Home Notizie recenti I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella...

I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro

154
0

Chris Smalls, organizzatore sindacale del centro di distribuzione Amazon.com Inc, con sede a Staten Island, festeggia con i membri del sindacato dopo aver ottenuto i risultati della votazione per sindacalizzare il magazzino Amazon a Staten Island, NY, venerdì 1 aprile 2022, nel quartiere di Brooklyn a New York. Credito: AP Photo/Eduardo Munoz Alvarez

I lavoratori di Amazon a Staten Island, New York, hanno votato per il sindacato venerdì, segnando il primo sforzo organizzativo di successo negli Stati Uniti nella storia del gigante della vendita al dettaglio e consegnando una vittoria inaspettata a un gruppo nascente che ha alimentato la spinta sindacale.

I lavoratori del magazzino hanno espresso 2.654 voti, ovvero circa il 55%, a favore di un sindacato, dando alla neonata Amazon Labour Union un sostegno sufficiente per ottenere una vittoria. Secondo il National Labor Relations Board, che sta supervisionando il processo, 2.131 lavoratori, ovvero il 45%, hanno respinto l’offerta sindacale.

Le 67 schede che sono state contestate da Amazon o dall’ALU non sono state sufficienti per influenzare il risultato. Funzionari federali del lavoro hanno affermato che i risultati del conteggio non saranno verificati fino a quando non elaboreranno eventuali obiezioni, dovute entro l’8 aprile, che entrambe le parti potrebbero presentare.

La vittoria è stata una battaglia in salita per il gruppo indipendente, composto da ex e attuali lavoratori che non avevano il sostegno ufficiale di un sindacato consolidato e sono stati superati dal gigantesco gigante della vendita al dettaglio. Nonostante gli ostacoli, gli organizzatori ritenevano che il loro approccio di base fosse più affine ai lavoratori e potesse aiutarli a superare i punti in cui i sindacati consolidati hanno fallito in passato. Avevano ragione.

Chris Smalls, un dipendente di Amazon licenziato che ha guidato l’ALU nella sua lotta a Staten Island, venerdì è uscito dall’edificio della NLRB a Brooklyn con altri organizzatori sindacali, agitando i pugni e saltando, cantando “ALU”. Hanno stappato una bottiglia di Champagne e Smalls ha salutato la vittoria come una chiamata alle armi per gli altri lavoratori di Amazon in tutta l’azienda in espansione.

“Spero che tutti prestino attenzione ora perché molte persone dubitano di noi”, ha detto.

Smalls spera che il successo a New York incoraggerà i lavoratori di altre strutture a lanciare le proprie campagne organizzative. Anche il suo gruppo sposterà presto la propria attenzione su un vicino magazzino Amazon a Staten Island, dove sono previste elezioni sindacali separate per la fine di aprile. Gli organizzatori ritengono che la vittoria di venerdì renderà più facile vincere anche lì.

I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro

I membri dell’Amazon Labor Union (ALU) festeggiano dopo un aggiornamento durante i risultati della votazione per sindacalizzare il magazzino Amazon a Staten Island, NY, venerdì 1 aprile 2022, nel quartiere di Brooklyn a New York. Se la maggioranza dei lavoratori di Amazon alla fine vota sì a Staten Island o Bessemer, in Ala., segnerebbe il primo sforzo organizzativo di successo negli Stati Uniti nella storia dell’azienda. (Foto AP/Eduardo Munoz Alvarez) Credito: Foto AP/Eduardo Munoz Alvarez

Amazon ha pubblicato venerdì una dichiarazione sul sito web della sua azienda affermando che stava valutando le sue opzioni dopo le elezioni.

“Siamo delusi dall’esito delle elezioni a Staten Island perché riteniamo che avere un rapporto diretto con l’azienda sia la cosa migliore per i nostri dipendenti”, si legge nel post. “Stiamo valutando le nostre opzioni, inclusa la presentazione di obiezioni basate sull’influenza indebita e indebita dell’NLRB a cui noi e altri (inclusa la National Retail Federation e la Camera di commercio degli Stati Uniti) abbiamo assistito in queste elezioni”.

