Home Notizie recenti Le infermiere-ostetriche vogliono fornire aborti. Stanno lottando per allenarsi

Le infermiere-ostetriche vogliono fornire aborti. Stanno lottando per allenarsi

24
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

Quando Ariela Schnyer ha scelto dove formarsi come infermiera-ostetrica, la California si è distinta per un motivo importante: lo stato avrebbe consentito a medici come lei di fornire aborti.

Ma tre anni dopo, dopo essersi diplomata al suo programma di infermiera-ostetrica presso la UC San Francisco, Schnyer non è ancora pronta a fornire aborti che richiedono cure pratiche. Dopo che è stata diffusa la notizia che Roe v. Wade era stata ribaltata – un cambiamento che dovrebbe inviare più pazienti abortiti in California – Schnyer stava cercando di scoprire se poteva essere addestrata a Città del Messico.

“È frustrante avere quella formazione teorica”, ha detto, “ma non essere in grado di saltare nelle lacune che ci saranno”.

Mentre il Texas, il Mississippi e altri stati hanno represso l’aborto, i leader della California hanno promesso di fare del loro stato un rifugio per i pazienti che abortiscono. I ricercatori dell’UCLA hanno stimato che da 8.000 a 16.000 pazienti in più si recheranno in California ogni anno per abortire dopo la sentenza della Corte Suprema.

Ma la disponibilità limitata di formazione sull’aborto ha limitato il numero di medici che possono fornire la procedura, avvertono i difensori dei diritti dell’aborto.

I legislatori della California hanno gettato le basi legali per una serie di operatori sanitari per fornire aborti, ma le infermiere-ostetriche certificate e altri professionisti sanitari idonei affermano che le scarse opportunità di formazione hanno reso loro più difficile farlo. Gli ostacoli alla formazione sono maggiori per gli aborti che comportano una procedura fisica che per gli aborti farmacologici, che usano le pillole per porre fine a una gravidanza.

Quando la California ha cambiato le sue leggi per consentire a più professionisti sanitari di fornire aborti precoci, “molte persone sono venute in California per diventare medici, pensando che sarebbero state in grado di fornire aborti, e quindi non c’era formazione a loro disposizione”, ha affermato Debbie Bamberger , un’infermiera professionista e membro del consiglio di Training in Early Abortion for Comprehensive Healthcare, un gruppo incentrato sulla formazione sull’aborto.

I ginecologi ostetrici dovrebbero avere accesso alla formazione sull’aborto nelle loro residenze mediche in base ai requisiti di accreditamento, sebbene i residenti possano scegliere di rinunciare. Anche altri medici possono essere formati nella cura dell’aborto, ma tali opportunità sono state più scarse.

I sostenitori dell’accesso all’aborto stimano che in California, circa un quinto dei programmi di medicina di famiglia offra regolarmente una formazione sull’aborto “opt-out” nell’ambito dei loro programmi di residenza; a livello nazionale, il numero stimato è inferiore al 6%.

Per i medici, se non è coperto dalla facoltà di medicina, “molto probabilmente entrerai in residenza con pochissima o nessuna istruzione sull’aborto”, ha affermato Flor Hunt, direttore esecutivo di TEACH. “E poi se il tuo programma di residenza non ha una rotazione significativa dell’aborto, le tue possibilità di poter ottenere una formazione sull’aborto sono molto basse”.

Poi ci sono altri professionisti sanitari tra cui infermiere-ostetriche certificate: infermieri che completano l’istruzione superiore aggiuntiva in gravidanza e parto. La California consente a infermieri, assistenti medici e infermiere-ostetriche certificate di fornire aborti utilizzando l’aspirazione all’inizio della gravidanza, noti anche come aborti per aspirazione, se ricevono una formazione e seguono altri requisiti ai sensi di una legge approvata nel 2013.

Ma anche questa formazione può essere difficile da ottenere. Kim Q. Dau, che dirige un programma di formazione per infermieri e ostetriche della UC San Francisco, ha affermato che quando quella legge è stata approvata, il programma è stato rapido nel fornire formazione attraverso lezioni e letture, ma ha “lottato per molti anni per trovare l’esperienza pratica di apprendimento .”

