Home Notizie recenti Lo studio rileva che l’uso dell’app per lo yoga può ridurre l’incontinenza...

Lo studio rileva che l’uso dell’app per lo yoga può ridurre l’incontinenza urinaria

15
0

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Le persone con perdita del controllo urinario che hanno utilizzato l’app mobile Yoga of Immortals, un’app utilizzata a livello globale che combina posture yogiche specifiche nella tradizione Sanatana con esercizi di respirazione, terapia del suono e meditazione, hanno riscontrato un miglioramento significativo nella frequenza e nella gravità delle perdite di urina a quattro settimane di pratica, secondo uno studio di Rutgers.

L’incontinenza urinaria è più comune nelle donne che negli uomini. Si stima che dal 25 al 45 per cento delle donne a livello globale soffra di questa condizione, che può influire negativamente sulla qualità della vita e creare difficoltà nel funzionamento sociale, psicologico e sessuale. Tuttavia, meno del 20% delle persone colpite cerca un trattamento, che include farmaci, terapia fisica muscolare del pavimento pelvico per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico o procedure chirurgiche.

“Sebbene questi trattamenti siano efficaci, ci sono molte carenze: i farmaci hanno una scarsa compliance e potenziali effetti collaterali significativi; i pazienti spesso non hanno le conoscenze per identificare specifici muscoli pelvici e la motivazione per completare la terapia fisica e le procedure chirurgiche sono invasive con potenziali complicazioni”, ha affermato Hari Tunguuntla, autore principale dello studio e professore associato di chirurgia urologica presso la Rutgers, Robert Wood Johnson Medical School.

“Tuttavia, le sessioni giornaliere dell’app di 30 minuti sono facili, sicure, efficaci e convenienti in quanto possono essere eseguite sempre e ovunque senza la necessità di visite di persona all’operatore sanitario”, ha continuato. “La pratica YOI basata su app prevede esercizi di respirazione specifici, stimolazione dei centri energetici specifici del corpo per il controllo urinario, posture per coinvolgere il pavimento pelvico, promuovere il rilassamento e il controllo muscolare e tecniche di allineamento per rafforzare il pavimento pelvico”.

I ricercatori hanno selezionato Yoga of Immortals per lo studio in quanto fornisce istruzioni video e audio precise per questo programma completo che coinvolge il pavimento pelvico e specifici centri energetici del sistema urinario. Nello studio è stato dimostrato che i protocolli YOI sono facilmente comprensibili dai partecipanti a tutti i livelli di istruzione. La pratica YOI include anche il lavoro del respiro per migliorare la disintossicazione, la consapevolezza e la meditazione. YOI ha anche dimostrato di affrontare problemi di salute mentale e qualità della vita derivanti da depressione, stress e ansia.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Urologia, è il primo a conoscenza dei ricercatori a determinare l’efficacia di un intervento Yoga of Immortals basato su app mobile per l’incontinenza urinaria su scala globale tra varie età e gruppi etnici sia negli uomini che nelle donne. (Tunuguntla ha anche recentemente pubblicato uno studio sulla rivista Giornale internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica che hanno scoperto che le persone che hanno usato Yoga of Immortals hanno riferito che riduceva la loro ansia, depressione e insonnia.)

In questo studio, i ricercatori hanno inviato un sondaggio agli abbonati all’app per identificare coloro che stavano sperimentando una perdita di controllo della vescica di diverso tipo: perdita di urina dovuta all’impossibilità di raggiungere il bagno in tempo o perdita di urina dopo aver starnutito, tossito o riso; o una combinazione e di tutti i tipi di gravità della perdita di urina. Ai 258 abbonati di 23 paesi di età compresa tra i 18 ei 74 anni, la maggior parte donne e tra i 18 ei 44 anni, sono stati inviati questionari a quattro settimane e otto settimane per riferire sul miglioramento delle condizioni. I ricercatori hanno quindi valutato le loro risposte utilizzando questionari specifici e la scala Patient Global Impression of Improvement, che misura l’efficacia soggettiva della terapia.

I ricercatori hanno scoperto che il 76% degli intervistati si sentiva molto meglio a quattro settimane con un miglioramento significativo della frequenza e della gravità della perdita di urina senza visite di persona al medico, molti dei quali hanno riferito un miglioramento continuo a otto settimane. Quelli con perdite più gravi hanno riportato il maggior miglioramento dell’attività quotidiana e della qualità della vita. La maggior parte dei partecipanti allo studio si sentiva “molto meglio” alla conclusione dello studio.

L’app può potenzialmente aumentare l’aderenza al trattamento e può essere utilizzata per integrare altri trattamenti, hanno affermato i ricercatori.

“Grazie alla sua praticità, flessibilità ed efficacia, l’app può aumentare l’accesso alle cure e fungere da trattamento di prima linea sia per le donne che per gli uomini con incontinenza urinaria. Questo è un trattamento di autogestione facilmente accessibile”, ha affermato Tunguuntla. “Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per testare l’efficacia dell’app nel migliorare questa condizione a lungo termine”.


Articolo precedenteMeno della metà dei genitori prevede di ottenere il vaccino COVID per i bambini più piccoli
Articolo successivoIl commento richiede una misurazione coerente dei determinanti sociali della salute