Home Notizie recenti Mangiare uva potrebbe avere un notevole potenziale di benefici per la salute

Mangiare uva potrebbe avere un notevole potenziale di benefici per la salute

56
0
uva

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Studi recenti pubblicati dal Dr. John Pezzuto e dal suo team della Western New England University mostrano effetti “sorprendenti” del consumo di uva e impatti “notevoli” sulla salute e sulla durata della vita.

Pubblicato sulla rivista Alimenti, uno studio ha dimostrato che l’aggiunta di uva in una quantità pari a poco meno di due tazze di uva al giorno a una dieta ricca di grassi, tipicamente consumata nei paesi occidentali, ha prodotto riduzioni del fegato grasso e una maggiore durata della vita. Notando che questi studi aggiungono una dimensione completamente nuova al vecchio detto “sei quello che mangi”, Pezzuto, autore di oltre 600 studi scientifici, ha affermato che il lavoro con l’uva ha mostrato effettivi cambiamenti nell’espressione genetica. “Questo è davvero notevole”, ha osservato.

L’aggiunta di uva a una dieta ricca di grassi ha anche aumentato i livelli di geni antiossidanti e ritardato la morte naturale. Riconoscendo che non è una scienza esatta tradurre anni di vita da un topo a un essere umano, Pezzuto ha affermato che la sua migliore stima è che il cambiamento osservato nello studio corrisponderebbe a 4-5 anni aggiuntivi nella vita di un essere umano.

Un altro studio del Dr. Pezzuto e del suo team, pubblicato sulla rivista Antiossidanti, hanno riferito che il consumo di uva alterava l’espressione genica nel cervello e aveva effetti positivi sul comportamento e sulla cognizione che erano alterati da una dieta ricca di grassi. Un terzo studio, pubblicato da un team guidato dal dottor Jeffrey Idle sulla rivista Cibo e nutrizioneha mostrato che oltre ai cambiamenti nell’espressione genetica, l’uva cambia anche il metabolismo.


Fornito dalla Commissione per l’uva da tavola della California

Articolo precedenteSette cose da sapere sulla poliomielite
Articolo successivoSintetico “per sempre chimica” legato al cancro al fegato