Home Notizie recenti Meno della metà dei genitori prevede di ottenere il vaccino COVID per...

Meno della metà dei genitori prevede di ottenere il vaccino COVID per i bambini più piccoli

17
0

I genitori hanno dovuto aspettare molto tempo per avere accesso a un vaccino contro il COVID-19 per i loro bambini di età inferiore ai 5 anni, ma un nuovo sondaggio mostra che molti non avranno ancora una possibilità per i loro figli.

Circa il 43% dei genitori statunitensi di bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni ha affermato che non avrebbe fatto vaccinare i propri figli al coronavirus, mentre un altro 27% ha affermato di non essere ancora sicuro di cosa faranno, ha rilevato la Kaiser Family Foundation nel suo sondaggio di luglio.

La maggior parte dei genitori nel sondaggio ha affermato di nutrire maggiori preoccupazioni sui potenziali rischi per i propri figli derivanti dal vaccino rispetto al virus.

Tuttavia, non è ancora chiaro come faranno i singoli bambini se contraggono il virus.

“Non abbiamo marcatori per questo”, ha detto Patricia Stinchfield, presidente della National Foundation for Infectious Diseases Il New York Times. “Metà dei bambini che soffrono di COVID grave sono bambini sani, senza condizioni di base. Quindi l’idea di dire ‘Salterò questo vaccino per mio figlio, non siamo preoccupati per il COVID’ è davvero quella di prendere un rischio.”

Vedi anche:  I bambini sono sensibili alle rime, al ritmo e alle frasi nelle canzoni dei bambini

I genitori dei bambini più piccoli potrebbero essere i più titubanti, con solo il 2,8% che ha vaccinato i propri figli da quando sono diventati idonei il 18 giugno. Questo è rispetto al 18,5% dei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che nello stesso momento del loro lancio erano stati vaccinati, il Volte segnalato. Quei bambini sono ammissibili dallo scorso ottobre.

I motivi per cui i genitori scelgono di non vaccinare i propri figli variano. La maggioranza ha affermato di aver trovato confuse le informazioni condivise dal governo federale.

Ma la politica ha avuto un ruolo: i genitori repubblicani erano tre volte più propensi dei genitori democratici a dire che sicuramente non avrebbero vaccinato il loro bambino.

Altri hanno affermato che la mancanza di accesso era una barriera significativa. Questa preoccupazione è stata espressa da più genitori neri e ispanici rispetto ai genitori bianchi, hanno mostrato i risultati.

Vedi anche:  Una nuova ricerca migliora la comprensione della riparazione del DNA

Circa il 44% dei genitori neri ha affermato di essere preoccupato di prendersi una pausa dal lavoro per far vaccinare i propri figli e prendersi cura di loro se avessero avuto effetti collaterali. Circa il 45% dei genitori ispanici intervistati ha espresso preoccupazione per la ricerca di un luogo affidabile per le riprese, mentre circa un terzo era preoccupato di dover pagare una tassa per le riprese.

Complessivamente, circa il 70% degli intervistati ha dichiarato di non aver parlato con i propri pediatri del vaccino, ma solo il 27% di coloro che hanno preso in considerazione il vaccino ha dichiarato che avrebbe fissato un appuntamento per parlarne.

I nipoti di Stinchfield, di 1 e 3 anni, hanno ricevuto i vaccini, ma ha notato che la loro madre ha dovuto prendersi una pausa dal lavoro per ottenerli.

“Il messaggio alle cliniche è rendere disponibile il vaccino per i bambini la sera e nei fine settimana”, ha detto Stinchfield.


© 2022 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteUn nuovo studio sottolinea l’importanza di includere i dati demografici nei documenti di ricerca umana per ridurre le disparità di salute
Articolo successivoLo studio rileva che l’uso dell’app per lo yoga può ridurre l’incontinenza urinaria