Molti dei siti locali che possono formare i suoi studenti stanno già insegnando ai medici, il che limita la loro capacità di coinvolgere più tirocinanti. “Insegnare qualsiasi cosa richiede più tempo ed energia” che semplicemente farlo senza addestrare nessuno allo stesso tempo, ha detto Dau, e le cliniche sono preoccupate di non poter vedere così tanti pazienti come risultato.

Schnyer, che si è laureata di recente al programma di ostetricia, ha detto di aver ricevuto una formazione sugli aborti farmacologici e di aver avuto la possibilità di esercitarsi con gli strumenti utilizzati negli aborti precoci su una papaia. Ma aveva poche possibilità di osservare gli aborti procedurali. Il suo programma di ostetricia le ha dato l’opportunità di assistere nella preparazione dei pazienti per l’aborto, ma non la procedura vera e propria, ha detto.

“È un po’ frustrante lasciare la scuola senza quella capacità alle mie spalle, in termini di effettiva formazione clinica”, ha detto Schnyer.

Spera di trovare un lavoro che la aiuti a ottenere una formazione. Nel frattempo, Schnyer sta valutando se potrebbe essere in grado di continuare la sua formazione in una clinica di Città del Messico.

Zoe Carrasco, un’altra laureata al programma di ostetricia della UC San Francisco, ha anche affermato di avere limitate opportunità di formazione pratica sull’aborto, il che significava che “abbiamo visto solo un piccolo assaggio di come appare la gestione dell’aborto”.

Carrasco voleva aiutare a fornire l’accesso alle cure per l’aborto come fornitore di Latina che parla spagnolo, ma non si sente preparata a farlo con la quantità di formazione che ha ricevuto. Come Schnyer, spera di poter essere addestrata sul lavoro, ma sa che anche queste opportunità sono rare.

Quella scarsità, ha detto, “è un riflesso di come l’aborto è visto in questo paese”.

La legge della California che ha aperto la strada agli assistenti medici, alle infermiere-ostetriche e alle infermiere per fornire aborti per aspirazione non impone un numero specifico di ore di formazione, ma afferma che la formazione richiesta deve essere riconosciuta dai consigli statali o, per gli assistenti medici, da altri opzioni delineate nel codice di stato.

In un’analisi delle opportunità di formazione in tutto il paese, il gruppo educativo e di difesa dei diritti riproduttivi Infermieri per la salute sessuale e riproduttiva ha rilevato che la maggior parte della formazione sull’aborto è incentrata sui medici; ha identificato un solo programma in tutto il paese che offre “formazione clinica” – istruzione pratica intesa a sviluppare abilità cliniche – nella cura dell’aborto per infermieri registrati. Altri due hanno accettato “clinici di pratica avanzata” come infermieri professionisti.

I programmi di infermiere-ostetriche sono incentrati sulla preparazione degli studenti a sostenere un esame di licenza e, a meno che le procedure di aborto non siano su quel test, “è difficile ottenere programmi che incorporino in modo davvero solido questo nell’istruzione”, ha affermato Anna Brown, un’infermiera registrata e direttrice dell’istruzione per infermieri per la salute sessuale e riproduttiva.

Tiffany Lundeen, un’infermiera-ostetrica certificata che lavora nella contea di Contra Costa, ha affermato che durante la sua formazione presso la scuola di specializzazione presso l’Università di Yale, “non c’erano opportunità per me di essere formata nella cura dell’aborto”. Dopo la laurea, Lundeen è andata a lavorare in centri sanitari qualificati a livello federale, cliniche comunitarie che forniscono cure primarie a pazienti poveri e non assicurati.

Lundeen vede l’aborto come qualcosa che dovrebbe far parte delle cure primarie: “fondamentale per la salute e il benessere come sottoporsi ai test di screening per il cancro”.

Ma poiché tali cliniche dipendono fortemente dai finanziamenti federali, spesso evitano di fornire cure per l’aborto, ha detto Lundeen.

“Ciò significa che non ho accesso alla formazione sul posto di lavoro nella cura dell’aborto”, ha detto Lundeen. “Non potrei mai trovare un altro modo per essere addestrato.” Lundeen ha detto di aver provato a contattare le organizzazioni non profit cercando di colmare quella lacuna, ma ha scoperto che avevano una capacità limitata.

