Home Notizie recenti L’esercizio fisico potrebbe aiutare a ridurre la gravità delle gravi complicanze del...

L’esercizio fisico potrebbe aiutare a ridurre la gravità delle gravi complicanze del cancro

150
0

Confronti delle masse tumorali umide tra topi sedentari (SED) e tapis roulant (TM) con tumore (+T) esercitati. Credito: Louisa Tichy, Università della Carolina del Nord a Greensboro

Un nuovo studio ha identificato l’ennesimo vantaggio di mantenere la routine di allenamento. Negli esperimenti eseguiti con i topi, i ricercatori hanno scoperto che l’esercizio fisico prima di sviluppare il cancro era associato a una crescita più lenta del tumore e aiutava a ridurre gli effetti di una complicanza del cancro nota come sindrome da deperimento o cachessia.

La cachessia è un disturbo da deperimento metabolico che colpisce fino all’80% dei pazienti con cancro avanzato ed è associato a circa un terzo di tutti i decessi per cancro. Le persone con cachessia sperimentano un grave deperimento muscolare progressivo, un declino della struttura e della funzione del cuore e una qualità della vita complessivamente peggiore.

“La maggior parte dell’esercizio, in particolare l’esercizio aerobico, è facilmente accessibile e conveniente”, ha affermato Louisa Tichy, una studentessa laureata nel laboratorio di Traci Parry presso l’Università della Carolina del Nord a Greensboro. “Pertanto, impegnarsi in un esercizio aerobico costante come la corsa è un modo conveniente per ridurre il rischio di cancro e complicanze del cancro”.

Tichy presenterà la nuova ricerca all’incontro annuale dell’American Society for Investigative Pathology durante il meeting Experimental Biology (EB) 2022, che si terrà dal 2 al 5 aprile a Filadelfia.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’esercizio fisico potrebbe avere effetti antinfiammatori e potrebbe avere un impatto positivo sulla cachessia del cancro rallentandone lo sviluppo e preservando la struttura e la funzione cardiaca. Tuttavia, pochissimi studi si sono concentrati sul precondizionamento.

L'esercizio fisico potrebbe aiutare a ridurre la gravità delle gravi complicanze del cancro

Confronto del volume del tumore tra topi sedentari (SED) e tapis roulant (TM) esercitati con tumore (+ T). Credito: Louisa Tichy, Università della Carolina del Nord a Greensboro

“Il nostro studio preclinico ha indicato che il precondizionamento, o l’esercizio prima del tumore, sembra svolgere un importante ruolo cardioprotettivo durante la cachessia da cancro, preservando la struttura e la funzione cardiaca”, ha affermato Tichy. “Ha anche aiutato a rallentare la crescita del tumore, anche quando gli animali non si sono esercitati durante il periodo di insorgenza del tumore”.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno studiato topi che si sono esercitati su un tapis roulant per otto settimane o che non hanno eseguito alcun esercizio. Dopo le otto settimane, i ricercatori hanno indotto il cancro in alcuni dei topi sottoposti a esercizio e in alcuni topi sedentari, mantenendo alcuni topi di entrambi i gruppi liberi dal cancro per fungere da controlli.

I ricercatori hanno scoperto che i topi con cancro e uno stile di vita sedentario avevano una funzione cardiaca più scarsa, misurata con l’ecocardiografia, rispetto ai topi che si esercitavano prima dell’induzione del cancro. Inoltre, i topi nel gruppo esercitato avevano un volume del tumore più piccolo e una massa tumorale più piccola del 60% rispetto ai topi nel gruppo sedentario.

L'esercizio fisico potrebbe aiutare a ridurre la gravità delle gravi complicanze del cancro

Confronto dell’accorciamento frazionale come misura della funzione cardiaca tra sedentario (SED) e tapis roulant (TM) esercitato con (+T) o senza (+NT) tumori. Credito: Louisa Tichy, Università della Carolina del Nord a Greensboro

“Questi dati sono fondamentali per identificare il significato dell’esercizio e il miglior tempismo dell’esercizio come misura protettiva e preventiva contro gli effetti dannosi della cachessia da cancro”, ha affermato Tichy.

I ricercatori stanno lavorando per comprendere le proteine ​​e i percorsi sottostanti che sono colpiti dal cancro e dall’esercizio in modo che queste informazioni possano essere utilizzate per informare gli interventi di esercizio. Sottolineano inoltre che la creazione di interventi di esercizio sicuri ed efficaci per i malati di cancro richiederebbe la valutazione della migliore intensità, durata e tempistica dell’esercizio nei modelli preclinici prima di passare agli studi sulle persone.


Fornito da Biologia Sperimentale

Articolo precedenteLe prescrizioni di oppioidi per i pazienti pediatrici dopo interventi chirurgici sono diminuite in modo significativo
Articolo successivoUn nuovo studio fa luce sull’aumento di peso durante la quarantena COVID-19