Home Notizie recenti Nuovi studi basati sulla popolazione mostrano un aumento del rischio di demenza...

Nuovi studi basati sulla popolazione mostrano un aumento del rischio di demenza e depressione nell’AR

38
0

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Nel lavoro presentato al Congresso EULAR del 2022, il dott. Jens Kristian Pedersen e colleghi hanno utilizzato i dati del registro DANBIO per descrivere il rischio di mortalità per tutte le cause associato alla depressione nei pazienti con artrite reumatoide (AR) incidente.

Il gruppo ha utilizzato il primo riempimento di una prescrizione di antidepressivi come proxy per la depressione. Tra 11.071 pazienti con AR, il 10% aveva ricevuto prescrizioni per antidepressivi. L’analisi ha mostrato che la depressione era associata a un rischio di mortalità aumentato di oltre 6 volte nei pazienti con AR incidente.

Prove crescenti suggeriscono che le persone con AR hanno un rischio maggiore di sviluppare demenza. Tuttavia, l’incidenza della demenza tra i pazienti con AR è diminuita negli ultimi anni. Non è noto se ciò rifletta le tendenze più ampie dell’incidenza della demenza nel tempo, i progressi del trattamento che producono un migliore controllo dell’AR o altri fattori. La dott.ssa Elena Myasoedova ha condiviso nuove scoperte sui fattori di rischio per la demenza incidente in un’ampia coorte iniziale di pazienti con AR.

La scoperta chiave è stata che l’AR clinicamente attiva, tra gli altri fattori di rischio, è associata a un rischio elevato di demenza. L’incidenza cumulativa di demenza è aumentata del 2-3% ogni 5 anni dopo la diagnosi di AR e l’età avanzata all’incidenza di AR è stata costantemente associata al rischio di demenza.

La presenza di noduli reumatoidi, grande gonfiore articolare, ipertensione, insufficienza cardiaca e depressione al basale o durante il primo anno dopo l’incidenza dell’AR erano significativamente associati al rischio di demenza. Il grande gonfiore articolare, qualsiasi malattia cardiovascolare o cerebrovascolare (in particolare insufficienza cardiaca e ictus ischemico), ansia e depressione in qualsiasi momento hanno aumentato il rischio di demenza. Sono in corso studi per valutare il ruolo dell’infiammazione sistemica e le sue interazioni con altri fattori di rischio sul rischio di declino cognitivo nei pazienti con AR.

Il dottor Yeonghee Eun ha anche condiviso i dati sull’associazione tra demenza e RA, sulla base di uno studio in un’ampia coorte di popolazione.

I risultati hanno mostrato che i pazienti con AR avevano un rischio di demenza 1,2 volte maggiore rispetto ai controlli. Ciò includeva sia il morbo di Alzheimer che la demenza vascolare. In un’analisi stratificata in base all’età, al sesso, ai fattori dello stile di vita e alle comorbilità, è stata costantemente trovata l’associazione tra AR e demenza. Gli autori osservano che è necessaria una valutazione appropriata della demenza quando si verifica un deterioramento cognitivo nei pazienti con AR.


Fornito da European Alliance of Associations for Rheumatology (EULAR)

Articolo precedenteFattori di rischio per gravi esiti di COVID-19 in un grande sistema sanitario statunitense
Articolo successivoLa nuova combinazione di farmaci ha allungato la sopravvivenza per alcuni con cancro ai polmoni