ai medicina

Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico

I medici del Maccabi Healthcare Services hanno recentemente iniziato a lavorare con un algoritmo predittivo basato sull’intelligenza artificiale sviluppato dal Technion-Israel Institute of Technology insieme a KSM (Kahn-Sagol-Maccabi), il Maccabi Research and Innovation Center. Il nuovo algoritmo consiglia i medici nel processo di decisione su un trattamento antibiotico personalizzato per i pazienti.

La prima diagnosi su cui Maccabi ha scelto di concentrarsi è l’infezione del tratto urinario (UTI), l’infezione batterica più comune tra le donne. Circa il 30% delle femmine soffre dell’infezione almeno una volta durante la vita e fino al 10% presenta infezioni ricorrenti. Finora, nella maggior parte dei casi, il trattamento generale è stato somministrato sulla base delle linee guida cliniche e del giudizio medico. A volte, i batteri si dimostrano resistenti agli antibiotici, con conseguente necessità di modificare il piano di trattamento.

Da quando è stato introdotto il nuovo algoritmo, i medici del Maccabi hanno curato decine di migliaia di casi, e si è registrata una diminuzione di circa il 35% della necessità di cambiare antibiotico in seguito allo sviluppo della resistenza batterica al farmaco prescritto. Questo è significativo perché l’accuratezza nella scelta dell’antibiotico è di gran lunga maggiore grazie alla nuova tecnologia. Alla luce del successo di questo nuovo sviluppo nel trattamento delle UTI, Maccabi ha iniziato a lavorare allo sviluppo di ulteriori sistemi di rilevamento che aiuteranno a far fronte ad altre malattie infettive che richiedono un trattamento personalizzato con antibiotici.

Come funziona?

Il sistema automatizzato consiglia al medico il trattamento antibiotico più idoneo per il paziente, sulla base delle linee guida cliniche e di altri criteri quali età, sesso, stato di gravidanza, residenza in una struttura di residenza assistita, anamnesi personale di IVU e antibiotici somministrati.

L’algoritmo unico è stato sviluppato dal Professor Roy Kishony e dal Dr. Idan Yelin della Facoltà di Biologia Technion, in collaborazione con KSM, il Centro di ricerca e innovazione del Maccabi, guidato dal Dr. Tal Patalon, ed è stato introdotto e implementato tra i medici del Maccabi dagli HMO Equipe di informatica medica e dipartimento del primario. Secondo il Prof. Kishony, “L’algoritmo che abbiamo sviluppato insieme agli esperti del Maccabi è una pietra miliare nella medicina personalizzata sulla strada dei trattamenti antibiotici basati sull’intelligenza artificiale, che sono personalizzati sul paziente in base alla previsione della risposta al trattamento e mitigano lo sviluppo di batteri resistenti”.

La dott.ssa Shira Greenfield, Direttore dell’informatica medica presso Maccabi Healthcare Services, ha dichiarato: “L’importanza della somministrazione di un trattamento antibiotico personalizzato è che riduce il rischio di sviluppo di resistenza agli antibiotici, un problema globale che tutte le entità sanitarie stanno lavorando per risolvere”.


Articolo precedenteImpianti personalizzati per la riabilitazione delle malformazioni dell’orecchio
Articolo successivoSamsung presenta il telecomando TV che si ricarica catturando l’energia in radiofrequenza dal router Wi-Fi