Home Notizie recenti Lo studio mostra che l’aminoacido taurina potrebbe essere utilizzato nella terapia antietà

Lo studio mostra che l’aminoacido taurina potrebbe essere utilizzato nella terapia antietà

29
0

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Quando le nostre cellule elaborano l’ossigeno che respiriamo e il cibo che mangiamo ogni giorno per sopravvivere, generano sottoprodotti potenzialmente tossici comunemente conosciuti come “radicali liberi”. Alcune di queste molecole svolgono funzioni essenziali per l’organismo, ma se sono troppe le strutture interne delle cellule possono essere danneggiate, impedendo alle cellule di funzionare correttamente e portando potenzialmente a malattie croniche. Questo processo è chiamato stress ossidativo.

I nostri corpi contengono un vero e proprio arsenale di enzimi antiossidanti che aiutano a mantenere un appropriato equilibrio tra le specie reattive dell’ossigeno, ma questi meccanismi di controllo diventano meno efficienti con l’avanzare dell’età. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nutrizioneintegrare la propria dieta con l’aminoacido taurina potrebbe essere una valida strategia nutrizionale per combattere il problema.

Lo studio descritto nell’articolo è stato condotto presso l’Università di San Paolo (USP) in Brasile e ha coinvolto 24 donne volontarie di età compresa tra i 55 ei 70 anni. Sono state divise casualmente in due gruppi. Un gruppo ha assunto tre capsule da 500 mg di taurina al giorno per 16 settimane (1,5 g al giorno). L’altro ha preso capsule contenenti solo amido di mais (placebo). Né i partecipanti né i ricercatori sapevano a quale gruppo appartenesse ciascun volontario.

I marker di stress ossidativo sono stati analizzati nei campioni di sangue raccolti prima e alla fine dell’intervento. Uno dei risultati più interessanti è stato un aumento di quasi il 20% dei livelli dell’enzima antiossidante superossido dismutasi (SOD) nel gruppo che ha ricevuto taurina, rispetto a una diminuzione del 3,5% nel gruppo di controllo. Come spiegano gli autori, la SOD protegge le cellule dalle reazioni dannose del radicale superossido.

“Prevenire l’accumulo di radicali liberi che si verifica naturalmente con l’invecchiamento probabilmente previene le malattie cardiovascolari, il diabete e l’ipertensione, tra le altre condizioni croniche”, ha affermato Ellen de Freitas, professore presso la Ribeirão Preto School of Physical Education and Sports (EEFERP-USP ) e ricercatore co-principale per un progetto sostenuto da FAPESP.

Secondo Freitas, nella letteratura scientifica si possono trovare pochissimi studi sugli effetti della taurina nel contesto dell’invecchiamento. “Questo studio è stato un primo passo, volto a studiare la dose ideale e i possibili effetti collaterali, nessuno dei quali è stato osservato in nessuno dei partecipanti”, ha affermato.

Terapia antietà

La taurina è un nutriente presente in alcuni alimenti, come pesce, crostacei, pollo, tacchino e manzo. È anche prodotto naturalmente in alcuni tessuti del corpo umano, in particolare il fegato, ed è importante per il funzionamento del sistema nervoso centrale, l’immunità, la vista e la fertilità.

Il gruppo guidato da Freitas ha studiato per dieci anni e più gli effetti antiossidanti e antinfiammatori della taurina, inizialmente negli atleti ad alte prestazioni e successivamente negli individui obesi, con dosi giornaliere che vanno da 3 g a 6 g. “I risultati hanno mostrato che lo stress ossidativo in questi individui poteva essere controllato quando la loro dieta veniva integrata con questo aminoacido. Abbiamo quindi deciso di testare la strategia nel contesto dell’invecchiamento. Questo era molto nuovo, quindi abbiamo iniziato con una dose di sicurezza molto bassa “, ha detto Freitas.

L’idea originale era di studiare l’effetto della supplementazione di taurina combinata con l’allenamento fisico ed entrambi gli interventi separatamente. L’attività fisica è considerata una delle principali modalità di modulazione dei livelli di sostanze ossidanti e antiossidanti nell’organismo e si ritiene che la giusta quantità aumenti i benefici della taurina. Tuttavia, con l’avvento della pandemia e il fatto che i volontari appartenessero a un gruppo ad alto rischio di complicazioni da COVID-19, i ricercatori hanno deciso di proseguire solo con la parte nutrizionale dello studio, che poteva essere monitorata a distanza.

Oltre alla SOD sono stati analizzati altri due marker di stress ossidativo: l’enzima antiossidante glutatione reduttasi (GR), che è diminuito significativamente in entrambi i gruppi, e la malondialdeide (MDA), che è aumentata del 23% nel gruppo di controllo e diminuiva del 4% nel gruppo di supplementazione di taurina .

“Questi risultati sono stati modesti, ma riteniamo che una dose più elevata di taurina potrebbe produrre prove più forti dei suoi benefici”, ha affermato Freitas.

Secondo Gabriela Abud, prima autrice dell’articolo e attualmente Ph.D. candidato alla Ribeirão Preto Medical School (FMRP-USP), i cambiamenti nella dieta dei volontari nei primi mesi della pandemia a causa del blocco potrebbero aver influenzato i risultati dell’analisi biochimica.

“Oltre ai marcatori dello stress ossidativo, abbiamo analizzato i livelli di minerali come selenio, zinco, magnesio e calcio, che sono importanti per il funzionamento di questi enzimi”, ha spiegato Abud. “Il selenio, ad esempio, è un cofattore della glutatione perossidasi [which indirectly helps eliminate hydrogen peroxide from the organism] ed è stato ridotto in entrambi i gruppi.”

Per Freitas, l’integrazione di taurina è solo la “ciliegina sulla torta” e da sola non può fare miracoli. “Uno stile di vita sano con una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico è fondamentale affinché si verifichi l’effetto anti-età”, ha affermato.

Nel prossimo studio, il gruppo prevede di includere donne obese di età compresa tra 60 e 75 anni con sarcopenia, una graduale perdita di massa muscolare che può essere esacerbata da un’infiammazione cronica. “Queste persone corrono un rischio acuto di sviluppare complicazioni. Offriremo un allenamento fisico associato all’integrazione di taurina a 3 g al giorno e osserveremo le possibili alterazioni dovute a questi interventi”, ha affermato Freitas.

È importante tenere a mente che i benefici ei rischi dell’integrazione alimentare di taurina sono ancora oggetto di studio. Gli integratori alimentari non devono essere assunti senza controllo medico.


Articolo precedenteL’ipertensione può raddoppiare il rischio di COVID grave, anche dopo la vaccinazione completa
Articolo successivoLa malattia polmonare post-COVID condivide le origini con altri disturbi polmonari cicatriziali