Home Notizie recenti Il genitore di Google riporta la crescita trimestrale più lenta degli ultimi...

Il genitore di Google riporta la crescita trimestrale più lenta degli ultimi 2 anni

31
0

Il logo di Google viene visualizzato nei loro uffici il 1 novembre 2018 a Granary Square, a Londra. La crescita dei ricavi di Google nell’ultimo trimestre è decelerata al ritmo più lento in due anni, poiché gli inserzionisti hanno aumentato le loro spese tra i crescenti timori di una recessione economica. La regressione riportata martedì 26 luglio 2022 dalla società madre di Google, Alphabet, è l’ultimo segnale che i venti favorevoli che hanno spinto le grandi aziende tecnologiche durante la pandemia si sono spostati in una nuova e stimolante direzione. Credito: AP Photo/Alastair Grant, file

La crescita dei ricavi di Google nell’ultimo trimestre è decelerata al ritmo più lento in due anni, poiché gli inserzionisti hanno aumentato le loro spese tra i crescenti timori di una recessione economica.

La regressione riportata martedì dalla società madre di Google, Alphabet, è l’ultimo segnale che i venti favorevoli che spingono le grandi aziende tecnologiche durante la pandemia sono cambiati. La serie di nuove sfide che il settore deve affrontare ha già causato un crollo del 26% dell’indice composito Nasdaq basato sulla tecnologia quest’anno.

Nel caso di Alphabet, le entrate nel periodo aprile-giugno sono state pari a 69,7 miliardi di dollari, con un aumento del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Sarebbe una crescita impressionante per la maggior parte delle aziende al di fuori della tecnologia. Ma ha segnato il tasso di crescita più basso di Alphabet dal trimestre aprile-giugno del 2020, quando la società ha subito il primo, e finora unico, calo dei ricavi anno su anno della sua storia. La causa: gli inserzionisti si sono ritirati mentre la maggior parte dei consumatori veniva rinchiusa a casa durante le prime fasi della pandemia.

La spesa più lenta è stata particolarmente evidente su YouTube, dove i principali inserzionisti hanno sempre più gravitato per promuovere i propri marchi con brevi spot pubblicitari. Le entrate pubblicitarie di YouTube sono aumentate del 5% rispetto all’anno precedente durante il secondo trimestre, il tasso più basso di crescita trimestrale anno su anno da quando Alphabet ha iniziato a divulgare i risultati finanziari del sito di video alla fine del 2019.

Ruth Porat, chief financial officer di Alphabet, ha attribuito parte della scarsa crescita di YouTube alla spesa pubblicitaria “veramente straordinaria” nello stesso periodo dell’anno scorso, quando i vaccini hanno incoraggiato più consumatori a iniziare a tornare ai loro stili di vita e ai loro modelli di spesa pre-pandemia.

Nonostante il rallentamento, Alphabet rimane estremamente redditizio. La società di Mountain View, in California, ha guadagnato $ 16 miliardi, o $ 1,21 per azione, durante il secondo trimestre, anche se anche questo è stato un calo del 14% rispetto allo scorso anno. Come al solito, la maggior parte di quel denaro è stato riversato dal motore di ricerca dominante di Google e da un’ampia gamma di altri servizi popolari, tra cui mappe, Gmail, browser Chrome, sito di video YouTube e software Android per smartphone.

Anche se sia le entrate che gli utili sono leggermente inferiori alle stime degli analisti, i numeri apparentemente non erano così negativi come temevano gli investitori. Il crollo del prezzo delle azioni di Alphabet ha guadagnato oltre il 5% nel trading esteso dopo che i numeri sono stati rilasciati. Il rally ha preso slancio dopo che il CEO di Alphabet Sundar Pichai e altri alti dirigenti hanno assicurato agli analisti durante una teleconferenza di martedì che la società intendeva essere più giudiziosa riguardo alle proprie spese nei prossimi mesi, un impegno che probabilmente rafforzerà i profitti anche se la crescita dei ricavi continua a vacillare .

“Personalmente, trovo che momenti come questo chiariscano”, ha spiegato Pichai durante la telefonata. “Ci dà la possibilità di guardare tutto ciò che facciamo attraverso un obiettivo critico”.

I risultati del secondo trimestre riflettono una maggiore cautela tra gli inserzionisti digitali che rimangono prudenti poiché la Federal Reserve contempla un’azione più aggressiva, il che significa tassi di interesse più elevati, per ridurre l’inflazione più alta degli ultimi 40 anni, una missione che minaccia di trascinare l’economia in un recessione. Il prossimo aumento del tasso è previsto mercoledì.

“Usiamo il termine ‘incertezza’ perché questo è il modo migliore per caratterizzare ciò che stiamo vedendo”, ha detto Porat durante una teleconferenza con gli analisti alla fine di martedì. Ha anche riconosciuto che Google è stata colpita da “ritiri” tra un numero imprecisato di inserzionisti.

L’inasprimento dei budget pubblicitari ha ripercussioni al di là di Google. Ha spremuto la piattaforma social Snap così duramente che i suoi guadagni sono scesi al di sotto degli avvertimenti del management di scarsi risultati aziendali, creando una prospettiva così oscura che i suoi dirigenti si sono rifiutati di fare previsioni per il trimestre in corso.

Anche la società madre di Facebook, Meta, si sta preparando per tempi più difficili. Il CEO di Meta Mark Zuckerberg dovrebbe approfondire la sua opinione sullo stato attuale della pubblicità digitale mercoledì quando la società pubblicherà i risultati del secondo trimestre.

Oltre all’attuale certezza economica, sia Snap che Facebook sono stati danneggiati dalle protezioni della privacy che Apple ha imposto l’anno scorso per impedire ai servizi di social media e a un’ampia varietà di altre app di tracciare gli interessi e le posizioni delle persone su iPhone per aiutare a vendere annunci senza il permesso degli utenti. Questa protezione non ha influito tanto su Google perché il suo motore di ricerca può imparare così tanto sulle persone dalle loro query.

Sebbene la società sia in una posizione migliore rispetto alla maggior parte delle altre per affrontare la turbolenza economica che sembra incombere, “è chiaro che Google ha il suo lavoro da fare nella seconda metà dell’anno”, ha affermato l’analista di Insider Intelligence Evelyn Mitchell.

Google ha già iniziato a prepararsi per una potenziale recessione annunciando di recente piani per rallentare le assunzioni e poi è andato ancora oltre imponendo un blocco di due settimane sull’estensione delle offerte di lavoro ai candidati.

Ma prima di quella pausa, Alphabet ha rafforzato significativamente il suo libro paga durante il trimestre. Ha aggiunto più di 10.000 dipendenti da fine marzo a giugno, rispetto all’aumento di circa 7.400 dipendenti durante i primi mesi dell’anno. L’azienda ha chiuso il trimestre con circa 174.000 dipendenti in tutto il mondo.- Porat ha detto agli analisti che il calo delle assunzioni di Google probabilmente non inizierà a comparire nei suoi numeri trimestrali fino al prossimo anno, in parte a causa delle offerte di lavoro già in cantiere e delle aspettative che completerà l’acquisizione da 5,4 miliardi di dollari dello specialista di sicurezza informatica Mandiant e dei suoi circa 2.300 dipendenti entro la fine dell’anno.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteL’investimento di 22 miliardi di dollari dell’azienda coreana significherà nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti, afferma WH
Articolo successivoLufthansa cancellerà quasi tutti i voli tedeschi mercoledì