Home Notizie recenti L’accordo del Senato dovrebbe semplificare l’acquisto di veicoli elettrici

L’accordo del Senato dovrebbe semplificare l’acquisto di veicoli elettrici

14
0

La Chevrolet SS EV del 2024 è presentata a Warren, Michigan, il 12 luglio 2022. È probabile che l’accordo a sorpresa dei Democratici del Senato su un disegno di legge ridotto per sostenere le famiglie, potenziare le infrastrutture e combattere il cambiamento climatico farà ripartire le vendite di veicoli elettrici. Credito: AP Photo/Paul Sancya, file

È probabile che anche l’accordo a sorpresa dei Democratici del Senato su un disegno di legge snellito per sostenere le famiglie, potenziare le infrastrutture e combattere il cambiamento climatico possa far ripartire le vendite di veicoli elettrici.

La misura concordata dal leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer e dal senatore resistente. Joe Manchin del West Virginia concederebbe agli acquirenti di veicoli elettrici un credito d’imposta di $ 7.500 a partire dal prossimo anno, fino alla fine del 2032. C’è anche un nuovo credito di $ 4.000 per coloro che acquistano veicoli elettrici usati, una mossa per aiutare la classe media a passare all’elettricità.

Ma come spesso le cose vanno a Washington, ci sono un sacco di stringhe e asterischi.

Per essere idoneo, il veicolo elettrico deve essere assemblato in Nord America e ci sono limiti di reddito annuo per gli acquirenti. Ci sono anche limiti sui prezzi degli adesivi dei nuovi veicoli elettrici – $ 80.000 per pickup, SUV e furgoni e $ 55.000 per altri veicoli – e un limite di $ 25.000 sul prezzo dei veicoli elettrici usati.

Tuttavia, anche con le restrizioni, i crediti dovrebbero aiutare a stimolare le vendite di veicoli elettrici, che già stanno aumentando poiché le case automobilistiche introducono più modelli in diverse dimensioni e fasce di prezzo, ha affermato Jessica Caldwell, analista di Edmunds.com.

“I crediti d’imposta per i veicoli elettrici in bolletta andranno a beneficio dei consumatori e ridurranno i costi per le famiglie a basso e medio reddito”, ha affermato il Sierra Club a proposito della misura, che deve ancora essere approvata da entrambe le camere. “Speriamo in una rapida adozione”.

Per la prima metà di quest’anno, i veicoli elettrici hanno rappresentato circa il 5% delle vendite di veicoli nuovi negli Stati Uniti, con 46 modelli in vendita. S&P Global Mobility prevede che raggiungerà l’8% il prossimo anno, il 15% entro il 2025 e il 37% entro il 2030.

Al momento, molti nuovi veicoli elettrici, inclusi due dei quattro modelli del leader delle vendite Tesla, non sarebbero idonei per i crediti perché hanno un prezzo superiore ai limiti del conto, ha affermato Caldwell. Ma il numero di veicoli idonei aumenterà man mano che le case automobilistiche lanceranno più veicoli elettrici tradizionali nei prossimi anni, ha affermato.

“Immagino che queste fasce di prezzo diventeranno molto più realistiche nei prossimi anni, quando probabilmente avrai più veicoli che rientrano in questi parametri”, ha detto Caldwell.

L'accordo del Senato dovrebbe semplificare l'acquisto di veicoli elettrici

Un addetto alle vendite parla con un potenziale acquirente di un veicolo elettrico Cooper SE nello showroom di una concessionaria Mini il 7 luglio 2022, a Highlands Ranch, Colo. È probabile che l’accordo a sorpresa dei Democratici del Senato su un disegno di legge ridotto per sostenere le famiglie, potenziare le infrastrutture e combattere il cambiamento climatico farà ripartire le vendite di veicoli elettrici. Credito: AP Photo/David Zalubowski, file

Diverse case automobilistiche, tra cui Ford e Hyundai, li hanno già a $ 40.000 e General Motors il prossimo anno prevede di iniziare a vendere un piccolo SUV Chevrolet per circa $ 30.000 con circa 300 miglia di autonomia per carica.

Inoltre, non ci sono ancora molti veicoli elettrici usati con un prezzo inferiore a $ 25.000, e quelli che sono principalmente più vecchi, con autonomia inferiore per carica, ha detto Caldwell, osservando che una piccola auto elettrica Chevrolet Bolt di 5 anni, una delle più basse. veicoli elettrici a buon mercato su strada, è probabile che costino più di $ 25.000.

“Sembra che sia qualcosa che dovrebbe essere potenzialmente rivisitato per avere più senso dato il mercato di oggi”, ha detto.

Per ottenere il credito, gli acquirenti di nuovi veicoli elettrici non possono aver modificato un reddito lordo rettificato superiore a $ 300.000 all’anno se presentano dichiarazioni dei redditi congiunte, $ 225.000 per un capofamiglia e $ 150.000 per tutti i contribuenti non nelle prime due categorie.

Per i veicoli elettrici usati, i limiti di reddito sono $ 150.000 se si presenta una dichiarazione congiunta, $ 112.500 per un capofamiglia e $ 75.000 per altri non nelle prime due categorie.

Il disegno di legge rimuove anche i limiti al numero di crediti d’imposta che ogni produttore può offrire. General Motors, Tesla e Toyota hanno tutte superato il limite e non possono offrire crediti ora in base a una misura precedente. Ma altri produttori li offrono ancora.

Inoltre, più della metà del valore dei componenti della batteria deve essere prodotto o assemblato in Nord America per ottenere l’intero credito. E almeno il 40% dei minerali utilizzati nelle batterie deve provenire dagli Stati Uniti o da un paese con cui ha un accordo di libero scambio. Tali percentuali aumentano gradualmente nel corso degli anni e si qualificano anche i minerali riciclati dalle batterie usate in Nord America.

I crediti andrebbero anche agli acquirenti di celle a combustibile a idrogeno e veicoli ibridi plug-in. I plug-in possono viaggiare con la sola alimentazione elettrica per diverse miglia prima che entri in funzione il propulsore ibrido gas-elettrico.

I crediti d’imposta sui veicoli elettrici sono molto più piccoli di quanto diversi legislatori democratici degli stati automobilistici avevano proposto in precedenza. Sono finiti i crediti extra per i veicoli elettrici prodotti negli Stati Uniti dai lavoratori sindacali.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteI titani della tecnologia statunitense inciampano dopo il boom della pandemia
Articolo successivoL’esposizione prenatale agli oppioidi può innescare cambiamenti neurologici e comportamentali più avanti nella vita