Home Notizie recenti Il metaverso offre un futuro pieno di potenziale, anche per terroristi ed...

Il metaverso offre un futuro pieno di potenziale, anche per terroristi ed estremisti

99
0
realta virtuale

Credito: Pixabay / CC0 di dominio pubblico

Il metaverso sta arrivando. Come tutta l’innovazione tecnologica, porta nuove opportunità e nuovi rischi.

Il metaverso è una versione immersiva della realtà virtuale di Internet in cui le persone possono interagire con oggetti digitali e rappresentazioni digitali di se stesse e degli altri e possono spostarsi più o meno liberamente da un ambiente virtuale all’altro. Può anche coinvolgere la realtà aumentata, una fusione di realtà virtuale e fisica, sia rappresentando persone e oggetti dal mondo fisico nel virtuale sia, al contrario, portando il virtuale nelle percezioni delle persone degli spazi fisici.

Indossando cuffie per realtà virtuale o occhiali per realtà aumentata, le persone saranno in grado di socializzare, adorare e lavorare in ambienti in cui i confini tra gli ambienti e tra il digitale e il fisico sono permeabili. Nel metaverso, le persone saranno in grado di trovare un significato e fare esperienze di concerto con le loro vite offline.

Qui sta il problema. Quando le persone imparano ad amare qualcosa, che sia digitale, fisico o una combinazione, prendere quella cosa da loro può causare dolore e sofferenza emotiva. Per essere più precisi, le cose che le persone hanno a cuore diventano vulnerabilità che possono essere sfruttate da coloro che cercano di causare danni. Le persone con intenzioni dannose stanno già notando che il metaverse è un potenziale strumento nel loro arsenale.

Come ricercatori sul terrorismo presso il National Counterterrorism Innovation, Technology, and Education Center di Omaha, nel Nebraska, vediamo un potenziale lato oscuro del metaverso. Sebbene sia ancora in costruzione, la sua evoluzione promette agli estremisti nuovi modi di esercitare influenza attraverso la paura, la minaccia e la coercizione. Considerando la nostra ricerca sulla creatività e l’innovazione malevole, esiste il potenziale per il metaverso di diventare un nuovo dominio per l’attività terroristica.

Per essere chiari, non ci opponiamo al metaverso come concetto e, anzi, siamo entusiasti del suo potenziale per il progresso umano. Ma crediamo che l’ascesa del metaverso aprirà nuove vulnerabilità e presenterà nuove opportunità per sfruttarle. Anche se non esaustivo, ecco tre modi in cui il metaverso complicherà gli sforzi per contrastare il terrorismo e l’estremismo violento.

reclutamento

In primo luogo, il reclutamento e il coinvolgimento online sono segni distintivi dell’estremismo moderno e il metaverso minaccia di espandere questa capacità rendendo più facile l’incontro tra le persone. Oggi, qualcuno interessato a sentire ciò che il fondatore di Oath Keepers, Stewart Rhodes, ha da dire potrebbe leggere un articolo sulla sua ideologia anti-governativa o guardare un video di lui che parla ai seguaci dell’imminente legge marziale. Domani, fondendo intelligenza artificiale e realtà aumentata nel metaverso, Rhodes o il suo sostituto dell’IA potranno sedersi su una panchina virtuale con un numero qualsiasi di potenziali seguaci e attirarli con visioni del futuro.

Allo stesso modo, un bin Laden risorto potrebbe incontrare aspiranti seguaci in un roseto virtuale o in un’aula magna. Il metaverso emergente offre ai leader estremisti una nuova capacità di forgiare e mantenere comunità ideologiche e sociali virtuali e modi potenti e difficili da interrompere per espandere i propri ranghi e sfere di influenza.

Coordinazione

In secondo luogo, il metaverso offre nuovi modi per coordinare, pianificare ed eseguire atti di distruzione attraverso un’appartenenza diffusa. Un assalto al Campidoglio? Con un riconoscimento e una raccolta di informazioni sufficienti, i leader estremisti potrebbero creare ambienti virtuali con rappresentazioni di qualsiasi edificio fisico, il che consentirebbe loro di accompagnare i membri attraverso percorsi che portano a obiettivi chiave.

