madre e bambino

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Motherese è una forma di discorso melodico semplificato ed esagerato che i genitori usano per comunicare con neonati e bambini piccoli. Un cavallo diventa cavallo; un cane diventa cagnolino; i genitori diventano mamma e papà. La tendenza a parlare con frasi così brevi e cantilenanti è universale in tutte le culture.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i bambini preferiscono ascoltare il discorso materno, più formalmente noto come discorso diretto al bambino, rispetto al discorso da adulto; che trattiene in modo più efficace la loro attenzione ed è una componente importante del legame emotivo e favorisce le esperienze di apprendimento tra bambino e genitori.

Un segno precoce del disturbo dello spettro autistico (ASD) nei bambini è una risposta ridotta al linguaggio materno e sfide nell’attenzione sostenuta alle informazioni sociali in generale. In un nuovo studio, pubblicato il 3 gennaio 2022 sulla rivista Natura Comportamento Umano, i ricercatori della Scuola di Medicina di San Diego dell’Università della California hanno impiegato una serie di tecniche per individuare le regioni del cervello responsabili della risposta di un bambino alle chiacchiere.

“Questo nuovo studio, che ha combinato l’imaging cerebrale all’avanguardia, il monitoraggio oculare e i test clinici, apre le porte alla medicina di precisione nell’autismo”, ha affermato l’autore senior Eric Courchesne, Ph.D., professore di neuroscienze alla UC Scuola di Medicina di San Diego.

Courchesne ha affermato che l’approccio genera nuove intuizioni su come il cervello si sta sviluppando nei bambini con autismo in relazione a informazioni oggettive sulla preferenza sociale e l’attenzione sociale.

“Per la prima volta, stiamo vedendo quale sia il possibile impatto sul cervello per i bambini con autismo che non prestano attenzione alle informazioni sociali”, ha detto.

I bambini con lo sviluppo tipico preferiscono il maternase ad altre forme di linguaggio adulto e studi precedenti hanno suggerito che il loro cervello può elaborare il maternase in modo diverso dai suoni non verbali. Ma la ricerca è scarsa su come e perché i bambini con ASD non rispondono in modo coerente al discorso materno e quali potrebbero essere le conseguenze a lungo termine quando “si disattivano”.

Courchesne, con i colleghi dell’Autism Center of Excellence presso l’UC San Diego, ha ipotizzato che i neonati e i bambini con ASD sperimentano uno sviluppo compromesso di meccanismi neurali innati che rispondono al motherese. Per indagare, hanno condotto una serie di test che coinvolgono 200 set di dati da 71 bambini e 41 set di dati da 14 adulti:

  • Usando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) di bambini addormentati, hanno misurato l’attività cerebrale rispetto a quella materna e altre forme di discorso sociale affettivo.
  • Hanno condotto valutazioni cliniche dello sviluppo sociale e del linguaggio.
  • E hanno utilizzato la tecnologia di tracciamento oculare per misurare le risposte delle donne che parlano i suoni e le immagini del computer materna rispetto a quelli che non parlano. Ricerche precedenti presso l’UC San Diego e altrove hanno dimostrato che i bambini con ASD mostrano meno interesse per le attività sociali e gli stimoli che normalmente attirerebbero l’attenzione di un bambino piccolo, come guardare altri bambini giocare, cantare o ballare.

I ricercatori hanno scoperto che le differenze individuali nello sviluppo sociale e del linguaggio in età precoce erano correlate alle risposte neurali di un bambino al linguaggio e che i neonati e i bambini con ASD con le risposte neurali più scarse al materno mostravano anche i sintomi sociali più gravi, i risultati linguistici più scarsi e la maggiore disabilità. di preferenza comportamentale e attenzione verso la madre.

Al contrario, neonati e bambini piccoli con sviluppo tipico hanno mostrato le risposte neurali e l’affinità più forti con la madre.

Usando un metodo di medicina computazionale di precisione per integrare i dati chiamato fusione di reti di similarità, hanno correlato i modelli dello sguardo con le risposte neurali e comportamentali, confermando ulteriormente le loro scoperte.

I ricercatori hanno notato che la corteccia temporale superiore, una regione del cervello che elabora i suoni e il linguaggio, ha risposto più debolmente al discorso materno e alle emozioni nei bambini con ASD, che avevano anche le abilità sociali più scarse e la più bassa attenzione per il monitoraggio degli occhi al materno.

L’opposto era vero tra i bambini a sviluppo tipico, che mostravano una forte risposta neurale temporale superiore al discorso materno e alle emozioni. Un piccolo numero di bambini con ASD ha mostrato una forte attivazione cerebrale e interesse per il discorso materno, come determinato dal monitoraggio degli occhi.

“La nostra conclusione è che la mancanza di attenzione comportamentale al linguaggio materno nell’ASD comporta uno sviluppo compromesso dei sistemi neurali corticali temporali innati che normalmente risponderebbero automaticamente al discorso emotivo dei genitori”, ha affermato la coautrice dello studio Karen Pierce, Ph.D., professore di neuroscienze. alla UC San Diego School of Medicine e co-direttore del Centro di eccellenza per l’autismo con Courchesne.

“Il fatto che alcuni bambini con autismo abbiano mostrato una forte attivazione cerebrale e una buona attenzione al linguaggio materno è incoraggiante per due motivi: primo, perché suggerisce che questi particolari bambini con autismo possono avere buoni risultati, un sottogruppo importante e recentemente scoperto E in secondo luogo, suggerisce una nuova strada per il trattamento.

Gli autori hanno affermato che i loro risultati, basati su prove empiriche basate sui dati, possono essere utili per lo sviluppo di ulteriori strumenti diagnostici e biomarcatori per l’identificazione precoce dell’ASD e per chiarire ulteriormente come l’ASD colpisce i bambini in modi ampiamente e drammaticamente diversi.

I coautori includono: Yaqiong Xiao, Teresa H. Wen, Lisa Eyler, Disha Goel e Nathan E. Lewis, tutti alla UC San Diego; Lauren Kupis, Università di Miami; Keith Vaux, rete di medici sanitari dell’UC San Diego; e Michael V. Lombardo, Instituto Italiano di Tecnoligia e Università di Cambridge.


Articolo precedenteL’assunzione materna di colina durante la gravidanza ha un impatto sull’attenzione prolungata dei bambini
Articolo successivoIl metabolismo delle cellule del linfoma può fornire un nuovo bersaglio per il cancro