È entrato in vigore il divieto di vendere la maggior parte dei prodotti in avorio a Hong Kong

È entrato in vigore il divieto di vendere la maggior parte dei prodotti in avorio a Hong Kong.

Venerdì è entrato in vigore il divieto di vendere la maggior parte dei prodotti in avorio a Hong Kong, il culmine di un processo triennale per eliminare il commercio un tempo dilagante in città.

I legislatori di Hong Kong nel 2018 hanno appoggiato un disegno di legge che optava per una graduale eliminazione del commercio, una mossa che alcuni ambientalisti all’epoca criticavano come una scappatoia che poteva essere sfruttata.

La città è stata accusata di svolgere un ruolo sovradimensionato nel settore, con un rapporto del 2019 di un gruppo di conservazione locale che afferma che ha rappresentato circa un quinto di tutti i sequestri globali di avorio nell’ultimo decennio.

Alla vigilia del divieto, sono state avvistate piccole file di acquirenti fuori da alcuni negozi che vendono il prodotto nel quartiere Sheung Wan della città, secondo i resoconti dei media locali.

Le nuove regole di venerdì vietano “l’importazione, la riesportazione e il possesso commerciale di avorio di elefante”, ma fanno un’eccezione per i pezzi antichi risalenti a prima del 1925.

I trasgressori potrebbero affrontare una multa massima di 10 milioni di dollari di Hong Kong (1,3 milioni di dollari) e 10 anni di reclusione.

Con il suo porto affollato e altri collegamenti di trasporto, Hong Kong ha prosperato come un importante punto di transito per il commercio illegale di parti di animali in via di estinzione come elefanti, rinoceronti e pangolini, la maggior parte diretti ai consumatori della Cina continentale.

Le autorità di Hong Kong nel 2017 hanno effettuato il loro più grande fallimento in avorio in tre decenni, con il trasporto di 7,2 tonnellate di zanne per un valore di circa $ 9 milioni.

Le autorità hanno sequestrato altre 2,1 tonnellate nel 2019, dopo l’inizio del processo di eliminazione graduale.

L’avorio africano era uno status symbol ricercato in Cina e veniva utilizzato per recuperare fino a $ 1.100 al chilogrammo ($ 500 a libbra).

Il divieto della Cina sul commercio di avorio è in vigore dal 2018.

Un portavoce del dipartimento per l’agricoltura, la pesca e la conservazione di Hong Kong ha affermato che il governo è “impegnato nella protezione delle specie in via di estinzione, compresi gli elefanti”.

Ad agosto, Hong Kong ha approvato una legge che classificava il traffico di specie selvatiche come una questione di criminalità organizzata.


© 2021 AFP

Articolo precedenteNuove infezioni da virus guidate da omicron salgono in Australia
Articolo successivoI pazienti con HIV “curati” dalla loro biologia unica possono nascondere segreti per porre fine al flagello globale