Home Notizie recenti Vaccinati con maggiori probabilità di morire durante l’onda omicron se hanno sparato...

Vaccinati con maggiori probabilità di morire durante l’onda omicron se hanno sparato a J&J: CDC

172
0

Il tasso di mortalità correlato al COVID tra gli americani che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson è stato più del doppio di quello delle persone che hanno ricevuto altri vaccini, secondo nuovi dati dell’ondata di Omicron.

Per la settimana dell’8 gennaio, con l’aumento dei casi della variante altamente contagiosa, il tasso di decessi correlati al COVID tra le persone che hanno avuto il colpo di Johnson & Johnson (J&J) è stato di oltre cinque su 100.000, secondo i dati dei centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Ciò rispetto a circa due decessi su 100.000 tra coloro che hanno ricevuto i vaccini mRNA Pfizer o Moderna, Notizie CBS segnalato.

Ma i tassi di mortalità tra quelli con il vaccino J&J, che non è un vaccino mRNA, erano ancora molto inferiori a quelli tra gli americani non vaccinati. Il loro tasso di mortalità era vicino a 20 per 100.000.

Tra le persone che hanno ricevuto colpi di richiamo, quelle inizialmente vaccinate con il vaccino J&J hanno avuto tassi di mortalità COVID-19 più elevati rispetto a quelli che hanno iniziato con dosi di Pfizer o Moderna, Notizie CBS segnalato.

Vedi anche:  Chi sei e dove vivi influisce sulla tua probabilità di contrarre e sopravvivere al cancro

Ma le infezioni rivoluzionarie tra i destinatari del vaccino J&J erano simili o inferiori rispetto agli altri, secondo i dati CDC rilasciati mentre i funzionari federali considerano un nuovo ciclo di colpi di richiamo.

“I dati del CDC si aggiungono al crescente corpo di prove che indicano che il vaccino Johnson & Johnson COVID-19 fornisce una protezione duratura contro infezioni rivoluzionarie e ospedalizzazione”, ha affermato il portavoce di J&J Jake Sargent in una dichiarazione scritta.

I dati non sono stati adeguati per una serie di fattori che possono influenzare il confronto diretto tra diversi gruppi di persone vaccinate, compreso il tempo trascorso dalla vaccinazione e i problemi di salute sottostanti, Notizie CBS segnalato.

“Il vaccino J&J è diverso in quanto inizialmente le risposte anticorpali sono un po’ inferiori rispetto ai vaccini mRNA. Ma in realtà quelle risposte vengono mantenute molto bene nel tempo, addirittura aumentano un po’”, Dr. Dan Barouch, direttore del Centro per Virology and Vaccine Research presso il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, ha detto Notizie CBS.

Vedi anche:  Il ricovero neonatale lascia i genitori isolati, separati durante la pandemia

Per ora, solo i destinatari immunocompromessi del vaccino J&J possono ricevere un terzo vaccino. Ma questo potrebbe cambiare presto. Sia Moderna che Pfizer-BioNTech stanno cercando di lanciare ulteriori colpi di richiamo che includerebbero i destinatari del vaccino Johnson & Johnson.

La Food and Drug Administration statunitense prevede di discutere ulteriori booster il prossimo mese.

“Data la protezione parallela che abbiamo visto con J&J che è potenziato o gli mRNA che sono potenziati, così come il mix and match, che è stato fatto, in cui è possibile vaccinare con una piattaforma e potenziare con l’altra, abbiamo scoperto è molto interessante notare che funziona abbastanza bene”, ha detto ai giornalisti a gennaio il consigliere medico capo del presidente, il dottor Anthony Fauci.


Copyright © 2021 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteL’economia cinese deve affrontare il peggior rallentamento dalla pandemia di Covid, afferma Nomura
Articolo successivoSi o no? Al via a New York il voto sindacale di Amazon