Vaporizzatori aromatizzati ancora nei negozi nonostante il divieto federale

(HealthDay)—Le sigarette elettroniche aromatizzate ai bambini sono ancora ampiamente disponibili online e nei negozi, nonostante la sentenza di un giudice federale che avrebbe dovuto ritirare i prodotti dagli scaffali dei negozi all’inizio di settembre, secondo un nuovo rapporto.

La sentenza del giudice segue l’azione della Food and Drug Administration statunitense che ha quasi due anni.

Citando i rischi per i bambini vulnerabili, la FDA ha annunciato per la prima volta nel gennaio 2020 che “le aziende che non cessano la produzione, la distribuzione e la vendita di sigarette elettroniche aromatizzate non autorizzate a base di cartucce [other than tobacco or menthol] entro 30 giorni rischiano azioni esecutive della FDA.”

Quello era allora, questo è adesso, dicono i critici.

Oggi, più di 100 prodotti da svapo aromatizzati con sapori allettanti come Gummy Bear, Funnel Cake, Fruit Punch, Berry Crunch Cereal e Blueberry Lemonade sono ancora venduti attraverso i cinque principali rivenditori di sigarette elettroniche online, secondo il rapporto Campaign for Tobacco-Free Kids.

I vaporizzatori aromatizzati erano anche ampiamente disponibili nei negozi di alimentari e nelle stazioni di servizio situate in otto città del paese, aggiunge il rapporto.

“Le sigarette elettroniche aromatizzate, proprio del tipo utilizzato dai giovani, sono ampiamente disponibili sia su Internet che nei punti vendita”, ha affermato Matthew Myers, presidente della Campagna per i bambini senza tabacco.

“I sapori li attraggono. La nicotina li rende dipendenti”, ha continuato Myers. “Senza i sapori, molti meno bambini sarebbero attratti da questi prodotti: l’85% dei bambini che usano una sigaretta elettronica ne usa una aromatizzata”.

Un tribunale federale aveva fissato una scadenza del 9 settembre per i produttori di sigarette elettroniche per ottenere l’approvazione della Food and Drug Administration per i loro prodotti o per farli ritirare dal mercato.

I prodotti di sigarette elettroniche non autorizzati rimangono sul mercato mesi dopo tale scadenza, anche se sono soggetti all’azione di applicazione della FDA, secondo il rapporto.

Le valutazioni in negozio condotte in otto città hanno rilevato che:

  • Juul è stato venduto in tutte le città e marchi come Vuse, NJOY e blu erano disponibili nella maggior parte.
  • Gli e-liquid aromatizzati sono stati trovati nella maggior parte delle città, in gusti come Green Apple, Cola, Peachy Rings, Tropical Fruit, Strawberry Macaron e Island Orange.
  • Le sigarette elettroniche usa e getta erano disponibili in ogni città in gusti come il frullato di ananas al cocco, il gelato alla fragola, l’orso gommoso, la granita di mango e la limonata Blue Razz.

Le città incluse nell’indagine erano Denver; Detroit; Los Angeles; Portland, Maine; Portland, Oregon; Seattle; Tempe, Arizona; e Washington, DC.

Il rapporto aiuta a spiegare perché le vendite di sigarette elettroniche continuano a salire alle stelle negli Stati Uniti, ha affermato Myers.

Le vendite di sigarette elettroniche usa e getta sono aumentate di quasi il 250% tra febbraio 2020 e settembre 2021, passando da 2,8 milioni di unità a 9,6 milioni di unità, secondo il recente monitoraggio delle vendite riportato dalla Fondazione CDC.

Quattro su cinque sigarette elettroniche usa e getta vendute sono disponibili in aromi diversi da tabacco, menta e mentolo, ha osservato la Fondazione CDC.

Le vendite totali di sigarette elettroniche sono aumentate di oltre il 60% nello stesso periodo di tempo (da circa 15 milioni a 24 milioni di unità), riporta la Fondazione CDC. Ciò include le vendite di sigarette elettroniche non aromatizzate al tabacco in aumento dell’86%.

Circa 1 studente su 5 delle scuole superiori ha utilizzato una sigaretta elettronica nell’ultimo mese, secondo i dati del sondaggio federale citati da Myers.

La FDA deve ancora agire

“Sono cinque volte il numero di bambini che usano le sigarette elettroniche rispetto a quelli che usano le sigarette”, ha osservato Myers.

La FDA afferma di aver agito su oltre il 98% delle domande di sigaretta elettronica che ha ricevuto e ha emesso ordini di rifiuto per oltre 1 milione di prodotti di svapo aromatizzati, osserva il rapporto.

Tuttavia, l’agenzia ha esitato a rivedere le domande dei produttori di sigarette elettroniche con le maggiori quote di mercato, come Juul, Vuse Alto, NJOY, blu, Smok e Suorin, osserva il rapporto.

Fino a quando non verranno prese decisioni su tali applicazioni, la FDA ha indicato che i prodotti possono ancora essere venduti. I tentativi di contattare l’agenzia per un commento non hanno avuto successo.

“È chiaro che la FDA ha davvero bisogno di agire rapidamente e risolvere le restanti domande che deve andare”, ha affermato Erika Sward, vicepresidente assistente della difesa nazionale per l’American Lung Association. “Hanno affermato di passare attraverso milioni di applicazioni, ma quando si lasciano i prodotti con la quota di mercato più alta sul mercato, è davvero solo una goccia nel mare”.