La società non ha approfondito, ma ha riferito che potrebbe contestare l’elezione sulla base di una causa intentata a marzo dall’NLRB, che ha cercato di costringere Amazon a reintegrare un dipendente licenziato che era coinvolto nella campagna sindacale.

La portavoce dell’NLRB Kayla Blado ha risposto alla dichiarazione di Amazon osservando che l’agenzia indipendente è stata autorizzata dal Congresso a far rispettare il National Labor Relations Act.

“Tutte le azioni esecutive dell’NLRB contro Amazon sono state coerenti con quel mandato del Congresso”, ha affermato.

Mark Cohen, direttore degli studi sulla vendita al dettaglio presso la Columbia University, ha affermato di non vedere come i lavoratori trarranno vantaggio da una struttura Amazon sindacalizzata e ha definito fuorviante la spinta generale a sindacalizzare le aziende. Ha affermato che Amazon è un’azienda “altamente disciplinata e irreggimentata” disposta a pagare salari premium e buoni benefici, ma richiede anche un’enorme produzione dai suoi lavoratori che lavorano su turni di 10 ore.

“Amazon non cambierà la loro cultura perché ora c’è un’unione in mezzo a loro”, ha detto Cohen. “Potrebbero essere costretti a lasciare che le persone lavorino otto ore, ma quelle persone guadagneranno meno”.

I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro

I membri dell’Amazon Labor Union (ALU) festeggiano dopo un aggiornamento durante i risultati della votazione per sindacalizzare il magazzino Amazon a Staten Island, NY, venerdì 1 aprile 2022, nel quartiere di Brooklyn a New York. Se la maggioranza dei lavoratori di Amazon alla fine vota sì a Staten Island o Bessemer, in Ala., segnerebbe il primo sforzo organizzativo di successo negli Stati Uniti nella storia dell’azienda. (Foto AP/Eduardo Munoz Alvarez) Credito: Foto AP/Eduardo Munoz Alvarez

Lo sforzo sindacale di successo a Staten Island era in contrasto con quello lanciato a Bessemer, in Alabama, dalla più affermata Retail, Wholesale and Department Store Union. I lavoratori di un magazzino Amazon lì sembravano aver rifiutato un’offerta sindacale, ma le votazioni contestate in sospeso potrebbero cambiare il risultato. I voti sono stati 993 contro 875 contro il sindacato. L’udienza per la revisione di 416 schede impugnate dovrebbe iniziare nei prossimi giorni.

Le campagne sindacali arrivano in un momento di diffusa agitazione sindacale in molte società. I lavoratori di oltre 140 sedi Starbucks in tutto il paese, ad esempio, hanno richiesto elezioni sindacali e molti di loro hanno già avuto successo.

Ma Amazon è stata a lungo considerata uno dei premi più importanti per il movimento operaio date le enormi dimensioni e l’impatto dell’azienda. I risultati a Staten Island si sono riverberati fino alla Casa Bianca.

“Il presidente è stato felice di vedere i lavoratori assicurarsi che la loro voce sia ascoltata rispetto a importanti decisioni sul posto di lavoro”, ha detto il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki durante il briefing di venerdì sul voto. “Crede fermamente che ogni lavoratore in ogni stato debba avere una scelta libera ed equa di aderire a un sindacato e il diritto di contrattare collettivamente con il proprio datore di lavoro”.

John Logan, direttore degli studi sul lavoro e sull’occupazione presso la San Francisco State University, ha affermato che la vittoria del sindacato è stata un potenziale punto di svolta a due anni dall’inizio di una pandemia che ha cambiato il panorama del lavoro.

“Sapevamo che i sindacati stavano vivendo un momento, ma questo è molto più grande”, ha detto Logan “Non c’è premio più grande dell’organizzazione di Amazon”.

Ha aggiunto che la vittoria dell’ALU sfida il pensiero tradizionale secondo cui solo i sindacati nazionali possono affrontare le grandi aziende. Ma il gruppo potrebbe avere ancora una battaglia davanti a sé, secondo Erin Hatton, professoressa di sociologia all’Università di Buffalo a New York.

