Home Notizie recenti Una nuova ricerca si avvicina alla nuova terapia per il cancro del...

Una nuova ricerca si avvicina alla nuova terapia per il cancro del pancreas

84
0

Farmaceutico (2022). DOI: 10.3390/farmaceutica14040713″ width=”800″ height=”472″>

Credito: Farmaceutico (2022). DOI: 10.3390/farmaceutica14040713

La ricerca dell’Oregon State University ha scoperto una potenziale nuova terapia per il cancro del pancreas, il cui tasso di sopravvivenza è tra i più bassi di tutti i tumori maligni.

A circa una persona su 64 verrà diagnosticato un cancro al pancreas, secondo l’American Cancer Society. Il pancreas è un organo addominale che regola la glicemia e aiuta anche la digestione.

L’adenocarcinoma duttale pancreatico, solitamente abbreviato in PDAC, è responsabile di oltre il 90% dei casi di cancro al pancreas, ha affermato Adam Alani dell’OSU College of Pharmacy, che ha condotto lo studio preclinico. Solo l’11% dei pazienti con PDAC vive per almeno cinque anni dopo la diagnosi, ha affermato.

“Raramente il PDAC viene diagnosticato abbastanza presto perché la resezione chirurgica sia un’opzione realistica”, ha detto Alani. “Non ci sono marcatori per la diagnosi precoce. Le caratteristiche molecolari e cellulari dei tumori sono aggressive e hanno livelli multipli di resistenza terapeutica. Abbiamo bisogno di nuovi trattamenti e siamo molto entusiasti della promessa mostrata dai nostri risultati”.

I tumori PDAC presentano una miriade di sfide al trattamento. Come altri tumori solidi, presentano regioni di ipossia, dove la concentrazione di ossigeno nel tessuto è bassa; le cellule tumorali ipossiche crescono lentamente, rendendole meno suscettibili ai farmaci prescritti per ucciderle o danneggiarle.

“L’approccio che abbiamo adottato in questo lavoro è sfruttare la fisiologia del PDAC essendo un tumore altamente ipossico”, ha detto Alani. “Abbiamo utilizzato un farmaco attivato dall’ipossia come strategia di targeting; un tale approccio può comportare un migliore profilo di sicurezza ed efficacia per i pazienti con PDAC. I nostri risultati sono una solida base per l’applicazione clinica della strategia”.

Alani e collaboratori dell’Oregon State e dell’Oregon Health & Science University, inclusi gli esperti globali di cancro al pancreas Brett Sheppard e Rosalie Sears, hanno utilizzato cartucce microfluidiche per costruire un nanocarrier a base di lipidi in cui potrebbe essere caricato un “profarmaco” PDAC.

Un profarmaco è un composto farmacologicamente inattivo che il corpo metabolizza in un farmaco attivo. In questa ricerca il liposoma, come sono note le piattaforme di somministrazione di farmaci a base di lipidi, è stato caricato con il profarmaco vinblastina-N-ossido, sviluppato da Cascade Prodrug Inc. di Eugene, Oregon.

Cancro del pancreas

Cellule di cancro al pancreas (blu) che crescono come una sfera racchiusa in membrane (rosso). Credito: National Cancer Institute

Quando attivata dall’ipossia, la vinblastina-N-ossido, spesso indicata come CPD100, si converte nel farmaco vinblastina, un inibitore dei microtubuli usato per uccidere le cellule tumorali.

Di per sé, CPD100 ha un’efficacia non ottimale a causa della velocità con cui il corpo lo elimina dal sistema: ha un’emivita inferiore a 30 minuti. Caricarlo in un liposoma, tuttavia, può aumentare la sua emivita di oltre un fattore 10.

In questo studio, gli scienziati hanno scoperto che il CPD100 liposomiale ha superato il CPD100 normale nelle colture di cellule tumorali.

I ricercatori hanno anche effettuato test su un modello animale in cui i topi con cancro al pancreas sono stati divisi in sei gruppi di trattamento, con topi che hanno ricevuto CPD100 regolare; liposomiale CPD100; vinblastina; gemcitabina, o GEM, un farmaco standard di cura per i pazienti con PDAC; liposomiale CPD100 più GEM; o nessun trattamento.

Il tumore nei topi trattati con CPD100 liposomiale e CPD100 liposomiale più GEM ha mostrato una diminuzione statisticamente significativa del peso rispetto ai topi non trattati, agli animali solo GEM e ai topi vinblastina.

“Abbiamo anche dimostrato che il nostro approccio può rimodellare lo stroma del pancreas, che è stato correlato alla prognosi e alla progressione del PDAC”, ha affermato Alani.

Lo stroma è tessuto connettivo appena sotto la superficie di un organo e aiuta a tenere insieme le altre parti dell’organo. È costituito da cellule, molte delle quali di un tipo noto come fibroblasti, che conferiscono al tessuto la sua forza e forma. Lo stroma comprende anche i vasi sanguigni che trasportano i nutrienti e i canali linfatici che rimuovono i rifiuti e i liquidi in eccesso.

L’aspetto microscopico di Stroma cambia in risposta a lesioni o cancro, assumendo un aspetto che i patologi chiamano desmoplasia. Lo stroma associato al PDAC ha molteplici caratteristiche che lo rendono un microambiente in cui le cellule tumorali del pancreas possono prosperare e da cui possono facilmente metastatizzare; il rimodellamento dello stroma ha il potenziale per rendere la vita più difficile a quelle cellule tumorali.

I risultati sono stati pubblicati in Farmaceutico. I ricercatori dell’OSU College of Pharmacy Vidhi Shah, Adel Al-Fatease, Yeonhee Woo e Yuliya Bortnyak hanno contribuito allo studio.


Articolo precedenteI titani della tecnologia statunitense cercano di abbandonare le password
Articolo successivoLa Banca d’Inghilterra aumenta i tassi al massimo da 13 anni, avverte dell’aumento del rischio di recessione