I membri potrebbero apprendere percorsi praticabili ed efficienti, coordinare percorsi alternativi se alcuni sono bloccati e stabilire più piani di emergenza in caso di sorprese. Quando si esegue un attacco nel mondo fisico, gli oggetti di realtà aumentata come le frecce virtuali possono aiutare a guidare gli estremisti violenti e identificare i bersagli contrassegnati.

Gli estremisti violenti possono complottare dai loro soggiorni, scantinati o cortili, il tutto mentre costruiscono connessioni sociali e fiducia nei loro coetanei, e tutto mentre appaiono agli altri nella forma di avatar digitale di loro scelta. Quando i leader estremisti danno ordini di azione nel mondo fisico, è probabile che questi gruppi siano più preparati dei gruppi estremisti di oggi a causa del loro tempo nel metaverso.

Nuovi obiettivi

Infine, con i nuovi spazi di realtà virtuale e mista arriva il potenziale per nuovi obiettivi. Proprio come edifici, eventi e persone possono essere danneggiati nel mondo reale, così anche gli stessi possono essere attaccati nel mondo virtuale. Immagina le svastiche sulle sinagoghe, le interruzioni di attività della vita reale come banche, acquisti e lavoro e il deterioramento di eventi pubblici.

Un servizio commemorativo dell’11 settembre creato e ospitato nel dominio virtuale sarebbe, ad esempio, un bersaglio allettante per estremisti violenti che potrebbero ricostruire la caduta delle torri gemelle. Un matrimonio metaverso potrebbe essere interrotto da aggressori che disapprovano l’abbinamento religioso o di genere della coppia. Questi atti richiederebbero un pedaggio psicologico e provocherebbero danni nel mondo reale.

Potrebbe essere facile respingere le minacce di questo mondo fisico e virtuale mescolato affermando che non è reale e quindi è irrilevante. Ma mentre Nike si prepara a vendere scarpe virtuali, è fondamentale riconoscere i soldi veri che verranno spesi nel metaverso. Con i soldi veri si ottengono veri posti di lavoro, e con posti di lavoro veri arriva la possibilità di perdere mezzi di sussistenza molto reali.

Distruggere un’attività di realtà aumentata o virtuale significa che un individuo subisce una vera perdita finanziaria. Come i luoghi fisici, gli spazi virtuali possono essere progettati e realizzati con cura, portando successivamente il significato che le persone attribuiscono alle cose in cui hanno investito tempo e creatività. Inoltre, man mano che la tecnologia diventa più piccola e più integrata nella vita quotidiana delle persone, la capacità di disattivare semplicemente il metaverso e ignorare il danno potrebbe diventare più difficile.

Prepararsi alla nuova realtà (virtuale).

Come affrontare allora queste minacce e vulnerabilità emergenti? È ragionevole che le aziende suggeriscano che l’odio o la violenza non saranno consentiti o che le persone che praticano l’estremismo saranno identificate e bandite dai loro spazi virtuali. Sosteniamo tali impegni, ma siamo scettici sul fatto che siano credibili, soprattutto alla luce delle rivelazioni sul comportamento pericoloso di Meta sulle sue piattaforme Facebook, Instagram e WhatsApp. C’è profitto nell’odio e nella divisione.

Se le società non possono fungere da affidabili guardiani unici del metaverso, allora chi può e come?

Sebbene l’arrivo di un metaverso a tutti gli effetti sia ancora nel futuro, le potenziali minacce poste dal metaverso richiedono oggi l’attenzione di una vasta gamma di persone e organizzazioni, inclusi ricercatori accademici, coloro che sviluppano il metaverso e coloro che hanno il compito di proteggere la società . Le minacce richiedono di pensare al metaverso tanto o in modo più creativo quanto è probabile che facciano quelli con intenzioni malevole. Tutti devono essere pronti per questa nuova realtà.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.La conversazione

Articolo precedenteTransistor nanowire con memoria integrata per abilitare i futuri supercomputer
Articolo successivoFare luce sui microinquinanti emergenti