I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro

Tristan Lion Dutchin, 27 anni, membro dell’Amazon Labour Union (ALU), fa un gesto mentre attende i risultati delle votazioni, venerdì 1 aprile 2022, nel distretto di New York. Se la maggioranza dei lavoratori di Amazon alla fine vota sì a Staten Island o Bessemer, in Ala., segnerebbe il primo sforzo organizzativo di successo negli Stati Uniti nella storia dell’azienda. Credito: AP Photo/Eduardo Munoz Alvarez

“Portare Amazon al tavolo delle trattative sarà un’altra impresa insieme”, ha detto Hatton. “Spesso il sindacato svanisce perché l’azienda non si presenta in buona fede al tavolo delle trattative come sono obbligati a fare”.

Rebecca Givan, professoressa di studi sul lavoro alla Rutgers University, ha affermato che la vittoria è solo il primo passo di una probabile battaglia di lunga durata contro Amazon.

“È chiaro che Amazon continuerà a combattere, non stanno ammettendo che i lavoratori abbiano il diritto di organizzarsi”, ha detto. “Sembra che le questioni legali che hanno sollevato questo pomeriggio suggeriscano che stiano cercando di minare l’intera autorità di NLRB”.

Amazon ha respinto duramente in vista di entrambe le elezioni a Staten Island e Bessemer. Il gigante della vendita al dettaglio ha tenuto riunioni obbligatorie, in cui ai lavoratori è stato detto che i sindacati sono una cattiva idea. L’azienda ha anche lanciato un sito web anti-sindacato rivolto ai lavoratori e ha collocato manifesti in inglese e spagnolo nella struttura di Staten Island. A Bessemer, Amazon ha apportato alcune modifiche, ma ha comunque mantenuto una controversa casella di posta del servizio postale degli Stati Uniti che è stata fondamentale nella decisione dell’NLRB di invalidare il voto dell’anno scorso.

Entrambe le lotte sindacali hanno affrontato sfide uniche. L’Alabama, ad esempio, è uno stato con diritto al lavoro che vieta a un’azienda e a un sindacato di firmare un contratto che richiede ai lavoratori di pagare a causa del sindacato che li rappresenta.

Anche il panorama sindacale in Alabama è nettamente diverso da quello di New York. L’anno scorso, i membri del sindacato rappresentavano il 22,2% dei salari e dei salari a New York, classificata solo dietro le Hawaii, secondo l’US Bureau of Labor Statistics. È più del doppio della media nazionale del 10,3%. In Alabama è del 5,9%.

I lavoratori di Amazon a Staten Island cercano pause più lunghe, ferie retribuite per i dipendenti infortunati e una paga oraria di $ 30, rispetto a un minimo di poco più di $ 18 all’ora offerto dall’azienda. Il salario medio stimato per il distretto è di $ 41 l’ora, secondo un’analisi simile dell’US Census Bureau del reddito familiare medio di $ 85.381 di Staten Island.

I lavoratori di Amazon a New York votano per il sindacato nella storica vittoria del lavoro

Jason Anthony, organizzatore del sindacato del centro di distribuzione Amazon JFK8, parla ai media venerdì 1 aprile 2022 nel quartiere di Brooklyn a New York. I lavoratori di Amazon a Staten Island, NY, hanno votato per il sindacato venerdì, segnando il primo sforzo organizzativo di successo negli Stati Uniti nella storia del gigante della vendita al dettaglio e consegnando una vittoria inaspettata a un gruppo nascente che ha alimentato la spinta sindacale. Credito: AP Photo/Eduardo Munoz Alvarez

Ross Harrison, che ha votato a favore dell’organizzazione a Staten Island, sperava che il sindacato potesse migliorare le cose sul lavoro, ma non era sicuro del suo maggiore impatto.

“La vita è molto più grande di un’unione”, ha detto Harrison quando ha riferito per il suo turno venerdì. “Amazon è un ottimo lavoro e il sindacato è una grande opportunità per le persone che non vedono l’ora”.

Tinea Greenaway ha votato contro la sindacalizzazione, ma ha detto che per ora si riserverà il giudizio.

“Non possiamo ritirare i nostri voti”, ha detto. “Darò alle cose una possibilità, ma vediamo se mantengono ciò che hanno promesso”.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteIl futuro dell’infrastruttura 5G+ potrebbe essere costruito piastrella per piastrella
Articolo successivoLe vendite di auto negli Stati Uniti diminuiscono nel primo trimestre poiché la carenza di chip rallenta le fabbriche