Home Notizie recenti Piccolo dispositivo dall’impatto titanico: come i neurochirurghi trattano uno degli aneurismi cerebrali...

Piccolo dispositivo dall’impatto titanico: come i neurochirurghi trattano uno degli aneurismi cerebrali più pericolosi

103
0
Piccolo dispositivo dall'impatto titanico: come i neurochirurghi trattano uno degli aneurismi cerebrali più pericolosi

L’impianto permanente Cerus Contour per il trattamento di un aneurisma complesso biforcato a collo largo. Sviluppato da Cerus Endovascular, Ltd. Oxford, Regno Unito

Anche se gli scienziati di dozzine di discipline hanno rivolto la loro attenzione ai bisogni urgenti della pandemia globale, un gruppo d’élite di chirurghi-scienziati negli Stati Uniti si è concentrato su un aneurisma cerebrale potenzialmente mortale e su come trattarlo efficacemente.

L’anomalia è chiamata aneurisma biforcato a collo largo, che è degno di nota per le sue dimensioni a volte estremamente grandi e la difficoltà che pone per il trattamento. Questo tipo di aneurisma è così complesso e si sviluppa in modo così precario che il trattamento è difficile, persino impossibile per alcuni pazienti, con i metodi attualmente disponibili.

Un team di neurochirurghi a Long Island a New York ha eseguito una rara procedura per alleviare questo tipo di aneurisma utilizzando un dispositivo sperimentale che non solo è infinitesimamente piccolo, ma è permanentemente posizionato utilizzando una tecnica minimamente invasiva. La ricerca che coinvolge il dispositivo fa parte di una sperimentazione clinica attualmente in corso negli Stati Uniti. Ad oggi, solo 12 dispositivi sono stati impiantati in pazienti americani.

“Il dispositivo è progettato per il trattamento di aneurismi cerebrali complessi, più specificamente aneurismi della biforcazione a collo largo, che sono tradizionalmente i più difficili da trattare con altre tecniche”, ha affermato David Fiorella, MD, Ph.D., direttore del Cerebrovascular and Stroke Center presso la Stony Brook Medicine, la divisione medica della Stony Brook University di New York.

I neurochirurghi di Stony Brook e oltre sperano che l’impianto alla fine venga approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti perché prevedono il suo potenziale per diventare lo standard di cura per questo aneurisma raro ma potenzialmente letale.

Qualsiasi aneurisma cerebrale può essere sostanzialmente definito come una debolezza in un vaso sanguigno. Gli aneurismi hanno un collo e una cupola. Se lo immagini come un palloncino giocattolo, il suo collo sarebbe dove si trova il nodo alla base e la sua cupola, ovviamente, è il grande palloncino gonfiato. Il pericolo aumenta per le persone con aneurismi perché il vaso interessato si riempie di sangue aumentando di dimensioni. Gli aneurismi biforcati rappresentano un rischio particolare a causa del modo in cui si impossessano delle vie secondarie del sistema vascolare cerebrale.

“Una biforcazione è come quando una strada si dirama in due strade, o in questo caso quando una nave si dirama in due o più navi ramificate”, ha detto Fiorella.

Ma le complicazioni non finiscono qui, ha aggiunto Fiorella, neurochirurgo, perché questi aneurismi difficili da trattare non solo possono essere biforcati, alcuni sono triforcati, interessando tre rami di vasi. Nel sito dell’aneurisma, le forze emodinamiche, il flusso e la pressione del sangue nel vaso, lo fanno gonfiare, aumentando il potenziale di rottura.

La prima recluta di Fiorella nella sperimentazione clinica, Catherine Sears, 60 anni, di Northport, New York, non sapeva di avere una bomba ad orologeria in testa. Non c’erano sintomi. Ma Sears aveva una storia di ipertensione, che è un fattore di rischio per aneurisma. Il suo cardiologo ha ordinato una scansione CTA – angiografia con tomografia computerizzata – un tipo di imaging TC che prevede anche l’iniezione di un colorante speciale per migliorare le immagini dei vasi sanguigni. L’aneurisma di Sears è stato scoperto nelle sue scansioni cerebrali.

Molti aneurismi a collo largo sono così complessi da essere difficili da trattare con i dispositivi esistenti. Un’alternativa per questi pazienti sono gli interventi chirurgici a cervello aperto, che comportano periodi di recupero prolungati. Ma la complessità dell’aneurisma può essere così complicata per altri pazienti che non vengono curati perché sarebbe troppo rischioso avvicinarsi in sicurezza all’anomalia situata in una posizione pericolosa nel cervello.

La valutazione di Fiorella dell’anatomia vascolare nel cervello di Sears, insieme a uno studio dei suoi modelli di flusso sanguigno, l’ha resa idonea per lo studio clinico con il nuovo impianto, che è formalmente chiamato Cerus Contour, sviluppato da Cerus Endovascular, un’azienda di dispositivi medici in il Regno Unito.

Il dispositivo sembra un fiorellino di rete su un sottile stelo di filo metallico, un minuscolo fiore high tech. Viene distribuito su un catetere diretto dall’arteria femorale al sito di ostruzione nel cervello. La procedura viene eseguita in un laboratorio di cateterizzazione.

Sears, una nonna di tre figli, si è già ripresa dall’intervento, eseguito a fine novembre. Il complesso aneurisma non è più una minaccia per la sua vita. La porzione “fioretto” del dispositivo è stata posizionata nella cupola dell’aneurisma bloccando il flusso di sangue, provocandone il restringimento.

Si unisce agli altri partecipanti alla sperimentazione clinica negli Stati Uniti, la maggior parte delle quali donne, che non solo hanno subito la procedura per alleviare la minaccia di un aneurisma cerebrale, ma che non hanno avuto effetti collaterali a causa di esso.

Il motivo per cui finora sono state coinvolte più donne che uomini nello studio è un riflesso del netto divario di genere che coinvolge gli aneurismi cerebrali. “Le donne sono più colpite da aneurismi cerebrali nella popolazione, ma non è chiaro perché questo sia il caso”, ha detto Fiorella.

L’impianto è stato inventato da Stephen Griffin, presidente della Cerus Endovascular di Oxford. Ha conseguito un dottorato in scienza dei materiali e nutre grandi speranze per lo studio clinico statunitense. Una serie di studi clinici è stata completata in Europa in cui il dispositivo è approvato per i pazienti con aneurisma biforcato a collo largo.

“Dati i risultati del mondo reale [that] abbiamo sperimentato in Europa … speriamo di vedere risultati simili e forti da questo studio”, ha detto Griffin in una nota, riferendosi alla ricerca americana.

Fiorella, nel frattempo, ha affermato che c’è ancora una lunga strada da percorrere in quanto i neurochirurghi valutano i pazienti e reclutano coloro che si qualificano per lo studio. “Probabilmente ci vorranno almeno uno o due anni per completare il processo”, ha detto Fiorella. “Stony Brook è l’unico centro di Long Island che partecipa a questa sperimentazione e uno dei pochi siti nel paese”.


© 2021 Science X Network

Articolo precedenteGel chirurgico adesivo iniettabile di nuova concezione per prevenire il tessuto cicatriziale
Articolo successivoPrima potenza raggiunta nel più grande parco eolico offshore del mondo