Home Notizie recenti Gli adolescenti del Sud Africa costruiscono un treno solare mentre le interruzioni...

Gli adolescenti del Sud Africa costruiscono un treno solare mentre le interruzioni di corrente perseguitano i pendolari

36
0
Pannelli fotovoltaici montati sul tetto, il treno biancoazzurro si muove su una pista di prova lunga 18 metri nella township di Soshanguve

Pannelli fotovoltaici montati sul tetto, il treno blu e bianco si muove su una pista di prova lunga 18 metri nella township di Soshanguve.

Per anni, gli studenti di una township sudafricana hanno visto i loro genitori lottare per usare i treni per i pendolari quotidiani, le ferrovie spesso zoppicano a causa di interruzioni di corrente e furti di cavi.

Per rispondere alla crisi, un gruppo di 20 adolescenti ha inventato il primo treno sudafricano completamente a energia solare.

Pannelli fotovoltaici montati sul tetto, il treno di prova angolare blu e bianco si muove su una pista di prova lunga 18 metri (60 piedi) nella cittadina di Soshanguve a nord della capitale Pretoria.

I treni sono il mezzo di trasporto più economico in Sud Africa, utilizzato principalmente dai poveri e dalla classe operaia.

“I nostri genitori… non usano più i treni (a causa) del furto di cavi… e della riduzione del carico”, ha detto Ronnie Masindi, 18 anni, riferendosi ai continui blackout causati da guasti in vecchie centrali a carbone mal mantenute.

La compagnia elettrica statale Eskom ha iniziato a imporre il razionamento dell’energia elettrica e spenta 15 anni fa per prevenire un blackout nazionale totale.

Le interruzioni di corrente, note localmente come eliminazione del carico, sono peggiorate nel corso degli anni interrompendo il commercio e l’industria, compresi i servizi ferroviari.

L’operatore di infrastrutture Transnet ha lottato per mantenere il traffico ferroviario senza intoppi da quando le sfide economiche della pandemia hanno alimentato un’ondata di furti di cavi.

Sarà utilizzato per ulteriori ricerche e alla fine presentato come un modello che il governo potrebbe adottare

Sarà utilizzato per ulteriori ricerche e alla fine presentato come un modello che il governo potrebbe adottare.

Entro il 2020, l’uso della ferrovia tra gli utenti dei trasporti pubblici è diminuito di quasi due terzi rispetto al 2013, secondo il National Households Travel Survey, con molti pendolari che si sono rivolti a taxi minibus più costosi.

Masindi ha affermato di aver deciso di “creare e costruire un treno a energia solare che utilizzi l’energia solare per spostarsi invece dell’elettricità (rete)”.

Il viaggio non è stato privo di sfide.

La mancanza di fondi ha ritardato la produzione del prototipo di locomotiva e in seguito il governo è intervenuto.

“Non era una linea retta”, ha detto un altro studente, Lethabo Nkadimeng, 17 anni. “Era come fare un’escursione sulla vetta più alta della montagna”.

Il treno, che può viaggiare a 30 chilometri (20 miglia) all’ora, è stato presentato a un recente evento sull’innovazione delle università.

Per ora, il prototipo può funzionare per 10 viaggi di andata e ritorno sulla pista installata nel parco di una scuola.

Per ora, il prototipo effettua solo 10 viaggi di andata e ritorno di 500 metri su un binario installato nel terreno di una scuola

Per ora, il prototipo funziona solo per 10 viaggi di andata e ritorno di 500 metri su un binario installato nel terreno di una scuola.

Sarà utilizzato per ulteriori ricerche e alla fine presentato come un modello che il governo potrebbe adottare.

Dotato di seggiolini per auto e TV a schermo piatto per intrattenere i passeggeri, gli studenti hanno impiegato due anni per costruire.

“Quello che abbiamo capito è che se diamo agli studenti delle township spazio, risorse e un po’ di tutoraggio, possono fare tutto ciò che qualsiasi studente può fare in tutto il mondo”, ha affermato Kgomotso Maimane, l’insegnante supervisore del progetto.


© 2022 AFP

Articolo precedenteÈ in corso un enorme aumento della produzione solare e l’Australia potrebbe mostrare al mondo come usarlo
Articolo successivoRicaricare le auto a casa di notte non è la strada da percorrere, rileva lo studio