La formazione sull’aborto è stata limitata, in parte, dal numero e dalla distribuzione dei fornitori esistenti in California. Bamberger ha stimato che per diventare abili negli aborti procedurali è necessario essere formati con un fornitore di aborti su 20-50 procedure. Ampie aree dello stato non hanno affatto fornitori di aborti.

“Per fornire formazione, dobbiamo essere in grado di fare gli aborti in primo luogo”, ha affermato la dott.ssa Melissa Myo, una complessa ricercatrice di pianificazione familiare presso il LA County-USC Medical Center. “Anche in posti come la California, dove è legale, l’accesso è un problema” perché molte contee rurali non hanno un fornitore di aborti.

A Planned Parenthood Mar Monte, che copre dozzine di centri sanitari dalla contea di Sutter a Bakersfield, infermieri e ostetriche possono ricevere una formazione pratica, ma “è solo una persona alla volta”, ha detto Bamberger. I medici possono essere formati più rapidamente nel fornire l’aborto farmacologico, ma hanno bisogno di una formazione aggiuntiva per intervenire in caso di complicazioni, ha detto Bamberger.

“C’è un circolo vizioso con fornitori insufficienti e formazione insufficiente, che produce fornitori insufficienti”, ha affermato Ian Lague, curriculum e program manager di Reproductive Health Education in Family Medicine, un gruppo che cerca di integrare la formazione sull’aborto nei programmi di residenza per i medici di famiglia .

Per questo motivo, il gruppo ha enfatizzato la formazione sull’aborto farmacologico, che è più semplice da imparare. “C’è un diluvio di persone che vogliono aiutare in questo momento, e anche se sarebbe meraviglioso formarle sull’aborto procedurale, questo è il frutto di bassa portata”.

La dottoressa Katrina Heyrana, una ricercatrice di pianificazione familiare presso la County-USC, ha affermato che è stato piacevole vedere medici di tutte le specialità essere galvanizzati dalla sentenza della Corte Suprema. I medici le hanno chiesto: “Come posso diventare un prescrittore di mifepristone?”, uno dei farmaci usati per interrompere una gravidanza.

Anche i legislatori della California stanno cercando di aiutare: ai sensi del disegno di legge dell’Assemblea 1918, uno in un pacchetto di progetti di legge statali volti ad espandere e proteggere l’accesso all’aborto, lo stato creerebbe il California Reproductive Health Service Corps per reclutare una forza lavoro diversificata offrendo borse di studio, stipendi e prestiti rimborso per gli operatori sanitari che ricevono una formazione sull’aborto e accettano di lavorare per tre anni in aree svantaggiate dello stato.

Il bilancio statale recentemente emanato include $ 20 milioni per il corpo dei servizi sanitari e altri $ 20 milioni per borse di studio e rimborso del prestito agli operatori sanitari che si impegnano a fornire servizi di assistenza sanitaria riproduttiva.

Gli educatori sanitari si aspettano anche che più medici fuori dallo stato verranno in California per la formazione poiché l’aborto è criminalizzato in altri stati. Due anni fa, il 92% dei residenti OB-GYN ha riferito di aver avuto accesso alla formazione sull’aborto; I ricercatori dell’UCLA e dell’UC San Francisco hanno stimato che il numero sarebbe sceso al 56%, e forse inferiore, dopo che Roe fosse stato ribaltato.

La formazione di medici fuori dallo stato è importante, ma “Penso decisamente che ci sarà un collo di bottiglia”, ha detto Heyrana, che presto inizierà un nuovo lavoro formando i residenti medici nella cura dell’aborto. “Dobbiamo addestrare i nostri residenti a sentirsi a proprio agio nel fornire questa assistenza e ora abbiamo l’onere aggiuntivo di dover formare i residenti probabilmente in oltre metà del paese”.


2022 Los Angeles Times.

Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Articolo precedenteMalattia di Meniere legata a un rischio più elevato di emicrania
Articolo successivoLa Federal Reserve potrebbe andare piano dopo un aumento del tasso di 75 punti base la prossima settimana