Home Notizie recenti Sei in viaggio o stai pensando a una notte in città? ...

Sei in viaggio o stai pensando a una notte in città? Il momento migliore per testare il COVID è proprio prima di partire

20
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Un nuovo studio degli epidemiologi della Yale School of Public Health mostra che gli organizzatori di eventi possono quasi dimezzare il rischio che i loro ospiti trasmettano COVID-19 testando le persone alla porta.

La ricerca del team, pubblicata nel Giornale internazionale di salute pubblica, è il primo a utilizzare l’analisi statistica per valutare l’efficacia delle strategie di tempistica dei test nel limitare la diffusione del COVID-19. Idealmente, hanno affermato i ricercatori, le persone dovrebbero essere testate il giorno di un evento per proteggere al meglio gli altri nel loro immediato gruppo sociale o di lavoro. Le politiche che richiedono alle persone di sottoporsi a un test COVID negativo entro 72 ore o più dal loro arrivo in un luogo, che molti paesi applicano per i viaggiatori, difficilmente aiutano, hanno affermato i ricercatori.

Questo perché il coronavirus cresce in modo esponenziale nel corpo umano, ha affermato l’autore senior Jeffrey Townsend, professore di biostatistica di Elihu presso la Yale School of Public Health. Un test rapido dell’antigene (RA), eseguito con sufficiente anticipo, può non riuscire a rilevare deboli tracce del virus prima che si accumuli un carico sufficiente per attivare un test positivo. Dopo poche ore, qualcuno che è risultato negativo, ma che era inconsapevolmente infetto e contagioso, potrebbe rapidamente diffondere il virus ad altri.

“In genere, la malattia ha un periodo molto breve in cui è davvero altamente trasmissibile”, ha detto Townsend. “Torna indietro di un po’ di tempo e spesso non c’è quasi nessun virus in te, rispetto a poco dopo, quando la tua carica virale potrebbe aumentare”.

Townsend e i suoi colleghi hanno utilizzato la modellazione matematica per capire come cambia la trasmissione con test a intervalli di tempo diversi. Senza alcun test, la probabilità che una sola persona infetta da COVID possa trasmettere il virus a uno o più individui dopo l’inizio di un evento è di circa il 40%, secondo lo studio. Questo rischio diminuisce sempre di più man mano che i test vengono eseguiti sempre più vicino all’orario di arrivo, hanno affermato i ricercatori.

Rispetto a nessun test, condurre un test 72 ore prima di un evento riduce solo la quantità di trasmissione da parte di COVID di circa il 4% per cento, ha affermato lo studio. Al contrario, il test immediatamente prima dell’evento può eliminare completamente la trasmissione in un piccolo evento e in eventi di grandi dimensioni in genere ridurrà la quantità di trasmissione di oltre il 40%.

“Non siamo le prime persone a dire che dovresti provare più vicino a un evento”, ha detto Townsend. “Ma questo studio lo inchioda davvero: conta moltissimo, ed ecco la curva che lo mostra”.

Se il test immediatamente prima del social mix non è possibile, il test 12 ore prima può comunque aiutare. I modelli dei ricercatori indicano che i test eseguiti 12 ore prima di un evento possono ridurre la probabilità di trasmissione di COVID di oltre il 25%. Se i test vengono eseguiti con 24 ore di anticipo, il rischio si riduce di meno del 20%, hanno affermato i ricercatori.

Come parte della loro analisi, i ricercatori hanno anche valutato più di una dozzina di diversi test domiciliari per l’antigene rapido (RA) per vedere se il tipo di test utilizzato dalle persone potrebbe essere un fattore nella riduzione del rischio di trasmissione. Hanno scoperto che i test RA sono più efficaci dei cosiddetti test RT-PCR “gold standard” in alcune situazioni (come quando si esegue il test immediatamente prima di un evento) perché forniscono risultati rapidamente.

Quando un test RT-PCR impiega più di 12 ore per produrre risultati, il team di Townsend ha scoperto che un test RA eseguito immediatamente prima dell’arrivo è più efficace nel ridurre la trasmissione, nonostante la minore sensibilità dei test RA. Ciò è dovuto al loro rapido tempo di consegna. Le persone che effettuano un test a casa dell’AR di solito possono sapere se sono positive o negative per un virus entro 20 minuti e possono intraprendere azioni preventive di conseguenza.


Articolo precedenteQuali sono le labbra più attraenti? Più attenzioni non significa più bella
Articolo successivoI ricercatori sviluppano un nuovo metodo di imaging per rilevare le complicanze all’inizio della gravidanza