Home Notizie recenti L’imaging all’avanguardia fornisce nuove informazioni sull’ictus

L’imaging all’avanguardia fornisce nuove informazioni sull’ictus

67
0
Metallomica (2022). DOI: 10.1093/mtomcs/mfac007″ width=”600″ height=”323″>
I biomarcatori dell’emorragia forniscono informazioni sull’entità della biotrasformazione dell’eme durante il recupero e sull’entità del danno ossidativo indotto dall’emorragia. Credito: Metallomica (2022). DOI: 10.1093/mtomcs/mfac007

L’ictus emorragico, in cui un vaso indebolito nel cervello si rompe, può portare a invalidità permanente o morte. In tutto il mondo, oltre 15 milioni di persone stanno affrontando i suoi effetti.

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università del Saskatchewan (USA) e della Curtin University in Australia ci ha avvicinato di un passo all’identificazione dell’inizio dell’emorragia associata a un ictus emorragico, informazioni critiche per migliorare i risultati dei pazienti.

Il tempo è essenziale quando si tratta di accarezzare; prima i medici possono iniziare il trattamento, maggiori sono le probabilità che possano limitare i danni.

Utilizzando la linea di luce Mid-IR presso la Canadian Light Source a USask, il team ha esaminato campioni di tessuto cerebrale con una tecnica speciale chiamata imaging a infrarossi a trasformata di Fourier. I ricercatori sono stati guidati dalla dott.ssa Lissa Peeling, neurochirurgo presso il Royal University Hospital e professore associato presso il Dipartimento di Chirurgia di USask.

Vedi anche:  L'effetto optoionico: la luce può aumentare le prestazioni delle celle a combustibile e delle batterie agli ioni di litio

Il nuovo approccio ha consentito ai ricercatori di identificare i cambiamenti nel cervello specifici dell’ictus emorragico.

Il Dr. Jake Pushie, un membro del team di ricerca del Dr. Kelly e del Dr. Peeling presso l’USask’s College of Medicine, ha affermato che la combinazione della linea di luce e dell’imaging a infrarossi ha reso facile rilevare i marcatori di danni cerebrali causati da ictus emorragico.

“In un certo senso, questo ci sta dando una ‘visione sovrumana’ per guardare questi cervelli e mappare cosa sta succedendo metabolicamente”, ha detto Pushie.

Con la tecnologia di sincrotrone, il team ha potuto vedere dove ha avuto origine un’emorragia e l’entità del danno ossidativo causato, cosa impossibile da fare con un microscopio o con gli approcci tradizionali all’imaging. I loro risultati sono stati pubblicati in Metallomica.

Forti di questo nuovo approccio e di una migliore comprensione di ciò che stanno cercando, Pushie e colleghi torneranno ora attraverso la loro vasta “biblioteca” di campioni di tessuto ictus per ottenere un quadro più chiaro della velocità con cui il danno ossidativo inizia ad aumentare .

Vedi anche:  Gli occhi dell'UE si accordano per domare il "Wild West" di Internet

I risultati del team potrebbero eventualmente consentire ai medici di utilizzare l’imaging clinico, come la risonanza magnetica o la TC, per individuare dove e quanto tempo fa si è verificato un ictus emorragico nel cervello.

Miranda Messmer è un altro membro del team che era una studentessa di ricerca universitaria di USask presso il College of Arts and Science al momento dello studio e sarà una studentessa laureata presso l’USask College of Medicine in autunno.

Messmer ha affermato che sapere quando è iniziata l’emorragia può fornire ai medici un quadro più chiaro della finestra di tempo in cui devono agire.

“Essere in grado di capire cosa sta succedendo biologicamente, quando vediamo qualsiasi tipo di cambiamento nelle immagini cliniche, potrebbe aiutare i medici a fornire cure migliori quando si tratta di ridurre al minimo il danno tissutale associato all’ictus”, ha affermato Messmer.


Articolo precedenteLo studio del farmaco mitocondriale antitumorale mostra ulteriori promesse cliniche
Articolo successivoNuova luce sull’associazione tra diabete e malattie delle valvole cardiache