Home Notizie recenti Tutto ciò che pensiamo di sapere sull’Alzheimer è sbagliato?

Tutto ciò che pensiamo di sapere sull’Alzheimer è sbagliato?

5
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Se hai seguito le notizie sulla ricerca sull’Alzheimer negli ultimi mesi, potresti trovarti a chiederti cos’altro potrebbe andare storto.

In primo luogo, un nuovo farmaco tanto atteso chiamato Aduhelm ha ottenuto l’approvazione dalla Food & Drug Administration, ma il suo effetto effettivo sui pazienti è stato così piccolo che l’assicurazione non lo coprirà per la maggior parte dei pazienti.

Quindi, molti altri farmaci promettenti in fase di sviluppo da parte di aziende farmaceutiche sono stati messi da parte o hanno mostrato risultati tutt’altro che impressionanti negli studi clinici.

E poi è scoppiato uno scandalo: sono venute alla luce nuove prove Scienza che i ricercatori avevano falsificato le immagini in un articolo pubblicato 16 anni fa, un documento su cui altri ricercatori si erano fidati e su cui facevano affidamento mentre svolgevano il proprio lavoro.

E cosa hanno a che fare tutti questi sviluppi l’uno con l’altro?

Sono tutti legati alla molecola beta-amiloide, la melma che forma placca che imbratta l’esterno delle cellule cerebrali. La molecola su cui decenni di ricerca si sono concentrati come fattore importante nella malattia e potenziali trattamenti per invertirla.

Ma in effetti, gli scienziati del Michigan Alzheimer’s Disease Center e altrove hanno passato anni a guardare oltre l’amiloide per trovare risposte alle radici della demenza e modi per prevenirla o curarla.

“È vero che l’amiloide ha un ruolo nel cervello e nella demenza, ma il morbo di Alzheimer è complicato e c’è molto di più di una molecola”, afferma Henry Paulson, MD, Ph.D., che dirige il centro e ha dedicato la propria la ricerca di laboratorio presso la Michigan Medicine e la sua assistenza clinica alla demenza e ad altre malattie neurodegenerative per decenni.

La carta al centro dello scandalo ha a che fare con una forma specifica di amiloide, AB*56, che è stata presentata come un importante “oligomero tossico” che incoraggia la formazione di placche.

Ma Paulson dice che lui e molti dei suoi colleghi non ci hanno prestato molta attenzione per molti anni, perché i ricercatori non sono riusciti a ottenere gli stessi risultati che i ricercatori originali sostenevano.

“Sono più preoccupato per ciò che questa notizia potrebbe fare alla percezione della scienza da parte del pubblico che alla nostra capacità di fare progressi contro questa malattia”, dice. Il lungo ritardo nello scoprire il presunto falso non è l’ideale e mostra l’importanza che gli scienziati parlino e pubblichino i risultati anche quando i loro esperimenti non riescono a dimostrare l’affermazione di un’altra squadra”.

Questo tipo di pubblicazione di “risultati negativi” – articoli che non danno buone notizie su un’idea potenzialmente promettente – non è sempre incoraggiato, perché gli scienziati hanno più motivi per lasciare quei risultati sullo scaffale e dedicare tempo a scrivere articoli su cose che fanno opera.

Ma se nessuno sa che uno sforzo per riprodurre una scoperta scientifica è fallito, allora altri scienziati potrebbero girare le ruote percorrendo un vicolo cieco.

Paulson osserva che è ancora importante studiare la proteina che viene tagliata o scissa per creare diverse forme di beta-amiloide e le conseguenze di tale processo.

Ma non è necessariamente sorpreso dal fallimento di Aduhelm, il tanto discusso farmaco che ha ottenuto l’approvazione l’anno scorso, nel produrre un effetto considerevole anche nei pazienti in cui è stato testato.

