satellitare

Credito: Pixabay / CC0 Dominio pubblico

Un razzo russo Soyuz lunedì ha portato in orbita altri 36 satelliti dell’operatore britannico OneWeb, portando la società a oltre metà strada verso il suo obiettivo di fornire Internet a banda larga globale.

La società con sede a Londra sta lavorando per completare la costruzione di una costellazione di satelliti in orbita terrestre bassa che forniscano banda larga potenziata e altri servizi ai paesi di tutto il pianeta.

La società britannica prevede di rendere operativo il suo servizio Internet commerciale globale entro il prossimo anno, supportato da circa 650 satelliti. Con l’ultima missione, ora ha un totale di 394 satelliti in orbita per la costellazione.

Il razzo russo, gestito dall’Europa Arianespace, è decollato alle 13:10 GMT dal cosmodromo di Baikonur in affitto a Mosca nell’ex Kazakistan sovietico.

“DECOLLO!” L’agenzia spaziale russa Roscosmos ha twittato dopo il lancio.

OneWeb è in competizione nella corsa per fornire Internet veloce per le aree remote del mondo tramite i satelliti insieme al miliardario della tecnologia Elon Musk e al collega miliardario Jeff Bezos di Amazon.

Arianespace, che ha lavorato con la Russia per quasi due decenni, ha un contratto per effettuare 16 lanci di Soyuz tra dicembre 2020 e la fine del 2022.


© 2021 AFP

Articolo precedenteÈ probabile che il Primo Ministro Modi visiti gli Emirati Arabi Uniti entro la prima metà del prossimo mese
Articolo successivoIl gigante tecnologico cinese Baidu testa le acque del metaverso con una nuova app