Home Notizie recenti L’obesità aumenta tra i bambini e gli adolescenti statunitensi a basso reddito...

L’obesità aumenta tra i bambini e gli adolescenti statunitensi a basso reddito durante l’inizio della pandemia di COVID-19

58
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

Durante i primi sei mesi della pandemia di COVID-19, la proporzione di bambini e adolescenti provenienti da famiglie a basso reddito con sovrappeso o obesità è aumentata notevolmente, secondo una nuova ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno a Maastricht, Paesi Bassi (4-7 maggio). Lo studio è di Ihuoma Eneli, MD, MS, FAAP, Direttore del Center for Healthy Weight and Nutrition presso il Nationwide Children’s Hospital e Professore di Pediatria presso la Ohio State University di Columbus, Ohio, e colleghi.

Lo studio di coorte su oltre 4.500 giovani (di età compresa tra 2 e 17 anni) provenienti da una vasta rete di cure primarie nello Stato dell’Ohio è uno dei primi a presentare risultati su come la pandemia di COVID-19 abbia influito sul cambiamento di peso nei giovani di età socioeconomica inferiore gruppi.

L’obesità infantile è stata a lungo una delle principali preoccupazioni per la salute negli Stati Uniti e i ricercatori affermano che i primi mesi della pandemia di blocco completo potrebbero aver aggravato il problema, ampliando ulteriormente le disparità razziali/etniche nell’obesità.

“I primi mesi di chiusura delle scuole, divieti di incontri sociali, interruzioni del sonno e mancanza di esercizio, aumento del tempo davanti allo schermo e spuntini, nonché stress e ansia intensificati hanno creato la tempesta perfetta per avere problemi con l’aumento di peso”, afferma il professor Eneli.

Continua: “Sappiamo che l’aumento di peso in eccesso durante l’infanzia è difficile da invertire e, se non controllato, può avere gravi conseguenze sulla salute come il diabete di tipo 2, oltre a maggiori probabilità di avere l’obesità da adulto. La povertà rende sia l’obesità che i suoi effetti negativi sulla salute sono più probabili e l’accesso alle cure per l’obesità è sproporzionatamente inferiore nelle popolazioni minoritarie.Questi nuovi dati sottolineano perché è necessaria un’azione urgente per colmare il divario tra i più e i meno svantaggiati per garantire che ogni bambino abbia le stesse possibilità di crescere sano .”

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di giovani di età compresa tra 2 e 17 anni, che frequentavano un’ampia rete di 12 cliniche di cure primarie nel Nationwide Children’s Hospital nello Stato dell’Ohio. La rete fornisce assistenza a oltre 100.000 giovani, la maggior parte dei quali riceve un’assicurazione pubblica come Medicaid.

In totale, sono stati inclusi nel analisi confrontando il modo in cui l’IMC e la categoria di peso sono cambiate dopo l’inizio della pandemia di COVID-19 e se questi cambiamenti differivano per sesso, gruppo di età, razza/etnia, dopo l’adeguamento per tipo di visita e lasso di tempo. I giovani con patologie croniche complesse sono stati esclusi dallo studio.

I ricercatori hanno scoperto che la percentuale di giovani con sovrappeso, obesità o obesità grave è aumentata dal 38% al 45% prima della pandemia; ed è diminuito di quasi il 6% nella categoria di peso sano.

Complessivamente, circa 1 giovane su 5 ha guadagnato almeno 5 kg (più del 4% ha guadagnato almeno 10 kg) e ha aumentato il proprio BMI di almeno 2 unità. L’aumento di peso medio (mediano) è stato più alto tra i giovani con obesità grave, che hanno guadagnato in media quasi 6 kg.

È interessante notare che tra i giovani sottopeso, oltre il 45% è passato alla categoria di peso sano, con un aumento di peso medio (medio) di oltre 2 kg.

Ulteriori analisi hanno rilevato che i bambini più piccoli (2-9 anni), le ragazze e i giovani delle minoranze etniche avevano maggiori probabilità di passare a una categoria di peso peggiore. Ad esempio, i bambini di età compresa tra 2 e 9 anni avevano quasi il doppio delle probabilità di passare a una categoria di peso superiore (p. es., da peso sano a sovrappeso, o da obesità a obesità grave) rispetto agli adolescenti di età compresa tra 14 e 17 anni. Allo stesso modo, i bambini e gli adolescenti ispanici avevano il doppio delle probabilità di salire di una categoria di peso rispetto ai loro coetanei bianchi (vedi tabella 1 nel documento collegato di seguito).

Secondo il professor Eneli: “Questo studio riflette i risultati dei primi 3-6 mesi durante la pandemia. Quando le famiglie e le comunità hanno iniziato ad adattarsi, la traiettoria del cambiamento di peso più tardi durante la pandemia può differire e merita ulteriori studi. Insieme a diverse pandemie negative -conseguenze correlate sulla salute dei bambini (p. es., maggiori problemi di salute mentale, insicurezza alimentare, deficit nella copertura vaccinale e nelle prestazioni scolastiche), affrontare l’eccessivo aumento di peso dovrebbe essere una priorità assoluta per le famiglie, gli amministratori o i responsabili politici”.

Gli autori osservano che si tratta di uno studio osservazionale limitato a una singola rete di cure primarie negli Stati Uniti, il che limita la generalizzabilità dei risultati. Inoltre, i ricercatori non possono escludere la possibilità che altri fattori non misurati come i comportamenti di vita e i modelli di sonno possano aver influenzato i risultati.


Fornito dall’Associazione Europea per lo Studio dell’Obesità

Articolo precedenteLe donne consigliavano di attendere almeno due anni dopo l’intervento chirurgico per la perdita di peso prima di provare ad avere un bambino
Articolo successivoIl modello rileva che le morti per COVID-19 tra gli anziani potrebbero essere dovute al limite genetico alla divisione cellulare