Nuove valutazioni per una migliore cura del trauma cranico grave

Credito: International Islamic University Malaysia (IIUM)

Le persone che subiscono gravi lesioni alla testa vengono talvolta poste su ventilatori meccanici per garantire l’apporto di ossigeno agli organi vitali del corpo, compreso il cervello. Inizialmente, la ventilazione meccanica è fornita attraverso un tubo posto lungo la trachea attraverso la bocca e richiede che il paziente rimanga sedato. Tuttavia, una ventilazione meccanica prolungata può portare a complicazioni, come la polmonite, e può ostacolare il processo di recupero. Quindi i medici iniziano a svezzare i pazienti dal ventilatore e dai sedativi associati fornendo ventilazione attraverso un’apertura chirurgica nella parte anteriore del collo nella trachea; un processo chiamato tracheostomia.

Si ritiene che la tracheostomia precoce offra benefici ed esiti positivi per i pazienti con grave trauma cranico. L’esperto infermieristico in terapia intensiva Salizar Bt. Mohamed Ludin e colleghi vogliono capire se valga la pena iniziare questo processo in anticipo, soprattutto nel contesto sanitario malese.

Il team valuterà come il profilo socio-demografico di un paziente con trauma cranico grave e la tempistica della tracheostomia influenzino il suo esito durante il suo periodo in ospedale e dopo la dimissione. Ciò includerà lo studio degli esiti funzionali dei pazienti, la qualità della vita e la motivazione verso il processo di riabilitazione.

“Riteniamo che i risultati della nostra ricerca contribuiranno alla costruzione di nuove linee guida di pratica clinica basate sull’evidenza per l’esecuzione di tracheostomie su pazienti con trauma cranico grave ventilato meccanicamente”, afferma Ludin. “La nostra ricerca mira a rafforzare l’importanza di valutare e aggiornare continuamente le linee guida affinché gli infermieri siano in grado di fornire il miglior livello di assistenza tracheostomica”.

Nuove valutazioni per una migliore cura del trauma cranico grave

Credito: International Islamic University Malaysia (IIUM)


Fornito da International Islamic University Malaysia (IIUM)

Articolo precedenteLo studio rivela un potenziale bersaglio terapeutico per l’epatopatia genetica
Articolo successivoUna nuova ricerca afferma che una migliore cura della frattura dell’anca in Cina può salvare vite umane