Una squadra di Verizon aggiorna una torre cellulare per gestire la rete 5G a Orem, nello Utah, a dicembre 2019

Un team di Verizon aggiorna una torre cellulare per gestire la rete 5G a Orem, nello Utah, a dicembre 2019.

Le autorità statunitensi hanno chiesto agli operatori di telecomunicazioni AT&T e Verizon di ritardare fino a due settimane il lancio già posticipato delle reti 5G a causa dell’incertezza sull’interferenza con le apparecchiature vitali per la sicurezza del volo.

Le due società hanno detto sabato che stanno esaminando la richiesta.

Il lancio negli Stati Uniti della tecnologia a banda larga mobile ad alta velocità era stato fissato per il 5 dicembre, ma è stato posticipato al 5 gennaio dopo che i giganti aerospaziali Airbus e Boeing hanno sollevato preoccupazioni per potenziali interferenze con i dispositivi utilizzati dagli aerei per misurare l’altitudine.

Il segretario ai trasporti degli Stati Uniti Pete Buttigieg e il capo della Federal Aviation Administration, Steve Dickson, hanno chiesto l’ultimo ritardo in una lettera inviata venerdì ad AT&T e Verizon, due dei maggiori operatori di telecomunicazioni del paese.

La lettera degli Stati Uniti chiedeva alle società di “continuare a mettere in pausa l’introduzione del servizio commerciale in banda C” — la gamma di frequenze utilizzata per il 5G — “per un breve periodo aggiuntivo di non più di due settimane oltre la data di implementazione attualmente prevista del 5 gennaio”.

Interpellato dall’AFP per un commento, il portavoce di Verizon Rich Young ha risposto: “Abbiamo ricevuto la lettera del governo dopo le 18:00 di Capodanno. La stiamo esaminando”.

AT&T ha anche affermato che stava esaminando la richiesta del governo.

Nella lettera, i funzionari statunitensi assicurano alle compagnie che il servizio 5G potrà iniziare “come previsto a gennaio con alcune eccezioni relative agli aeroporti prioritari”.

I funzionari affermano che la loro priorità è stata “proteggere la sicurezza del volo, garantendo al contempo che lo spiegamento del 5G e le operazioni di aviazione possano coesistere”.

Lo scorso febbraio, Verizon e AT&T sono stati autorizzati a iniziare a utilizzare le bande di frequenza 3,7-3,8 GHz a partire dal 5 dicembre, dopo aver ottenuto licenze per decine di miliardi di dollari.

Ma quando Airbus e Boeing hanno sollevato le loro preoccupazioni sulla possibile interferenza con i radioaltimetri degli aerei, che possono operare alle stesse frequenze, la data di lancio è stata posticipata a gennaio.

La FAA ha richiesto ulteriori informazioni sugli strumenti e ha emesso direttive che limitano l’uso di altimetri in determinate situazioni, che hanno suscitato timori delle compagnie aeree per i potenziali costi.

Quando Verizon e AT&T hanno scritto alle autorità federali a novembre per confermare la loro intenzione di iniziare a distribuire il 5G a gennaio, hanno affermato che avrebbero preso ulteriori precauzioni oltre a quelle richieste dalla legge statunitense fino a luglio 2022, mentre la FAA completa le sue indagini.

Il conflitto tra le reti 5G e le apparecchiature aeronautiche ha portato le autorità francesi a raccomandare di spegnere i telefoni cellulari con 5G sugli aerei a febbraio.

L’autorità dell’aviazione civile francese ha affermato che l’interferenza di un segnale su una frequenza vicina al radioaltimetro potrebbe causare errori “critici” durante l’atterraggio.


© 2022 AFP

Articolo precedenteLa Cina dice segnali “positivi” mentre i casi di Xi’an si attenuano
Articolo successivoNuovi cordoli COVID in Inghilterra “ultima spiaggia”: ministro