Home Notizie recenti Le donne consigliavano di attendere almeno due anni dopo l’intervento chirurgico per...

Le donne consigliavano di attendere almeno due anni dopo l’intervento chirurgico per la perdita di peso prima di provare ad avere un bambino

148
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

Le donne che hanno subito un intervento chirurgico per la perdita di peso dovrebbero aspettare almeno due anni prima di provare ad avere un bambino, suggerisce una nuova ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità (ECO) a Maastricht, nei Paesi Bassi (4-7 maggio).

La chirurgia bariatrica è sempre più comune nelle donne in età riproduttiva e riduce il rischio di complicanze legate all’obesità, come la preeclampsia e il diabete gestazionale, in gravidanza.

Le donne, tuttavia, hanno maggiori probabilità di avere un bambino molto sottopeso (piccolo per l’età gestazionale, SGA), dopo la chirurgia bariatrica.

I neonati di piccola taglia per l’età gestazionale sono più a rischio di una serie di problemi, tra cui ipotermia, ipoglicemia, infezioni e asfissia neonatale, rispetto a quelli di peso normale.

Di conseguenza, si consiglia generalmente alle donne di attendere almeno 12 mesi dopo l’intervento bariatrico prima di provare ad avere un bambino. Molti paesi europei, compreso il Regno Unito, raccomandano di attendere due anni dopo il bendaggio gastrico e 12 mesi dopo altri tipi di chirurgia bariatrica.

Tuttavia, l’intervallo ottimale tra chirurgia bariatrica e concepimento (BSCI) non è stato determinato.

Per saperne di più, la dott.ssa Ana Carreira e la dott.ssa Bárbara Araújo, Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Centro Hospitalar e Universitário de Coimbra, Coimbra, Portogallo e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo su 48 gravidanze dopo chirurgia bariatrica.

Le donne avevano in media 34,3 anni al momento del concepimento e avevano un BMI medio di 30,9.

Avevano avuto i seguenti tipi di chirurgia bariatrica: bypass gastrico (37,5%), gastrectomia a manica (35,4%), bendaggio gastrico (22,9%) e diversione biliopancreatica (4,2%).

Il 14,6% dei bambini è stato concepito meno di 12 mesi dopo la chirurgia bariatrica, un altro 14,6% tra 12 e 24 mesi dopo l’intervento e il 70,8% ha avuto una BSCI di oltre 24 mesi.

Il peso medio alla nascita era di 2980 ge il 26,3% dei bambini era SGA (definito in questo studio come uno che è più piccolo di oltre il 90% dei bambini nati allo stesso numero di settimane di gravidanza).

Il tempo dalla chirurgia bariatrica al concepimento è stato significativamente inferiore nei bambini SGA (23,1 mesi contro 64,7 mesi).

L’analisi ha anche rivelato che più a lungo una donna aspettava di rimanere incinta, minori erano le sue possibilità di avere un bambino SGA.

Ogni mese di attesa aggiuntivo era associato a un rischio inferiore del 5% di avere un bambino SGA e a un aumento di 4,2 g del peso alla nascita.

Il tempo ottimale di attesa è risultato essere di almeno 24,5 mesi. Le donne con una BSCI inferiore a 24,5 mesi avevano una probabilità 15 volte maggiore di avere un bambino SGA rispetto a quelle che aspettavano più a lungo per concepire.

Infine, il rischio di avere un bambino SGA era simile per diversi tipi di chirurgia bariatrica.

Il Dr. Araújo afferma: “L’intervallo tra la chirurgia bariatrica e il concepimento ha un impatto significativo sul peso alla nascita, con intervalli più brevi associati a un rischio maggiore di avere un bambino molto sottopeso.

“Ciò è probabilmente dovuto alla rapida perdita di peso che si verifica dopo l’intervento chirurgico bariatrico, rendendo difficile per la donna aumentare di peso adeguato durante la gravidanza. La rapida perdita di peso può anche portare a carenze nutrizionali che possono essere dannose per il bambino.

“Un intervallo più lungo dall’intervento chirurgico al concepimento consente di stabilizzare il peso e lo stato nutrizionale della donna”.

La dott.ssa Carreira aggiunge: “Raccomandiamo alle donne di attendere almeno due anni dopo l’intervento bariatrico prima di provare a concepire, indipendentemente dal tipo di intervento chirurgico.

“Sebbene sia possibile modificare leggermente questo su base individuale, è importante che le donne che si sottopongono a chirurgia bariatrica siano consapevoli del rischio di un concepimento precoce e dei benefici di ritardare la gravidanza”.


Fornito dall’Associazione Europea per lo Studio dell’Obesità

Articolo precedenteI tassi di obesità negli adulti danesi sono triplicati negli ultimi tre decenni
Articolo successivoL’obesità aumenta tra i bambini e gli adolescenti statunitensi a basso reddito durante l’inizio della pandemia di COVID-19