cellula

Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico

Gravi lesioni al polmone causate da malattie come il COVID-19 innescano la riparazione anormale delle cellule staminali che altera l’architettura del polmone. La differenziazione aberrante delle cellule staminali in risposta alla lesione può impedire il ripristino della normale funzione polmonare.

In uno studio collaborativo tra i ricercatori dell’UCSF apparso il 30 dicembre in Biologia cellulare naturale, i ricercatori dell’UCSF Jaymin Kathiriya, Ph.D., e Chaoqun Wang, Ph.D., hanno scoperto che gravi lesioni polmonari possono far sì che le cellule staminali polmonari subiscano una differenziazione anormale. Dott. Kathiriya e Wang, sotto la supervisione di Hal Chapman, MD, e Tien Peng, MD, rispettivamente, hanno utilizzato modelli organoidi di cellule staminali per scoprire un nuovo percorso delle cellule staminali che si osserva nei polmoni gravemente feriti di pazienti affetti da COVID-19 e fibrosi polmonare idiopatica.

Questo studio offre una tabella di marcia per capire come i polmoni gravemente danneggiati possono rimodellare e cicatrizzare e fornisce un potenziale percorso per invertire il rimodellamento prendendo di mira la differenziazione anormale delle cellule staminali.

È stato precedentemente accettato che la capacità rigenerativa delle cellule staminali residenti dell’alveolo (AEC2s), opera in modo simile topi e umani. I ricercatori hanno scoperto inaspettatamente che gli AEC2 umani (hAEC2), a differenza degli AEC2 dei topi, si transdifferenziano in modo robusto in cellule basali funzionali con segnali di fibroblasti patologici. L’analisi di una singola cellula della traiettoria da hAEC2 a cellula basale in vitro ha rivelato la presenza di tipi di cellule transizionali e sottoinsiemi di cellule basali precedentemente identificati nei polmoni con fibrosi polmonare idiopatica (IPF).

Utilizzando una nuova piattaforma organoide fibroblasti/hAEC2, gli autori potrebbero modellare la metaplasia delle cellule staminali, o differenziazione anormale delle cellule staminali, osservata in gravi lesioni alveolari. Inoltre, la scoperta che hAEC2 può generare tipi di cellule di transizione patologiche e cellule basali fornisce una conferma sperimentale di una traiettoria delle cellule staminali che si osserva nei polmoni umani malati.

“La prima volta che abbiamo visto hAEC2 differenziarsi in cellule basali, è stato così sorprendente che abbiamo pensato che fosse un errore”, ha detto Peng. “Ma la rigorosa convalida di questa nuova traiettoria ha fornito enormi informazioni su come il polmone si rimodella in risposta a lesioni gravi e un potenziale percorso per invertire il danno”.

La scoperta che le hAEC2 subiscono una transdifferenziazione progressiva a cellule basali metaplastiche non è esclusiva dell’IPF. Le cellule basali metaplastiche alveolari sono comuni anche in sezioni di sclerodermia e polmoni COVID, e queste sono mescolate con cellule di transizione in aree di rimodellamento attivo. Il ritrovamento comune di cellule di transizione negli organoidi derivati ​​da hAEC2 così come negli xenotrapianti di hAEC2 e nelle analisi istologiche dei polmoni fibrotici, suggerisce che le hAEC2 sono una delle principali fonti di cellule basali metaplastiche nelle malattie con grave danno alveolare.

Lo studio fornisce le basi per la ricerca futura per identificare bersagli terapeutici che potrebbero prevenire o invertire la differenziazione metaplastica in gravi lesioni polmonari e se altri componenti della nicchia fibrotica come le cellule endoteliali e le cellule immunitarie sono in grado di guidare il fenotipo metaplastico.


Fornito dall’Università della California San Francisco Medical Center

Articolo precedenteLa FDA potrebbe autorizzare i booster Pfizer per i giovani dai 12 ai 15 anni entro lunedì
Articolo successivoPandemia di Covid-19: Israele darà il quarto colpo di richiamo ai vulnerabili