Home Notizie recenti L’obesità minaccia la prontezza militare degli Stati Uniti

L’obesità minaccia la prontezza militare degli Stati Uniti

54
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

L’obesità è riconosciuta come una crisi di salute pubblica con gravi effetti medici ed economici, ma una prospettiva nel Giornale di educazione alimentare e comportamentopubblicato da Elsevier, sottolinea come le conseguenze dell’obesità abbiano un impatto anche sull’esercito americano.

“Questo è un problema complesso che ha un profondo impatto sulla sicurezza nazionale limitando il numero di reclute disponibili, diminuendo la candidatura per il re-arruolamento e potenzialmente riducendo la prontezza della missione”, afferma l’autore corrispondente Sara Police, Ph.D., Department of Pharmacology and Scienze nutrizionali, Università del Kentucky College of Medicine, Lexington, KY, USA “Altre questioni rilevanti includono i cambiamenti demografici dei militari e l’insicurezza alimentare tra le famiglie dei militari”.

Il collegamento tra la salute della nazione e la sicurezza nazionale fu identificato nel 1946 quando fu approvato il National School Lunch Program per affrontare la malnutrizione tra le reclute militari della seconda guerra mondiale. Questo accadeva in un momento in cui le calorie giornaliere limitate erano disponibili nell’approvvigionamento alimentare degli Stati Uniti. Oggi la preoccupazione per la malnutrizione non è più così pressante. Invece, i drammatici arricchimenti calorici dell’approvvigionamento alimentare e l’aumento delle dimensioni delle porzioni, tra molti altri fattori, hanno promosso l’aumento di peso e di conseguenza hanno ridotto il numero di uomini e donne altrimenti idonei all’arruolamento. La percentuale di reclute ammissibili che superano gli standard di percentuale di grasso corporeo dell’esercito è raddoppiata per gli uomini e triplicata per le donne dal 1960.

Queste statistiche hanno spinto i leader militari a chiedere cambiamenti nei modelli nutrizionali e dietetici, comprese iniziative nelle scuole per rimuovere le opzioni alimentari meno salutari e aumentare l’uso di programmi di pranzo gratuiti ea costo ridotto. Un’altra soluzione potrebbe essere l’educazione alimentare all’interno delle stesse forze armate.

“I sergenti di perforazione sono leader essenziali e importanti nelle forze armate per l’addestramento, la consulenza, il tutoraggio e l’addestramento di nuovi soldati”, spiega il dottor Police. “Questa prospettiva si basa su studi precedenti che illustrano che informazioni nutrizionali accurate e modelli comportamentali potrebbero influenzare fortemente le reclute”.

La coautrice Nicole Ruppert, MS, Dipartimento di farmacologia e scienze nutrizionali, Università del Kentucky College of Medicine, osserva: “Anche altri leader, inclusi ufficiali in comando e sottufficiali, svolgono ruoli essenziali nella diffusione delle informazioni e nella modellazione del comportamento e potrebbero aver un impatto continuo sui soldati oltre l’addestramento di base”.

I cambiamenti demografici degli odierni reggimenti di addestramento di base includono una percentuale maggiore di donne e gruppi razziali/etnici. Questi sono gruppi della popolazione che sperimentano un tasso più elevato di obesità ma anche tassi più elevati di insicurezza alimentare. L’accesso inaffidabile a un’alimentazione sana può portare all’obesità, all’ansia e ad altri problemi di salute mentale, che minacciano ulteriormente il mantenimento militare e la prontezza alla missione.

“Nonostante gli sforzi del governo degli Stati Uniti e del Dipartimento della Difesa, l’obesità continua ad avere un impatto sull’esercito e il rischio per la sicurezza nazionale è grande”, sottolinea il dottor Police. “La ricerca per scoprire le migliori pratiche prenderà in considerazione la crescente diversità all’interno delle forze armate, l’importanza dell’accesso a cibo sano e l’opportunità di sostenere l’educazione alimentare attraverso una leadership informata”.


Articolo precedenteL’inflazione più alta a Tokyo in oltre tre decenni rende le cose difficili per la BOJ
Articolo successivoUno studio del Regno Unito suggerisce che i minori di 45 anni e le donne hanno maggiori probabilità di aumentare di peso e saltare una categoria di BMI durante il blocco