi che volano per missioni di servizio pubblico. Il primo scenario riguarderà il monitoraggio aereo di emergenza dei luoghi dell’incidente, il secondo scatterà foto orto e fotogrammetriche per le istituzioni pubbliche e il terzo replicherà il trasporto di defibrillatori automatici esterni da utilizzare in situazioni di pericolo di vita.

“Le demo di Dronehub all’interno di Uspace4UAM sono iniziate a novembre 2021 e termineranno a giugno 2022. Durante questo periodo, tra gli altri obiettivi, verificheremo come i droni reagiscono a condizioni meteorologiche diverse e in rapido cambiamento”, afferma Jakub Węglarz, responsabile del progetto di volo di test di Dronehub. in una notizia pubblicata sul sito web dell’impresa comune SESAR. L’impresa comune SESAR, che sta finanziando Uspace4UAM, è una partnership tra istituzioni europee del settore pubblico e privato formata per accelerare la fornitura di soluzioni di trasporto aereo più intelligenti, connesse, accessibili e più sostenibili attraverso la ricerca e l’innovazione.

“Grazie a questi 160 voli che intendiamo effettuare, saremo in grado di adattare sia l’hardware che il software alle condizioni reali della città e alle esigenze dei servizi pubblici”, continua Węglarz. “Le nostre conclusioni e raccomandazioni saranno utilizzate per facilitare l’implementazione della mobilità aerea urbana in Europa”.

La Polonia è uno dei quattro paesi europei per i test di volo

Oltre alla Polonia, i voli dei droni saranno testati anche nella Repubblica Ceca, in Gran Bretagna e in Spagna come parte della ricerca per integrare in sicurezza i voli con droni autonomi nello spazio aereo europeo. “È una cosa importante che la Polonia aggiunga non un piccolo mattone, ma un intero pilastro alla costruzione della mobilità aerea urbana in tutta l’Unione europea”, commenta il fondatore e CEO di Dronehub Vadym Melnyk nella stessa notizia. “Sulla base dei risultati, tra l’altro, dei nostri voli su Rzeszów, verranno sviluppate linee guida per i voli dei droni, poiché i droni nel prossimo futuro diventeranno una vista comune sulle città europee. Quindi sentiamo una grande responsabilità, ma anche un onore , che l’intero progetto sta iniziando qui a Rzeszów, in Polonia.”

Melnyk continua: “Nell’ambito del progetto Uspace4UAM, verranno sviluppati requisiti di sicurezza del volo, nonché regolamenti e standardizzazioni per supportare lo sviluppo dei voli dei droni nello spazio urbano nell’UE. Il progetto mira a mostrare le tecnologie dei droni autonomi che possono essere utilizzato nelle città per migliorare la sicurezza e aiutare i servizi di sicurezza a gestire le situazioni di emergenza”. Uspace4UAM (U-space per UAM) termina a dicembre 2022.


Articolo precedenteLa FDA rilascia l’autorizzazione all’uso di emergenza per il secondo trattamento COVID-19 a domicilio
Articolo successivoIl nuovo trattamento porta a mangiare molto meno in eccesso