Home Notizie recenti Un cerotto a film sottile caricato elettricamente utilizzato per promuovere la guarigione...

Un cerotto a film sottile caricato elettricamente utilizzato per promuovere la guarigione delle ferite

248
0
Un cerotto a film sottile caricato elettricamente utilizzato per promuovere la guarigione delle ferite

FIGURA. 1. Principio di funzionamento e caratterizzazione dell’EMSD.(A) Schemi dell’EMSD-L e dell’EMSD-C complessivi (in alto). Illustrazione esplosa dei componenti del dispositivo, dei materiali essenziali e delle strutture multistrato (in basso). (B) Principio di funzionamento del trattamento delle ferite mediante EMSD programmabili e attivati ​​dalla temperatura cutanea. (C) Immagini ottiche dello stato iniziale (a sinistra), stato contorto (al centro) e configurazione sperimentale per il trattamento delle ferite (a destra) degli EMSD. (D) Immagini al microscopio tridimensionale con vista dall’alto e laterale delle strutture multistrato. (E) Profilo di altezza lungo la linea rosa in (D) che mostra l’altezza dei componenti multistrato. (F) Immagini a fluorescenza di fibroblasti colorati coltivati ​​su un piatto di coltura cellulare regolare e l’Ecoflex. (G) Confronto della vitalità cellulare normalizzata per 3 giorni che mostra un’eccellente biocompatibilità del dispositivo confezionato. Tutti i dati in (G) sono presentati come medie ± SD. Credito: DOI: 10.1126/sciadv.abl8379

Un team di ricercatori che lavora presso l’Università di scienza e tecnologia elettronica cinese ha sviluppato un cerotto a film sottile caricato elettricamente per promuovere una guarigione più rapida delle ferite. Nel loro articolo pubblicato sulla rivista La scienza avanza, il gruppo descrive la propria patch, come funziona e come si è comportata bene quando è stata testata sui ratti.

Gli esseri umani sono alla ricerca di modi per promuovere una guarigione più rapida delle ferite da migliaia di anni al fine di ridurre sia il periodo di tempo in cui un paziente sperimenta dolore sia le possibilità di infezione. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno creato un cerotto a film sottile caricato elettricamente che aiuta le ferite a guarire più velocemente.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’applicazione di elettricità alle ferite induce una guarigione più rapida. Sfortunatamente, questo approccio è stato limitato da macchinari ingombranti e complicati. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno creato una piccola toppa flessibile che sfrutta i poteri curativi dell’elettricità senza la necessità di tali apparecchiature.

Il cerotto è a quattro strati: gli strati superiore e inferiore sono costituiti da un tipo di plastica caricata elettricamente e si caricano attraverso il contatto con la pelle. Uno degli strati intermedi è costituito da un gel di gomma siliconica che aiuta il cerotto a conformarsi ai contorni della pelle. L’altro strato intermedio è costituito da un materiale in lega a memoria di forma; il suo scopo è quello di avvicinare i lati della ferita. Il cerotto a film sottile risultante ha uno spessore di soli 0,2 millimetri.

I ricercatori hanno applicato il cerotto a due tipi di ferite sui topi di prova: dritte e circolari. Hanno confrontato i tassi di guarigione con altri tipi di medicazioni e con ferite non medicate. Hanno scoperto che le ferite circolari trattate con il cerotto sono guarite per il 96,8% dopo otto giorni, rispetto al 76,4-79,9% per altre medicazioni. Quelli che non sono stati curati sono guariti solo nel 45,9%. Hanno trovato risultati simili nella guarigione delle ferite in linea retta, sebbene tutte guarissero più velocemente delle ferite circolari: tali ferite richiedono uno sviluppo della pelle molto meno nuovo per guarire.

I ricercatori suggeriscono che il loro cerotto è un’opzione praticabile per il trattamento delle ferite e prevedono di continuare a migliorarne le caratteristiche, come consentire ferite di forma diversa.


© 2022 Scienza X Rete

Articolo precedenteControllo remoto di oggetti fluttuanti: risoluzione di un complesso problema di fluidodinamica con l’IA
Articolo successivoOmicron rende i colpi di richiamo più critici per gli anziani vulnerabili dal punto di vista medico