Home Notizie recenti Le tendenze dei prezzi ospedalieri variano ampiamente negli Stati Uniti

Le tendenze dei prezzi ospedalieri variano ampiamente negli Stati Uniti

69
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

I prezzi medi applicati dagli ospedali ai piani sanitari commerciali, rispetto a quanto paga Medicare, sono rimasti relativamente stabili tra il 2012 e il 2019, ma secondo un nuovo studio della RAND Corporation c’è stata una grande variazione geografica nelle tendenze.

Utilizzando i dati nazionali che catturano la maggior parte degli ospedali statunitensi, i ricercatori hanno scoperto che il rapporto tra i prezzi degli ospedali commerciali e quelli di Medicare è aumentato di 7 punti percentuali durante il periodo studiato. Tuttavia, esaminando le differenze tra mercati sanitari definiti, alcune regioni hanno registrato forti aumenti, mentre altre hanno registrato cali significativi.

Lo studio ha stimato che il contenimento del tasso di crescita dei rapporti tra i prezzi degli ospedali commerciali e di Medicare in ogni regione rispetto alla media nazionale durante il periodo di studio avrebbe ridotto la spesa sanitaria nazionale di 39 miliardi di dollari nel 2019. I risultati sono pubblicati nell’edizione di aprile del rivista Affari sanitari.

“La grande variazione delle tendenze tra le diverse regioni suggerisce che potrebbero esserci opportunità per limitare la crescita dei prezzi degli ospedali”, ha affermato Zachary Levinson, autore principale dello studio ed economista associato presso RAND, un’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro.

Tra le aree con rapporti di prezzo iniziali elevati, lo studio ha rilevato che la California ha il maggior numero di mercati ospedalieri con forti aumenti di prezzo, con 11 delle prime 19 regioni, di cui otto nella California settentrionale. Il Wisconsin ha avuto tre delle regioni con gli aumenti maggiori. Le 19 regioni con le maggiori diminuzioni erano geograficamente più diverse, sebbene quattro fossero nell’Indiana.

Lo studio ha esaminato i prezzi degli ospedali nelle regioni di riferimento degli ospedali, che sono mercati sanitari costituiti da raggruppamenti di codici postali basati sui modelli di riferimento delle cure mediche terziarie.

Nel 2019, la spesa per le cure ospedaliere negli Stati Uniti è stata di 1,2 trilioni di dollari, pari al 32% di tutte le spese sanitarie e a oltre il 5% del prodotto interno lordo della nazione.

Un fattore alla base dell’alto costo delle cure ospedaliere sono i prezzi pagati dai piani sanitari commerciali. Questi prezzi sono aumentati notevolmente nel tempo, così come il divario tra loro ei prezzi pagati da programmi pubblici come Medicare.

I responsabili politici che cercano di aumentare l’accessibilità economica dell’assistenza sanitaria hanno preso in considerazione opzioni per ridurre i prezzi degli ospedali commerciali, ad esempio regolando direttamente i prezzi o aumentando la competitività dei mercati ospedalieri.

I ricercatori di RAND hanno analizzato le stime dei rapporti di pagamento da commerciale a Medicare per il periodo 2012-2019 utilizzando RAND Hospital Data, che è una versione pulita ed elaborata delle informazioni sui rapporti sui costi annuali inviati dagli ospedali al sistema informativo federale sui rapporti sui costi sanitari.

Lo studio ha rilevato che, in media, i prezzi ospedalieri per i piani sanitari commerciali erano in media del 173% dei tassi di pagamento di Medicare nel 2012. Il rapporto prezzo commerciale nazionale rispetto a Medicare è aumentato al 180% nel 2019.

I ricercatori hanno scoperto che tra le regioni che avevano rapporti di prezzo elevati nel 2012, c’era una grande divergenza nella crescita nel tempo. Il rapporto tra prezzo commerciale e Medicare è aumentato in media di 38 punti percentuali nelle regioni a costi più elevati con forti incrementi, mentre è diminuito in media di 38 punti percentuali nelle regioni a costi più elevati con forti diminuzioni.

C’era anche una grande divergenza nelle tendenze tra le regioni che avevano rapporti di prezzo iniziali bassi. Il rapporto tra i prezzi è aumentato di 31 punti percentuali nelle regioni a basso costo con forti aumenti, mentre è diminuito di 16 punti percentuali nelle regioni a basso costo con forti diminuzioni.


Articolo precedenteIl ministro delle finanze dello Sri Lanka è stato licenziato, il governatore della banca centrale ha deciso di dimettersi
Articolo successivoLa Germania affronta la recessione se il petrolio e il gas si fermassero, affermano le banche