Home Notizie recenti Le aziende satellitari europee si impegnano a creare un “campione globale”

Le aziende satellitari europee si impegnano a creare un “campione globale”

15
0

Eutelsat fornisce già alcuni servizi Internet attraverso la sua rete di 35 satelliti più grandi.

L’operatore satellitare francese Eutelsat ha dichiarato lunedì che era in trattative con la controparte britannica OneWeb per un legame per creare un “campione globale” nell’Internet a banda larga, rivaleggiando con operatori statunitensi come Starlink di Elon Musk.

La banda larga satellitare promette di portare copertura nelle aree più remote del pianeta e di fornire connettività su aerei e prodotti come le auto connesse.

Starlink guida il mercato con oltre 2.000 minuscoli satelliti in orbita terrestre inferiore (LEO), a poche centinaia di chilometri sopra la Terra.

Eutelsat fornisce già alcuni servizi Internet attraverso un accordo con la società di telecomunicazioni Orange, utilizzando la sua rete di 35 satelliti più grandi che operano a migliaia di chilometri dalla Terra in orbita geostazionaria (GEO) che sono più comunemente usati per la TV e altre comunicazioni.

Ma Eutelsat ha affermato che il suo legame con OneWeb, se andrà a buon fine, sarebbe il primo del suo genere ad alleare i satelliti GEO e LEO: OneWeb ne ha 428 in orbita.

L’azienda francese ha affermato che sarebbe “in una posizione unica” per sfruttare un mercato che prevedeva un valore di 16 miliardi di dollari entro il 2030.

La “potenziale combinazione all-share” “creerebbe un leader globale nella connettività”, ha affermato Eutelsat in una nota.

“Passo successivo logico”

Tuttavia, le aziende europee devono far fronte a una forte concorrenza.

Musk non è l’unico miliardario tecnologico con l’intenzione di dominare il mercato: il fondatore di Amazon Jeff Bezos ha recentemente annunciato che intende lanciare circa 3.200 satelliti.

Il denaro si sta riversando nel settore, con Bezos che a quanto pare ha promesso 10 miliardi di dollari al suo cosiddetto Project Kuiper.

Anche le istituzioni pubbliche stanno cercando di entrare in azione.

L’Unione Europea vuole schierare circa 250 satelliti entro il 2024 e la Cina ha in programma di lanciarne 13.000.

Il governo britannico possiede una partecipazione in OneWeb.

Eutelsat detiene già il 23 per cento delle azioni di OneWeb e l’operazione rappresenterebbe un “logico passo successivo nella partnership di successo”, ha affermato l’azienda francese.

Tuttavia, il potenziale accordo ha diversi potenziali ostacoli da superare, inclusa la necessità di essere approvato dagli azionisti e dalle autorità di regolamentazione di Eutelsat.

“Non si può garantire che queste discussioni porteranno a un accordo”, ha affermato l’azienda francese.

Le azioni di Eutelsat sono crollate di oltre il 17% nelle prime contrattazioni alla borsa di Parigi.


© 2022 AFP

Articolo precedenteLa Fed USA prevede di aumentare i tassi di 0,75 punti percentuali a luglio: rapporto
Articolo successivoMacchina dell’ironia: perché i ricercatori di intelligenza artificiale insegnano ai computer a riconoscere l’ironia?