Il farmaco non è disponibile presso le cliniche o gli ospedali della Michigan Medicine e Medicare coprirà solo il suo alto costo per le persone che partecipano a studi clinici. Altri farmaci in cantiere presso le aziende farmaceutiche che si concentrano sull’amiloide-beta dovrebbero essere esaminati attentamente prima di ottenere qualsiasi approvazione, aggiunge.

“Riteniamo che sia necessario prestare molta più attenzione ad altri fattori e proteine ​​alla base di varie demenze, che vanno dai fattori ambientali, al sistema immunitario, a molecole specifiche come la tau, che è l’altra proteina caratteristica dell’Alzheimer”, spiega. “Secondo me, la storia di Aduhelm sottolinea l’importanza di continuare a cercare altri bersagli terapeutici nell’Alzheimer e nella demenza correlata”.

Prendere di mira l’amiloide per i trattamenti può essere come cercare di sellare un cavallo che ha già lasciato la stalla, dice: sono successe troppe cose nel processo della malattia quando le placche iniziano a formarsi perché un trattamento faccia la differenza.

Lavorare a monte del processo e fare di più con gli strumenti moderni per comprendere il processo studiando le persone nelle prime fasi della perdita di memoria, potrebbe rivelarsi più importante.

Ecco perché il Michigan Alzheimer’s Disease Center è sempre alla ricerca di persone che prendano parte a studi che coinvolgono qualsiasi cosa, dalle scansioni cerebrali ai sondaggi. Chiunque voglia mettersi in gioco può avviare il processo facendo una prima richiesta.

L’Alzheimer e altre forme di demenza sono malattie complicate e probabilmente derivano da molteplici cose che vanno male nel cervello nel tempo, non da una molecola canaglia, spiega Paulson. Quindi potrebbe finire per dover trattare i pazienti con più trattamenti contemporaneamente, mirando a diversi aspetti della loro malattia, proprio come ricevono oggi i pazienti affetti da cancro o sieropositivi.

Ma nel frattempo, la ricerca ha già mostrato un altro importante effetto a monte di cui molte persone potrebbero non rendersi conto, afferma Paulson.

Ci sono molte prove che gli adulti di mezza età e gli anziani che vogliono ridurre il rischio di demenza, o rallentarne l’insorgenza, dovrebbero concentrarsi su abitudini sane come il sonno, l’alimentazione, l’esercizio fisico, l’impegno sociale e il controllo della pressione sanguigna e del colesterolo. Anche il ruolo dell’istruzione e dell’apprendimento permanente, sia esso informale o formale, è chiaro

“Se hai 70 anni, non posso dirti di tornare indietro nel tempo e mangiare in modo più sano o fare più anni di scuola, ma posso dirti di fare di più per dormire bene la notte il più spesso possibile, e connettersi socialmente con altre persone”, afferma Paulson, professore di neurologia.

Per i milioni di famiglie che oggi affrontano la demenza di una persona cara, la speranza di nuove cure può sembrare una debole luce all’orizzonte che sta svanendo man mano che la persona amata si aggrava ulteriormente nella malattia.

Ecco perché è anche importante concentrarsi sul supporto degli operatori sanitari e sulla comprensione dei loro bisogni attraverso la ricerca che potrebbe avere un impatto sulle politiche pubbliche e sulla copertura assicurativa, un altro obiettivo dei programmi e della ricerca del centro.

La ricerca richiede tempo, di cui i pazienti di oggi potrebbero non avere molto. Ma con l’aiuto di pazienti e famiglie disposti a fare volontariato per studi di ricerca, compresi i test di nuovi farmaci, può muoversi il più rapidamente possibile, con misure di sicurezza in atto per assicurarsi che avvenga in modo sicuro e onesto.


Articolo precedenteAccoppiando l’imaging, l’IA può migliorare lo screening e la diagnosi del cancro del colon
Articolo successivoQuando gli impianti di assistenza cardiaca potrebbero salvare una vita, i pazienti neri o di sesso femminile non li ottengono così spesso