Sward e Myers sospettano che la FDA sia cauta e meticolosa nell’esaminare le domande dei principali produttori in modo che le sue decisioni finali reggano in tribunale.

L’agenzia deve già affrontare più di 45 azioni legali da parte di società i cui prodotti sono stati negati, ha affermato Myers.

“Queste applicazioni sono forse più complete e più sostanziali di molti dei prodotti delle aziende più piccole”, ha affermato Sward dei principali marchi di sigarette elettroniche. “Presumo anche che la FDA stia cercando di ottenere tutte le I punteggiate e le T incrociate, perché mentre alcuni dei produttori più piccoli stanno facendo causa alla FDA per smentite di marketing, stanno cercando di evitare le grandi cause legali delle grandi aziende”.

La FDA è anche alle prese con un’importante scappatoia che alcune aziende utilizzano per continuare a vendere prodotti aromatizzati.

Puff Bar e altri produttori hanno iniziato a vendere sigarette elettroniche contenenti nicotina sintetica. Le aziende affermano che questa “nicotina senza tabacco” non rientra nella giurisdizione del Centro per il controllo del tabacco della FDA.

La FDA ha emesso una lettera di avvertimento contro Puff Bar nel luglio 2020, ordinando alla società di rimuovere dal mercato le sue sigarette elettroniche usa e getta aromatizzate perché non avevano l’autorizzazione richiesta.

In risposta, Puff Bar ha rilanciato lo scorso febbraio con una nuova formula sintetica alla nicotina che, secondo loro, non rientra nelle attuali regole della FDA per i prodotti da svapo.

Nicotina sintetica un nuovo trucco

L’agenzia ha affermato in una FAQ online che è possibile che la nicotina sintetica “non sia regolamentata dalla FDA come prodotto del tabacco”, aggiungendo che deciderà caso per caso.

Tuttavia, Sward e Myers ritengono che la FDA abbia ancora potere di approvazione su questi prodotti. Anche se non deriva dal tabacco, la nicotina sintetica rimane una nuova droga che dovrebbe essere regolamentata, sostengono.

“È chiaro per noi che anche se il Center for Tobacco Products non ha giurisdizione su questi prodotti, il Center for Drug Evaluation può affermare la giurisdizione su questi prodotti come farmaci non approvati, ma non l’ha”, ha detto Myers.

Il modo in cui le aziende pubblicizzano i loro prodotti di nicotina sintetica sembra giustificare il trattamento della sostanza come un farmaco, ha affermato Linda Richter, Ph.D., vicepresidente della ricerca e analisi sulla prevenzione per la Partnership to End Addiction.

“Molte aziende che vendono questi prodotti sintetici alla nicotina stanno dicendo: ‘Ehi, è più pura della nicotina che deriva dal tabacco, ha questi ottimi ingredienti e non ti danneggerà. La promuovono attraverso benefici per la salute. , che lo pone sotto l’autorità di regolamentazione dei farmaci della FDA”, ha detto Richter.

Ancora meglio sarebbe che il Congresso intervenisse sulla nicotina sintetica, ha detto Myers.

“La migliore soluzione possibile sarebbe che il Congresso chiarisse la definizione di un prodotto del tabacco per includere specificamente questi prodotti”, ha affermato Myers. “Altrimenti, la FDA giocherà a whack-a-mole da ora al regno a venire.”

Nel complesso, la FDA è stata timida di fronte alla continua opposizione dell’industria dello svapo e deve intensificare i suoi sforzi, hanno affermato Myers e Sward.

“Hanno avuto più di tre mesi oltre la scadenza del giudice federale per occuparsi di questi prodotti, ed è molto scoraggiante che non l’abbiano fatto finora”, ha detto Sward.

“La chiara conclusione è che finché i prodotti aromatizzati sono in vendita, i bambini li riceveranno. L’unico modo per proteggere i bambini dai prodotti aromatizzati è renderne illegale la vendita”, ha concluso.

Tuttavia, la FDA potrebbe semplicemente essere superata e sopraffatta, ha affermato Richter.

“Semplicemente non so se ha il personale e i fondi per stare al passo con questo settore estremamente ben finanziato, soprattutto considerando che ci sono molte persone all’interno del governo che non pensano che i regolamenti dovrebbero essere così forti come lo sono “, ha detto Richter.

“Anche con qualcosa come le sigarette che chiaramente non hanno alcun valore redentore, hai ancora lobbisti del tabacco molto ben finanziati che continuano a limitare i regolamenti sulle sigarette a causa del loro interesse economico”, ha aggiunto.

“Poi ti rivolgi a un prodotto come lo svapo che viene presentato come un po’ più salutare, quindi hai molte persone all’interno del Congresso e dei regolatori che dicono, ehi, facciamo attenzione a quanto limitarli perché potrebbe dissuadere le persone dallo smettere di fumare. Questo è il paesaggio più oscuro che permette a molto di questo di andare avanti”, ha concluso Richter.


Copyright © 2021 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedentePerché ci sentiamo così ‘blah’ dopo Natale?
Articolo successivoGli Stati Uniti aboliranno le restrizioni di viaggio per i paesi dell’Africa meridionale